Diritto e Fisco | Articoli

Rapporti sessuali con la badante: cosa rischio?

5 Novembre 2017 | Autore:
Rapporti sessuali con la badante: cosa rischio?

Avere rapporti sessuali con la propria badante è lecito, a meno che non si abusi della propria posizione di superiorità.

I rapporti sessuali in ambito lavorativo sono assolutamente leciti, sia dal punto di vista civile che penale; pertanto, sono legali anche quelli che intercorrono tra l’assistito e la propria badante. Ciò è vero se il dipendente non è costretto al rapporto dietro minaccia o abuso della propria autorità. Molti si pongono il seguente quesito: cosa rischio se intrattengo rapporti sessuali con la badante? Approfondiamo meglio quanto detto.

Rapporti sessuali con la propria badante: nessun illecito

Il lavoro di badante è, oggi, sempre più richiesto: le persone anziane o ammalate difficilmente vivono in casa dei figli o di chi possa costantemente prendersi cura di loro. Per questo le colf vengono assunte con grande frequenza. Il rapporto che si crea tra la badante e l’assistito diviene ben presto molto stretto, intimo, personale. Ciò è dovuto al fatto che entrambi (assistente e assistito) vivono a stretto contatto praticamente ventiquattro ore su ventiquattro. Questo legame a volte diviene così stabile e duraturo da trasformarsi in qualcos’altro.

Orbene, se tra la badante e l’assistito vi sono rapporti sessuali consenzienti, chiaramente non vi sarà nulla di illecito: due persone liberamente decidono di unirsi, a prescindere dal rapporto lavorativo. Ben diversa, invece, è la situazione di chi molesta oppure costringe la badante a subire rapporti.

Rapporti sessuali con la propria badante: la violenza sessuale

Il codice penale punisce con la reclusione da cinque a dieci anni chi, mediante violenza, minaccia o abuso di autorità, costringe taluno a compiere o subire atti sessuali [1]. Si parla in questi casi di violenza per costrizione. Secondo il codice, alla stessa pena soggiace anche chi induce taluno a compiere o subire atti sessuali abusando delle condizioni di inferiorità fisica o psichica della vittima, ovvero traendo in inganno la stessa sostituendosi ad altra persona. In queste circostanze, non essendovi nessuna coercizione, si parla di violenza per induzione. La violenza sessuale è un reato comune, cioè un reato che può essere commesso da chiunque, senza la necessità di rivestire qualche particolare qualità (ad esempio, non sono reati comuni l’abuso d’ufficio e il peculato perché possono essere commessi soltanto da un pubblico ufficiale, quindi da un soggetto qualificato). L’elemento soggettivo del delitto è il dolo generico, ovvero la consapevolezza di compiere atti sessuali costringendo o inducendo la vittima a subirli contro il proprio volere. È indifferente il fine specifico dell’aggressore: l’atto sessuale può essere compiuto per dare mero sfogo alla propria libidine, per vendetta, per un malato innamoramento.

Rapporti sessuali con la propria badante: quando è reato

Fatte queste doverose premesse, possiamo rispondere alla domanda di fondo: cosa rischia chi intrattiene rapporti sessuali con la propria badante? Nulla, se il rapporto è consensuale; se non lo è, il rischio è di incorrere nel grave reato di violenza sessuale di cui sopra.

Un recente sondaggio ha rivelato che le assistenti familiari, a causa del lavoro che svolgono, possono essere vittime di diverse forme di violenza, sia fisica (dalle molestie sessuali alle percosse di vario tipo) che psichica (insulti e ricatti), commesse sia dagli assistiti che dai familiari. Circa il 14% delle lavoratrici afferma di aver subito molestie sessuali, mentre il 10% viene insultata sistematicamente.

Un fondamentale sentenza della Corte di Cassazione ha stabilito che l’abuso di autorità rilevante ai sensi del reato di violenza sessuale non è ravvisabile solo allorquando sussista in capo all’agente una posizione autoritativa di tipo formale e pubblicistico, ma va inteso in senso ampio, essendo ravvisabile anche in presenza di ogni potere di supremazia di natura privata, di cui l’agente abusi per costringere il soggetto passivo a compiere o a subire atti sessuali [2]. Questo significa che la qualità di datore di lavoro strumentalizzata per costringere una lavoratrice a subire atti sessuali costituisce senz’altro violenza sessuale.


note

[1] Art. 609-bis cod. pen.

[2] Cass., sent. n. 33049/2016.

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube