Diritto e Fisco | Articoli

Inps: dove vedere la pensione

22 Novembre 2017 | Autore:
Inps: dove vedere la pensione

Il cedolino mensile permette di vedere e tenere sotto controllo l’importo della propria pensione ed eventuali variazioni: ecco dove trovarlo

Il momento tanto atteso è arrivato: abbiamo salutato capi e colleghi per entrare nel desiderato mondo dei pensionati, pronti a goderci i nostri meritati anni di riposo e tempo libero. Possiamo dedicarci ai nipotini che arrivano, riprendere quel corso di studi che avevamo abbandonato molto tempo fa, dedicarci ai nostri hobby, trascorrere più ore all’aria aperta e facendo sport, per mantenerci giovani e allungarci il più possibile la vita. Sarebbe bene però tenere sempre sotto controllo la parte amministrativa relativa alla nostra pensione: la somma che ci viene erogata, eventuali scostamenti tra una mensilità e l’altra, possibili problemi nei versamenti. Esattamente come facevamo con i nostri stipendi e le nostre buste paga da lavoratori. Lo possiamo fare, ogni mese quando la pensione ci viene pagata, e ogni giorno, attraverso servizi che l’Inps ci mette a disposizione online. Possiamo controllare tutto in qualsiasi momento. Come? Vediamo le diverse modalità di verifica della nostra pensione.

Pensione: come viene erogata?

Abbiamo tutti i contributi e gli anni necessari per poter andare in pensione. Il patronato ci ha dato una mano a fare tutti i conteggi necessari: contare i contributi di lavoro, sommare quelli figurativi, fare eventuali ricongiungimenti. Abbiamo presentato domanda all’Inps e la domanda ci è stata accettata. Siamo in pensione.

Ci è stato chiesto come vogliamo ricevere il pagamento e abbiamo dovuto scegliere tra le seguenti modalità:

  • Riscossione in contanti agli sportelli dell’ufficio pagatore (fino all’importo massimo di mille euro)
  • Accredito sul proprio conto corrente bancario
  • Accredito sul libretto di risparmio postale o sul conto corrente postale
  • Con carta prepagata associata a un Iban (anche se questa via sperimentale non è presente in tutte le città)
  • Con assegno circolare non trasferibile, emesso dalla banca e inviato al proprio domicilio

In sostanza quindi sono la Posta e la banca gli enti che ci erogano la pensione per cono dell’Inps. E dobbiamo sceglierli al momento della nostra domanda di pensione, salvo poi avere l’opportunità di modificare il nostro ufficio con un’apposita e successiva domanda.

È quindi tramite una di queste modalità che riceviamo la nostra pensione, in rate mensili. A dicembre invece, in tempo per i regali di natale, ci troveremo accreditata una rata in più: è la tredicesima. Il versamento viene fatto il secondo giorno lavorativo di ogni mese.

Tutti i pagamenti sono ovviamente tracciati e possono essere visualizzati tramite un apposito documento: il nostro cedolino della pensione.

Cedolino pensione: cos’è

Il cedolino pensione è, appunto, un resoconto dei nostri pagamenti pensionistici: rata per rata, mese per mese. In questo documento, pieno di numeri e cifre, sono inseriti tutti i dati relativi ai pagamenti liquidati dall’Inps e alle trattenute: importi pensionistici, prelievi fiscali applicati, indici di inflazione stabiliti dall’Istat, eventuali importi aggiuntivi dovuti a ricongiungimenti o accrediti per la quattordicesima. Sono queste le cifre del nostro cedolino, che possono nascondere anche variazioni nell’importo erogato da mese a mese. Per questo diventa per noi importante leggerlo, studiarlo e capire il motivo di eventuali scostamenti, che possono portarci in tasca qualche euro in più o in meno, a seconda dei mesi.

Cedolino: a cosa serve

Questo resoconto mensile è molto importante per il pensionato perché permette, appunto, di tenere sotto controllo le variazioni negli importi erogati dall’Inps e perché corrisponde a tutti gli effetti alla nostra cara vecchia busta paga. Per qualsiasi richiesta di finanziamento e accesso al credito che vogliamo fare, dobbiamo presentare il nostro cedolino pensione, testimone della nostre fonte di reddito.

Pagamenti pensione: dove vederli?

È chiaro quindi che, a prescindere dalla cifra che ci viene accreditata ogni mese, per controllare la nostra pensione dobbiamo ricorrere al cedolino mensile, che l’Inps ci mette sempre a disposizione su richiesta. Ecco allora dove andiamo a pescare questo resoconto della nostra pensione:

  • Richiederlo recandosi allo sportello della sede Inps di competenza
  • Telefonando al Contact center Inps (numero 803 164, gratuito da telefono fisso e il numero 06 164 164 da cellulare)
  • Richiederlo direttamente Online

Richiederlo online non è difficile. Bastano un computer, un tablet o uno smartphone e una connessione. Tante persone adulte e anziane di oggi si sono convertite alla tecnologia, sono assidui frequentatori di social network come Facebook e sono decisamente più moderni rispetto ai nonni di un tempo. Coloro che ancora non lo fossero, possono farsi aiutare da un familiare.

I passaggi per accedere online e visualizzare il proprio cedolino ogni mese sono i seguenti:

  • Accertatevi per prima cosa di essere in possesso del codice Pin o Spid. (se non lo avete dovete fare richiesta all’Inps e la procedura può essere sempre effettata online)
  • Entrate nel sito web Inps www.inps.it
  • Accedete all’area riservata (Entra in My Inps) autenticandovi con codice fiscale e codice Pin o Spid
  • Dal menu Servizi Online cliccare su Servizi per il Cittadino, Fascicolo Previdenziale e poi Cedolino pensione

Oppure è possibile scegliere la procedura inversa (prima trovate il servizio online tramite la ricerca e poi vi autenticate:

  • Entrate nel sito web www.inps.it
  • Attraverso la barra del motore di ricerca “Cerchi prestazioni, servizi, informazioni. Es Pensioni?” digitare le parole chiave “Cedolino pensione”
  • Cliccate poi sulla scheda etichettata in rosso “Cedolino pensione e servizi collegati”.
  • Si apre una schermata che vi chiede di autenticarvi per entrare nella vostra area riservata. Lì inserite codice fiscale e codice Pin o Spid

A questo punto, entrati nel servizio, siete in grado di consultare il vostro cedolino e non solo. Potete confrontare gli ultimi due cedolini, per vedere discrepanze negli importi erogati, modificare i vostri dati personali, visualizzare l’ufficio che vi paga la pensione, recuperare la certificazione unica.

Siete nella sezione Visualizza Cedolini. Qui potete appunto visualizzare tutti i cedolini in ordine cronologico, con l’importo lordo e netto della vostra pensione, la data di pagamento, confrontare le ultime due rate di pensione, scaricare il cedolino sul vostro desktop per archiviarlo e anche stamparlo.

Potete anche vedere se il pagamento è già stato effettuato (e quindi accreditato) oppure se è stato disposto (in questo caso dovete attendere ancora un po’).


note

Fonte: Inps


3 Commenti

  1. Una volta , quando c’era Mastropasqua al comando, il cedolino veniva inserito sul sito il giorno 20 di ogni mese precedente al pagamento. Da quando hanno cambiato capoccia, il cedolino si vede sempre più tardi. Male molto male. Evidentemente questi sono incapaci o gli impiegati sono diventati lavativi. Chissà.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube