| Articoli

Malattia: quali effetti sui contributi pensione?

23 Novembre 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 23 Novembre 2017



I periodi di malattia sono validi per il diritto e per la misura della pensione?

I periodi di malattia, per i lavoratori dipendenti, sono pienamente validi per la pensione: durante questi periodi, infatti, l’Inps riconosce i cosiddetti contributi figurativi, dei contributi accreditati automaticamente dall’ente senza necessità di versamenti.

I contributi figurativi per malattia, in particolare, sono utili sia per il diritto alla pensione (cioè sono sommati agli altri contributi, ai fini del raggiungimento della soglia minima necessaria a maturare un determinato trattamento: 20 anni di contributi per la pensione di vecchiaia, 42 anni e 10 mesi, o 41 anni e 10 mesi per le donne, per la pensione anticipata, e così via…) che per la misura, cioè per l’ammontare, della prestazione. Possono essere riconosciuti, però, a partire dal 2012, sino a un massimo di 22 mesi nell’arco della vita lavorativa, esclusi gli inabili per infortunio sul lavoro.

Limiti al riconoscimento dei contributi per malattia ai fini della pensione

Oltre a questo limite, i contributi figurativi per malattia ne presentano di ulteriori:

  • non sono utili per raggiungere il requisito di 35 anni (1820 contributi settimanali) per la pensione di anzianità;
  • non possono essere accreditati se il lavoratore non possiede almeno 1 contributo settimanale versato prima del periodo di malattia;
  • non sono utili, inoltre, per il diritto alla prosecuzione volontaria nel versamento della contribuzione e per il diritto all’indennità di disoccupazione (in quanto il periodo di malattia viene considerato come periodo neutro).

Quando sono riconosciuti i contributi per malattia ai fini della pensione

I contributi figurativi per malattia sono accreditabili se la temporanea inabilità al lavoro è dovuta a:

  • malattia indennizzata;
  • malattia tempestivamente accertata;
  • malattia professionale;
  • malattia non indennizzata per essersi verificata in periodi non lavorati;
  • malattia che non dà luogo ad indennizzo (come la malattia per lavoro domestico);
  • infortunio sul lavoro.

Non sono, invece, accreditabili i periodi di malattia e infortunio di durata inferiore ai 7 giorni.

Contributi per malattia non retribuita

Il periodo di malattia non retribuita, che può essere riconosciuto ai dipendenti pubblici al termine della malattia “coperta” (pari a un massimo di 18 mesi in un triennio), è pienamente valido ai fini del diritto e della misura della pensione. Questo periodo, nel dettaglio, può avere una durata massima di 18 mesi ed è concesso ai dipendenti con gravi patologie, ai quali l’ordinario periodo di malattia non basta.

Domanda di accredito dei contributi figurativi per malattia

Sino al 2012 per riconoscere i contributi figurativi per malattia bisognava inviare una domanda all’Inps, non soggetta a termini di prescrizione o decadenza. Dal 2013 l’accredito avviene, nella generalità dei casi, automaticamente da parte dell’Inps. Per i periodi non indennizzati o al di fuori del rapporto di lavoro è però necessario presentare degli specifici documenti: certificato di malattia, certificato di infortunio, cartelle ospedaliere che attestino l’eventuale ricovero.



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

1 Commento

  1. Mi trovo in una situazione di stallo,ho 38 anni di contributi a dicembre 2017,54 anni di età,ho uno scivolamento vertebrale e mi assento alcuni periodi per malattia(non supero i 6 mesi annuali).Vengono calcolati questi periodi nel calcolo di contributi? Cosa posso fare per poter usufruire della pensione?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI