Diritto e Fisco | Articoli

Limiti per neopatentati

14 novembre 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 14 novembre 2017



Restrizioni e sanzioni per i neo titolari di patente

Dal 2011 sono stati introdotti dei limiti alla guida per coloro che hanno appena conseguito la patente. I limiti per neopatentati sono stati pensati per garantire la sicurezza stradale e incidono tanto sulla velocità e la potenza dei veicoli, quanto sull’uso di alcolici. I limiti per neopatentati nelle gravi e medie infrazioni, in genere, prevedono una sanzione accessoria, spesso il raddoppio dei punti sottratti e possono arrivare fino alla revoca della patente per almeno tre anni.

Chi sono i neopatentati

Secondo la legge neopatentato è il soggetto che ha conseguito, da meno di tre anni, la patente per le categorie A, A2, B o B1, oppure chi (dopo il 1° ottobre 2003) ottiene per la prima volta la patente A (e non possedeva già la patente B) o la patente B (anche se già titolare di patente A). Non si considera neopatentato chi, se già titolare di patente B da almeno 3 anni, consegue una patente superiore.

È considerato un neopatentato, e come tale soggetto agli stessi limiti, l’automobilista straniero proveniente da un qualsiasi Paese al di fuori della Unione europea, residente in Italia da almeno un anno, che abbia convertito la patente di guida originaria in una nuova patente italiana.

Limiti per neopatentati: la potenza del motore

Per il Codice della strada, al titolare di patente di guida di categoria B conseguita dopo il 9 febbraio 2011, per il primo anno dal rilascio, non è permessa la guida di:

  • autoveicoli con potenza specifica (tara) superiore a 55 kW per tonnellata (kW/t);
  • autoveicoli di categoria M1 con potenza massima di 70 kW, pari a 95 cavalli.

I veicoli di categoria M1 sono le normali autovetture ma anche i mezzi destinati al trasporto di persone fino a un massimo di 9 posti a sedere compreso il conducente. Per essere certi che il mezzo rispetti queste caratteristiche basta verificarlo sulla carta di circolazione.

Trascorso il primo anno  il neo patentato B potrà guidare liberamente ogni mezzo appartenente alla categoria per cui ha acquisito la licenza di guida senza limiti di potenza.

Le limitazioni sulla potenza auto per i neopatentati non si applicano ai veicoli adibiti al servizio di persone invalide e autorizzate [1]  purché l’autoveicolo sia munito di un apposito contrassegno di circolazione e che la persona invalida sia presente sullo stesso al momento del controllo effettuato dalle forze dell’ordine.

Qualora si volesse verificare se il veicolo che s’intende guidare rientri nei limiti in vigore per i neopatentati alla guida, è possibile collegarsi sul sito il Portale dell’automobilista e inserire il numero di targa.

Limiti per neopatentati: la velocità 

È di fondamentale importanza ricordare che i limiti per i neopatentati si estendono anche alla velocità. Gli automobilisti che hanno conseguito la patente di guida nelle categorie A, A2, B o B1 da meno di tre anni, devono rispettare i seguenti limiti di velocità massima:

  • 100 Km/h in autostrada;
  • 90 Km/h sulle strade extraurbane principali.

Tali limitazioni alla guida e alla velocità iniziano dalla data di superamento dell’esame per la patente e dura per tre anni. La  violazione di tali limiti è punita con il pagamento di una multa che va da 152,00 a 608,00 euro e con la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente da un minimo di due a un massimo di otto mesi.

Altri limiti dei neopatentati

Per la normativa italiana il limite legale del tasso di alcolemia nel sangue è di 0,5 g/litro. L’automobilista che conduca un mezzo oltre questo limite è considerato in stato di ebbrezza. La guida in stato di ebbrezza costituisce reato ed è punita con la perdita di 10 punti della patente e con sanzioni più severe. Ai neopatentati nei primi tre anni dal conseguimento della patente B e fino al compimento dei 21 anni di età, è vietato guidare dopo aver assunto bevande alcoliche in quanto per loro, a differenza dei precedenti, il limite di tasso alcolemico è zero.

I punti sulla patente 

Dal 13 agosto 2010, ai neopatentati che nei primi tre anni di patente non commettono infrazioni stradali, è attribuito 1 punto di bonus per ogni anno passato, raggiungendo un massimo di 3 punti patente.

Per le infrazioni alla norme del Codice della strada di un neopatentato la decurtazione dei punti della patente è raddoppiata. La decurtazione non può superare i 15 punti, salvo che non siano state commesse violazioni gravi che comportino sospensione o revoca della patente di guida.

note

[1] Art. 188 Codice della strada.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI