Diritto e Fisco | Articoli

Nulle le multe notificate al vecchio indirizzo risultante al PRA

20 Novembre 2012
Nulle le multe notificate al vecchio indirizzo risultante al PRA

Nulla la notifica al vecchio indirizzo dell’automobilista che si è trasferito.

È nulla la notifica di una contravvenzione inviata al precedente indirizzo dell’automobilista, per come risultante al Pubblico Registro Automobilistico (PRA), se questi, nel frattempo, si è trasferito.

È l’orientamento della Cassazione [1]: orientamento che spesso viene ignorato. La Suprema Corte ha annullato una sentenza che aveva confermato i verbali di contestazione notificati presso il vecchio indirizzo del conducente indicato dalla carta di circolazione.

Il codice della strada, infatti, nello specificare che le notifiche devono eseguirsi presso “la residenza, domicilio o sede del soggetto risultante dalla carta di circolazione”, non intende – secondo la Suprema Corte – consentire un semplice tentativo di recapito presso uno dei predetti luoghi. Al contrario è necessario l’espletamento delle formalità previste per le ipotesi di irreperibilità del destinatario. Queste formalità consistono, nel caso di irreperibilità del destinatario, nel deposito presso la casa comunale e l’affissione del relativo avviso (in busta chiusa) alla porta di casa, dell’ufficio o dell’azienda del destinatario, oltre che nel dargliene notizia per raccomandata con avviso di ricevimento.

Dunque, qualora non si sia provveduto ad effettuare tali adempimenti, nel caso di trasferimento del trasgressore in luogo non indicato sulla carta di circolazione, il tentativo di notifica puro e semplice presso il precedente indirizzo del trasgressore è nullo e la multa stessa si considera come mai notificata. Con tutte le conseguenze del caso.

Difatti ricordiamo che la multa mai notificata al trasgressore o notificata oltre 90 giorni (360 in caso di residenza all’estero) è nulla.

 

 

 


note

[1] Cass. sent. n. 18049/2011.

 


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube