Diritto e Fisco | Articoli

Rimborso dei vecchi voucher non utilizzati

8 Novembre 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 8 Novembre 2017



I voucher telematici acquistati e non utilizzati prima del 17 marzo possono essere rimborsati all’acquirente: vediamo come.

La disciplina dei voucher telematici utili per pagare i corrispettivi di lavoratori che svolgono prestazioni saltuarie è stata abrogata dal 17 marzo 2017 [1].

Pertanto, i  committenti che hanno acquistato i voucher telematici prima del 17 marzo 2017 e non li hanno utilizzati, non possono più usarli per pagare chi ha lavorato il loro favore.

È però possibile chiedere il rimborso dei vecchi voucher non utilizzati prima del 17 marzo 2017: vediamo allora come è possibile chiedere il rimborso dei voucher  acquistati e non utilizzati entro questa data all’Inps.

Procedura per il rimborso dei voucher non utilizzati

Il committente che ha acquistato voucher telematici prima del 17 marzo 2017 e non li ha utilizzati per pagare il prestatore di lavoro può richiedere il rimborso dei voucher all’Inps.

Il rimborso dei voucher non usati deve chiedersi con il modello  Sc52, disponibile sul sito dell’Inps e presso le sue sedi. Il modello va compilato in ogni sua parte ed inoltrato allo sportello dell’ente previdenziale.

Il committente che vuole il rimborso dei voucher acquistati ma non utilizzati entro il 17 marzo 2017 deve comunicare col  modulo Sc52 i seguenti dati [2]:

  • ricevuta di pagamento dei voucher
  • data del pagamento e ammontare dell’importo versato per acquistare i voucher
  • qualora si sia provveduto con un pagamento online, occorre indicare il codice Inps rilasciato in quella sede dal sistema informatico
  • qualora il pagamento sia stato effettuato mediante bollettino, occorre indicare il VCY e la sezione come dati che contraddistinguono il pagamento

È necessario, quando ci si reca allo sportello per consegnare il modulo di richiesta di rimborso, allegare anche i voucher cartacei non compilati e non utilizzati, integri e senza abrasioni.

Ancora, al modulo di richiesta di rimborso dei voucher acquistati e non utilizzati prima del 17 marzo 2017 deve essere allegata la ricevuta che comprova il pagamento fatto: l’allegazione della ricevuta di versamento è necessaria qualunque sia il metodo di pagamento utilizzato, tranne per il caso in cui i voucher siano stati pagati con f24; in questo caso l’allegazione del modello f24 è facoltativa.

Termini per richiedere il rimborso dei voucher telematici non utilizzati

Il termine per richiedere il rimborso dei voucher telematici acquistati prima del 17 marzo 2017 e non utilizzati è pari a 24 mesi dalla data di emissione dei voucher stessi.

Dopo questa data non saranno più possibili rimborsi.

note

[1] D. L. n. 25/2017.

[2] Messaggio Inps n. 4405 del 07.11.2017.

Autore immagine Pixabay


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI