Tech | Editoriale

Nuovo digitale terrestre: cinque motivi per non cambiare tv!

6 novembre 2017 | Autore:


> Tech Pubblicato il 6 novembre 2017



Tra qualche anno ci sarà il passaggio al nuovo standard Dvb-T2 Hevc, ma è ancora troppo presto per cambiare il vecchio televisore, ed ecco perchè.

Avevamo visto in questo articolo cosa comporta il passaggio al nuovo standard Dvb-T2 Hevc per il digitale terrestre che costringerà molte famiglie a sostituire il loro televisore con uno compatibile. La notizia è stata riportata su diverse testate giornalistiche diffondendo un po’ di panico.

C’è già chi si è mosso alla ricerca di un nuovo televisore compatibile col Dvb-T2, ma ancora è troppo presto per preoccuparsi, e acquistare subito un nuovo televisore potrebbe rivelarsi una scelta, oltre che dispendiosa, inutile. Ma vediamo per non cambiare tv ora.

Punto primo: il nostro televisore è davvero obsoleto?

Il televisore in nostro possesso potrebbe già essere compatibile col nuovo standard, anche se è stato acquistato nel 2016. Prima di considerarlo obsoleto, quindi, verificare bene controllando nelle specifiche i tuner televisivi di cui è dotato: potrebbe già avere il Dvb-T2 Hevc. Alcuni modelli sono persino dotati di tuner satellitari che quindi possono ricevere i canali attraverso la parabola.

Punto secondo: incentivi e scontistiche.

Da qui al 30 giugno 2022, termine ultimo per adeguarsi al nuovo sistema Dvb-T2, mancano più di quattro anni. Fino ad allora non è detto che non vengano inseriti incentivi nelle prossime finanziarie, come già accaduto in passato. I produttori di televisori, inoltre, proveranno da subito a cavalcare la notizia per spingere l’acquisto di un nuovo televisore, ma attenzione: potrebbero essere solo specchi per le allodole. È molto più probabile che vere offerte si avranno tra qualche anno, quando l’effetto della notizia sarà già passato e saranno costretti a far leva sul prezzo per spingere le vendite.

Punto terzo: avremo davvero bisogno del digitale terrestre?

Già ora molte piattaforme televisive iniziano a distribuire i contenuti attraverso la cosiddetta Iptv, ovvero attraverso una connessione a Internet. Con la diffusione della banda larga è già possibile guardare in streaming non solo film e serie tv, ma anche eventi live. Il futuro, quindi, è dell’Iptv ed è molto probabile che il modo di fruire la televisione, così come lo intendiamo oggi, cambierà completamente. Basterà il nostro modem per sintonizzarci sui nostri canali preferiti e non avremo bisogno di antenne o parabole per ricevere il segnale.

Punto quarto: la tecnologia invecchia velocemente!

Un televisore acquistato oggi, tra 3 o 4 anni potrebbe essere già obsoleto, anche se compatibile col nuovo standard Dvb-T2. I nuovi smart tv non sono più solo semplici televisori per sintonizzarsi sui canali televisivi, ma integrano tantissime altre funzioni. Sono tv “intelligenti” che si collegano a internet, consentono di accedere a servizi e contenuti attraverso le app, possono installare giochi e moltissimo altro. Il 4K è lo standard per il prossimo futuro e questo è il primo anno in cui assistiamo ad un’offerta davvero importante per quello che riguarda i televisori Oled. La tecnologia Oled offre immagini di qualità superiore rispetto quella Led, ma siamo ancora agli inizi e i prezzi sono ancora alti. Tra 2 o 3 anni molto probabilmente potremo acquistare un televisore con tutte le nuove tecnologie a prezzi molto più accessibili.

Punto quinto: basta un decoder.

Come è stato per il vecchio digitale terrestre, anche in futuro potremo continuare a guardare i canali televisivi tradizionali acquistando un decoder esterno Dvb-T2 che comporterà una spesa di pochi euro e non ci costringerà a cambiare la vecchia tv.

Concludendo, quindi, cambiare ora il televisore ha senso solo se effettivamente quello vecchio è arrivato oramai alla fine del suo ciclo di vita e lo si vuole sostituire con una più tecnologico. Ma non ha senso ora cambiare il vecchio televisore perché tra qualche anno ci sarà lo switch off al Dvb-T2.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. Ad esempio in una casa con più televisori si può pensare di adottare un modulatore video in hd abbinato ad un decoder tv dvbt2

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI