Business | Articoli

Allarme Onu: i pesticidi uccidono, non fanno produrre di più

8 Marzo 2017
Allarme Onu: i pesticidi uccidono, non fanno produrre di più

Secondo l’ultimo rapporto delle Nazioni Unite i pesticidi non portano alcun beneficio produttivo, ma sono particolarmente pericolosi, i numeri  del disastro.

Una vera bomba ecologica, un’arma lenta ma letale, subdola nel suo agire. I pesticidi utilizzati in agricoltura, che per anni sono stati ritenuti necessari per garantire la produttività nel sistema moderno, potrebbero essere, invece, diretta causa di morte. È  quanto emerge dall’ultimo report delle Nazioni Unite.

Il report dell’Onu

Il rapporto è stato portato avanti da due inviati speciali dell’Onu:  Hilal Elver,inviato per il Diritto al cibo e Baskut Tuncak, inviato per le Sostanze tossiche.

Secondo l’analisi condotta dai due commissari e presentata al Consiglio per i Diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra, i pesticidi sono responsabili di 200mila decessi all’anno per avvelenamento acuto ed il 99% di tali morti avviene nei paesi in via di sviluppo.

L’economia industriale non aumenta i raccolti

Sono ormai anni che si predica il ritorno alle origini in tema di agricoltura, con una tendenza a riscoprire le modalità antiche di coltivazione della terra e l’eliminazione progressiva degli agenti chimici, non guardando tanto alle colture intensive quanto piuttosto alla differenziazione. Il rapporto sembra confermare il sostegno a tale linea:«si ritiene comunemente che l’agricoltura intensiva industriale, che si basa pesantemente sui pesticidi, sia necessaria per aumentare i raccolti per sfamare una popolazione mondiale in crescita- sottolinea il rapporto – Nei 50 anni passati, la popolazione globale è più che raddoppiata, mentre la terra arabile disponibile è aumentata solo del 10%»…come dire, produciamo fin troppo, aumentando gli sprechi e distruggendo la terra e la nostra salute.

Danni scientifici ed interessi economici

L’Onu è chiara: i danni provocati dai pesticidi sono ormai scientificamente provati: inquinano l’ambiente, uccidono, fanno ammalare, destabilizzano l’ecosistema, alterano il rapporto fra prede e predatori, limitano la biodiversità. Eppure si continua a negare l’evidenza, sottolineano gli inviati: «Una negazione sistematica della grandezza del danno portato da queste sostanze chimiche, e tecniche di marketing aggressive e non etiche rimangono incontrastate».

Nessun trattato in materia

Gli inviati Onu concludono evidenziando la carenza normativa in materia e la mancanza di trattati che diano regole in materia, vietando i pesticidi altamente pericolosi o quanto meno regolandone l’uso.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube