HOME Articoli

Lo sai che? Detrazione dei compensi pagati all’agente immobiliare

Lo sai che? Pubblicato il 5 gennaio 2018

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 5 gennaio 2018

Spesso si acquista la casa grazie alla mediazione di una agenzia immobiliare: il corrispettivo pagato all’agenzia è detraibile dalle tasse.

Nell’attuale mercato immobiliare molto spesso si acquista casa grazie alle agenzie immobiliari. L’agenzia immobiliare mette in contatto l’acquirente con il venditore e consente di stipulare la compravendita: per l’opera svolta chiede un compensoIl compenso pagato all’agente immobiliare può essere detratto dalle tasse, con abbattimento del reddito imponibile. Vediamo in che termini è detraibile il compenso pagato all’agenzia immobiliare.

Quanto si detrae del pagamento all’agenzia immobiliare

Si può detrarre dalle tasse il 19% dei compensi pagati all’agenzia immobiliare. La percentuale di detrazione vale per tutti i compensi versati all’agenzia immobiliare, comunque i compensi siano  chiamati [1]. Non può essere però detratta una somma superiore a euro 1000. Il soggetto che può usufruire della detrazione fiscale prevista per il compenso versato all’agente immobiliare è solo l’acquirente e non anche il venditore.

Come detrarre il compenso pagato all’agenzia immobiliare

Al fine di poter utilizzare la detrazione prevista per i compensi pagati all’agenzia immobiliare, le parti della compravendita realizzata grazie all’agenzia devono:

  • dichiarare nell’atto di compravendita che si sono avvalse di una agenzia immobiliare, indicandone la ragione sociale e gli altri elementi identificativi
  • indicare il codice fiscale oppure la partita Iva
  • il numero di iscrizione in Camera di commercio del mediatore
  • il compenso versato all’agenzia e le modalità di pagamento dello stesso

Inoltre, ai fini della detrazione del compenso pagato all’agenzia immobiliare è necessario che [2]:

  • la fattura dell’agente immobiliare sia intestata al soggetto che risulta proprietario dell’immobile
  • se l’immobile è in comproprietà, la fattura dell’agente immobiliare deve indicare anche i dati degli altri comproprietari
  • se la fattura è intestata al proprietario dell’immobile e ad un soggetto che non è proprietario, il documento fiscale deve attestare che il compenso è stato pagato all’agente immobiliare dal solo proprietario

Detrazione del compenso per acquisto dell’usufrutto

È possibile detrarre – entro i limiti sopra detti – il compenso versato all’agenzia immobiliare anche quando grazie all’agente si è acquistato un diritto reale minore, cioè diverso dalla proprietà. Ad esempio, è ammessa la detrazione delle somme versate come compenso all’agenzia immobiliare che ha favorito l’acquisto di un usufrutto: in questo caso però, per beneficiare della detrazione relativa al compenso pagato all’agenzia immobiliare,  è necessario che l’immobile sul quale si è acquistato il diritto sia adibito a prima casa, cioè ad abitazione principale [3].

note

[1] Art. 15, comma 1, lett. B bis del D.P.R. n. 917/1986.

[2] Circolare Agenzia delle entrate n. 7 del 04.04.2017.

[3] Circolare Agenzia delle entrate n. 34/E del 04.04.2008.

Autore immagine: Pixabay


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI