Concorsone Inps 2017, 365 posti

9 Novembre 2017 | Autore:
Concorsone Inps 2017, 365 posti

Indetto ufficialmente un nuovo maxi concorso Inps per l’assunzione di 365 funzionari.

Arriva finalmente la conferma ufficiale del concorsone Inps per l’assunzione di nuovi funzionari: il concorso, preannunciato nella recente relazione del presidente dell’Inps, Tito Boeri [1], è stato confermato con una determina appena pubblicata [2]. Le assunzioni, in particolare, riguardano 365 nuovi funzionari in area C, posizione economica C1, su tutto il territorio nazionale, per la posizione di analista di processo-consulente professionale.

Requisiti per partecipare al concorso Inps 2017

Secondo quanto reso noto nella determina, i nuovi funzionari devono possedere una laurea magistrale o specialistica, o diploma di laurea del vecchio ordinamento in:

  • scienze dell’economia;
  • scienze economico-aziendali;
  • ingegneria gestionale;
  • scienze dell’amministrazione;
  • giurisprudenza;
  • teorie e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica.

I candidati devono poi essere in possesso di una certificazione in corso di validità della conoscenza della lingua inglese, pari almeno al livello B2, rilasciata da un ente certificatore riconosciuto.

I candidati devono inoltre possedere:

  • la cittadinanza italiana, europea o l’appartenenza alle tipologie equiparabili;
  • l’idoneità all’impiego, il godimento dei diritti politici;
  • l’assenza di destituzione o di decadenza dall’impiego presso una pubblica amministrazione.

Prove di selezione concorso Inps 2017

Le prove di selezione previste sono:

  • prova scritta oggettivo-attitudinale: consiste in una serie di quesiti a risposta multipla di carattere attitudinale, logica, competenze linguistiche ed informatiche, cultura generale;
  • prova scritta tecnico-professionale, che verte su:
    • bilancio, pianificazione, programmazione e controllo;
    • contabilità pubblica, organizzazione e gestione aziendale;
    • diritto amministrativo e costituzionale;
    • diritto civile;
    • diritto del lavoro e legislazione sociale;
    • diritto penale;
    • elementi di analisi economica;
    • elementi di statistica e matematica attuariale;
    • scienza delle finanze e economia del lavoro;
  • prova orale, che verte sulle stesse materie della prova scritta.

Ogni prova può valere al massimo 30/30.

Valutazione dei titoli

Saranno attribuiti i seguenti punteggi in relazione ai titoli posseduti, dichiarati nella domanda:

  • 4 punti per laurea magistrale/specialistica/vecchio ordinamento con votazione finale da 101 a 105;
  • 8 punti per laurea magistrale/specialistica/vecchio ordinamento con votazione finale da 106 a 110;
  • 12 punti per laurea magistrale/specialistica/vecchio ordinamento con votazione finale pari a 110 e lode;

Al predetto punteggio saranno sommati i seguenti punteggi in relazione relativi ai seguenti titoli posseduti, dichiarati nella domanda:

  • 4 punti per uno o più master di II livello inerenti alle materie del presente bando di concorso;
  • 8 punti per uno o più dottorati di ricerca (DR) inerenti alle materie del presente bando di concorso.

Al predetto punteggio saranno sommati i seguenti punteggi in relazione relativi ai seguenti titoli posseduti, dichiarati nella domanda:

  • 4 punti per ulteriore/i laurea/e magistrale/specialistica/vecchio ordinamento ( o ulteriori lauree magistrali/specialistiche/vecchio ordinamento), a prescindere dal punteggio riportato;
  • 1 punto per ECDL;
  • 5 punti per livello C1 inglese o livello superiore.

Il punteggio massimo attribuibile per la valutazione dei titoli è pari a 30 punti.

Domande di concorso

Le domande di concorso potranno essere inoltrate attraverso il sito dell’Inps, utilizzando le proprie credenziali (Pin, Spid o Cns) entro le ore 16 del 31° giorno dalla pubblicazione del bando nella Gazzetta Ufficiale.


note

[1] Relazione Presidente Inps XVI del30/06/2017.

[2] Determina Presidente Inps del 07/11/2017.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube