L’esperto | Articoli

Direzione distrettuale e nazionale antimafia e antiterrorismo

25 novembre 2017 | Autore:


> L’esperto Pubblicato il 25 novembre 2017



Come funzionano le indagini in ambito di reati a stampo mafioso o terroristico con la DDA e DNA.

Per arginare la crescente diffusione dell’attività criminale organizzata, mafiosa e camorristica, sul territorio nazionale, il legislatore ha ritenuto opportuno concentrare in poche mani le indagini preliminari relative a tali tipi di reati. A tal fine ha ampliato la sfera di competenza territoriale delle maggiori Procure della Repubblica con le disposizioni contenute nel D.L. 20-11-1991, n. 367 (conv. in L. 8/1992) che ha modificato l’art. 51 del c.p.p., aggiungendo i commi 3bis e seguenti. È previsto, infatti, che allorché si proceda per i delitti consumati o tentati di cui agli artt. 416, comma 6 e 7, 416, realizzato allo scopo di commetterre taluno dei delitti di cui all’art. 12, c. 3 e 3ter, D.Lgs. 286/1998 [1], 416, realizzato allo scopo di commettere delitti di cui agli artt. 473 e 474, 600, 601, 602, 416bis, 416ter e 630 c.p. e per altri delitti commessi avvalendosi delle condizioni di cui all’art. 416bis (i cd. reati mafiosi), o per il delitto previsto dall’art. 74 del T.U. 309/90 (associazione per il traffico di stupefacenti), per il delitto di cui all’art. 291quater D.P.R. 43/1973 (associazione per delinquere finalizzata al contrabbando di tabacchi lavorati esteri), per il delitto di cui all’art. 260 D.Lgs. 152/2006 (traffico illecito di rifiuti) ovvero per delitti commessi per finalità di terrorismo (art. 51, c. 3quater), ovvero ancora per i delitti in materia di pedopornografia, di reati informatici, di intercettazione abusiva (art. 51, c. 3quinquies), lo svolgimento delle indagini preliminari sono affidate alla Procura della Repubblica del capoluogo del distretto di Corte di Appello ove ha sede il giudice competente. Ciò significa, ad esempio, che sebbene un reato di mafia sia commesso ad Agrigento, competente a svolgere le indagini è la Procura della Repubblica di Palermo. Il D.L. 367/91, modificando l’Ordinamento Giudiziario, ha previsto che presso ogni Procura della Repubblica sita nel capoluogo di Corte di Appello, sia costituito uno specifico ufficio destinato alla cura delle predette indagini e denominato «Direzione distrettuale antimafia». A tale direzione sono assegnati magistrati scelti direttamente dal Procuratore della Repubblica che assume in prima persona la guida della direzione, eventualmente affidandola ad un suo delegato.

La modifica della competenza per lo svolgimento delle indagini preliminari ha determinato anche una parallela modificazione della competenza territoriale del G.I.P. Infatti, per i cd. delitti di mafia, le funzioni di G.I.P. e di G.U.P. [2] sono esercitate dal giudice per le indagini preliminari del capoluogo del distretto nel cui ambito è stato commesso il reato.

In pratica, quando per le indagini relative ad un reato procede la Direzione distrettuale antimafia, che ha sede presso la procura del tribunale del capoluogo della corte di appello ove è sito il giudice competente (art. 51, comma 3bis), le funzioni di giudice delle indagini preliminari sono svolte dal GIP presso il tribunale del predetto capoluogo (art. 328, comma 1bis c.p.p.). A titolo esemplificativo, se un delitto di mafia è commesso ad Avellino, le indagini saranno svolte dalla DDA presso la Procura della Repubblica di Napoli e le funzioni di G.I.P. da un magistrato del tribunale di Napoli. Inoltre, dopo l’esercizio dell’azione penale, anche le funzioni di giudice dell’udienza preliminare (G.U.P.) devono essere svolte da un magistrato del tribunale del capoluogo (per tornare all’esempio fatto in precedenza, dal G.U.P. di Napoli).

Il collegamento ed il coordinamento di tutte le direzioni distrettuali antimafia (D.D.A.) è affidato ad una «Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo» (D.N.A.) costituita nell’ambito della Procura Generale presso la Corte di Cassazione. Al suo vertice è destinato il «Procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo» scelto dal C.S.M. tra magistrati con specifica competenza.

Alla D.N.A. sono assegnati, in qualità di «sostituti», magistrati, con qualifica non inferiore a quella di magistrato di Corte di Appello, anch’essi nominati dal C.S.M.

Una vera e propria funzione di direzione delle indagini è, quindi, affidata al Procuratore della D.N.A., ora anche antiterrorismo.

La L. 43/2015 (cd. decreto antiterrorismo) introduce una novità rilevante dal punto di vista istituzionale, concernente l’attribuzione all’attuale Direzione nazionale antimafia e al Procuratore nazionale antimafia di competenze aggiuntive in materia di coordinamento del contrasto al terrorismo, con conseguente loro trasformazione — rispettivamente — in Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo e in Procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo.

Nell’ambito della procura generale presso la Corte di cassazione è istituita la Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo.

Al Procuratore Nazionale sono attribuite le funzioni previste dall’art. 371bis c.p.p. Egli gode di una posizione di larga autonomia, da esercitare; peraltro, il procuratore generale presso la Corte di cassazione esercita la sorveglianza sul procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo e sulla relativa Direzione nazionale.

Il Procuratore nazionale antimafia è, infatti, l’organo del pubblico ministero chiamato a coordinare le indagini operate dalle ventisei procure distrettuali antimafia, istituite presso i tribunali dei capoluoghi di distretto di Corte d’appello, esercitando poteri di indirizzo, impulso, direzione ed avocazione delle indagini. Analiticamente, le funzioni svolte dalla DNA sono indicate dall’art. 371bis (come modificato dalla 43/2015, cd. decreto antiterrorismo).

A tenore dell’art. 371bis il Procuratore Nazionale Antimafia ed antiterrorismo:

  • definisce il campo d’intervento del Procuratore nazionale antimafia, prevedendo che egli esercita le sue funzioni in relazione ai procedimenti per i delitti indicati nell’art. 51, comma 3bis e comma 3quater, p.p. e in relazione ai procedimenti di prevenzione antimafia e antiterrorismo. In relazione ai procedimenti per i delitti di cui all’articolo 51, comma 3bis dispone della Direzione investigativa antimafia e dei servizi centrali e interprovinciali delle forze di polizia e impartisce direttive intese a regolarne l’impiego a fini investigativi. In relazione ai procedimenti per i delitti di cui all’articolo 51, comma 3quater, si avvale altresì dei servizi centrali e interprovinciali delle forze di polizia e impartisce direttive intese a regolarne l’impiego a fini investigativi;
  • esercita funzioni di impulso nei confronti dei procuratori distrettuali al fine di rendere effettivo il coordinamento delle indagini;
  • assicura, d’intesa con i procuratori distrettuali interessati, il coordinamento investigativo, anche per mezzo dei magistrati del proprio ufficio (lett. a); dispone applicazioni temporanee di magistrati dalla DNA o delle DDA per la trattazione di procedimenti di particolare complessità o che richiedano specifiche professionalità, ogni qualvolta ciò risulti necessario (lett. b).

A tal fine l’art. 105 del Codice antimafia (che ha sostituito l’art. 110bis dell’ordinamento giudiziario) dispone che per la trattazione dei procedimenti relativi ai delitti indicati nell’articolo 51, co. 3bis, quando si tratta di procedimenti di particolare complessità o che richiedono specifiche esperienze e competenze professionali, il procuratore nazionale antimafia possa applicare non solo «i magistrati appartenenti alla Direzione nazionale antimafia e quelli appartenenti alle direzioni distrettuali antimafia», ma anche «con il loro consenso, magistrati di altre procure della Repubblica presso i tribunali». Analoga applicazione di magistrati può essere disposta dal Procuratore nazionale antimafia per la trattazione di singoli procedimenti di prevenzione patrimoniale (art. 106 del Codice antimafia, già art. 110ter dell’ordinamento giudiziario);

  • per potere realizzare il coordinamento, provvede all’acquisizione di notizie, informazioni e dati sulla criminalità organizzata (lett. c).

A tal fine l’articolo 117, co. 2bis, prevede che il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo,accede al registro delle notizie di reato, al registro di cui all’articolo 81 del codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché a tutti gli altri registri relativi al procedimento penale e al procedimento per l’applicazione delle misure di prevenzione. Il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo accede, altresì, alle banche di dati logiche dedicate alle procure distrettuali e realizzate nell’ambito della banca di dati condivisa della Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo L’art. 18bis dell’ordinamento penitenziario (l. 354 del 1975) prevede altresì che il Procuratore nazionale antimafia, ai fini dell’esercizio delle funzioni di impulso e di coordinamento, possa procedere a colloqui personali con detenuti e internati, senza necessità di autorizzazione;

  • impartisce specifiche direttive ai procuratori distrettuali per prevenire o risolvere contrasti riguardanti le modalità del coordinamento investigativo (lett. f) e li riunisce al fine di risolvere i contrasti eventualmente sorti e realizzare il coordinamento (lett. g).

Si ricorda che, ai sensi dell’art. 54ter, quando sussiste un contrasto, negativo o positivo, in materia di criminalità organizzata, tra pubblici ministeri di uffici distrettuali diversi, il procuratore generale presso la Cassazione provvede, sentito il Procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo; analogamente, se il contrasto è tra ufficio distrettuale e procura circondariale dislocata presso un tribunale non distrettuale, deve essere risolto dal procuratore generale presso la corte d’appello, che dovrà informare dei provvedimenti adottati il procuratore nazionale antimafia;

  • dispone con decreto motivato, reclamabile al procuratore generale presso la corte di cassazione, l’avocazione delle indagini preliminari relative a taluno dei delitti indicati nell’articolo 51, comma 3bis e comma 3quater, quando non hanno dato esito le riunioni disposte al fine di promuovere o rendere effettivo il coordinamento e questo non è stato possibile a causa della perdurante e ingiustificata inerzia nella attività di indagine e della ingiustificata e reiterata violazione dei doveri previsti dall’articolo 371 ai fini del coordinamento delle indagini (lett. h);
  • il comma 4 precisa che il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo provvede alla avocazione dopo aver assunto sul luogo le necessarie informazioni, personalmente o tramite un magistrato della Direzione nazionale; salvi casi particolari, il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo o il magistrato da lui designato non può delegare per il compimento degli atti di indagine altri uffici del pubblico ministero [3].

 

note

[1] Questa ipotesi di delitto è inserita dal d. l. 17-2-2017, n. 13, conv. in l. 13-4-2017, n. 46 in materia di contrasto all’immigrazione illegale.

[2] Tale indicazione circa il G.U.P. competente è stata chiarita dall’art. 4bis D.L. 7-4-2000, n. 82 (conv. in L. 144/2000), che ha in tal senso interpretato in modo autentico il comma 1bis dell’art. 328.

[3] La legge 68/2015, in materia di delitti contro l’ambiente, introduce nuovi delitti contro l’ambiente. La legge interviene allora massicciamente sulla materia, inserendo innanzitutto nel codice penale un autonomo titolo (il titolo VIbis, collocato sistematicamente immediatamente dopo il titolo relativo ai delitti contro l’incolumità pubblica) dedicato ai delitti contro l’ambiente (inquinamento ambientale, disastro ambientale, traffico ed abbandono di materiale di alta radioattività, nonché attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti). Viene, inoltre, modificato l’art. 118bis disp. att. c.p.p., in materia di coordinamento delle indagini tra Procure della Repubblica e Procura Nazionale Antimafia. Infatti, il procuratore della Repubblica, quando procede a indagini per taluno dei delitti indicati nell’articolo 407, co. 2, lett. a), c.p.p., nonché per delitti contro l’ambiente, ne dà notizia al procuratore generale presso la corte di appello nonché all’Agenzia delle entrate ai fini dei necessari accertamenti. Se rileva trattarsi di indagini collegate, il procuratore generale ne dà segnalazione ai procuratori generali e ai procuratori della Repubblica del distretto interessati al coordinamento. Il procuratore della Repubblica, quando procede a indagini per i delitti contro l’ambiente, ne dà altresì notizia al Procuratore nazionale antimafia.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI