HOME Articoli

Lo sai che? Pignoramento immobiliare: la perizia del Ctu

Lo sai che? Pubblicato il 6 gennaio 2018

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 6 gennaio 2018

Qual è il ruolo del consulente tecnico d’ufficio nelle espropriazioni immobiliari e cosa deve contenere la perizia.

Nelle procedure di pignoramento degli immobili, un ruolo fondamentale è svolto dal consulente tecnico d’ufficio nominato dal giudice e chiamato ad effettuare tutte le indagini catastali e le verifiche sull’immobile necessarie sia a rilevare la conformità di quest’ultimo alla normativa urbanistica sia a stimare complessivamente il valore dell’immobile ai fini della vendita all’asta.

Il giudice, una volta depositata dal creditore procedente l’istanza di vendita dell’immobile, nomina l’esperto che presta giuramento in cancelleria. L’esperto deve svolgere una funzione di ausilio del giudice (e indirettamente anche delle parti) impegnandosi, con il giuramento, ad adempiere fedelmente i compiti affidatigli, al solo scopo di fare conoscere la verità sullo stato dell’immobile e sul suo valore.

Cosa deve contenere la perizia del Ctu

L’esperto provvede alla redazione della relazione di stima dalla quale devono risultare [1]:

1) l’identificazione del bene, comprensiva dei confini e dei dati catastali;

2) una sommaria descrizione del bene;

3) lo stato di possesso del bene, con l’indicazione, se occupato da terzi, del titolo in base al quale è occupato, con particolare riferimento alla esistenza di contratti registrati in data antecedente al pignoramento;

4) l’esistenza di formalità, vincoli o oneri, anche di natura condominiale, gravanti sul bene, che resteranno a carico dell’acquirente, ivi compresi i vincoli derivanti da contratti incidenti sulla attitudine edificatoria dello stesso o i vincoli connessi con il suo carattere storico-artistico;

5) l’esistenza di formalità, vincoli e oneri, anche di natura condominiale, che saranno cancellati o che comunque risulteranno non opponibili all’acquirente;

6) la verifica della regolarità edilizia e urbanistica del bene nonché l’esistenza della dichiarazione di agibilità dello stesso previa acquisizione o aggiornamento del certificato di destinazione urbanistica previsto dalla vigente normativa;

7) in caso di opere abusive, il controllo della possibilità di sanatoria e gli eventuali costi della stessa; altrimenti, la verifica sull’eventuale presentazione di istanze di condono, indicando il soggetto istante e la normativa in forza della quale l’istanza sia stata presentata, lo stato del procedimento, i costi per il conseguimento del titolo in sanatoria e le eventuali oblazioni già corrisposte o da corrispondere; in ogni altro caso, la verifica, ai fini della istanza di condono che l’aggiudicatario possa eventualmente presentare, che gli immobili pignorati si trovino nelle condizioni previste dall’articolo 40, sesto comma, della legge 28 febbraio 1985, n. 47 ovvero dall’articolo 46, comma 5 del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, specificando il costo per il conseguimento del titolo in sanatoria;

8) la verifica che i beni pignorati siano gravati da censo, livello o uso civico e se vi sia stata affrancazione da tali pesi, ovvero che il diritto sul bene del debitore pignorato sia di proprietà ovvero derivante da alcuno dei suddetti titoli;

9) l’informazione sull’importo annuo delle spese fisse di gestione o di manutenzione, su eventuali spese straordinarie già deliberate anche se il relativo debito non sia ancora scaduto, su eventuali spese condominiali non pagate negli ultimi due anni anteriori alla data della perizia, sul corso di eventuali procedimenti giudiziari relativi al bene pignorato.

Adempimenti del Ctu

L’esperto, prima di ogni attività, controlla la completezza dei documenti allegati dal creditore all’istanza di vendita (estratto del catasto, nonché i certificati delle iscrizioni e trascrizioni relative all’immobile pignorato effettuate nei venti anni anteriori alla trascrizione del pignoramento), segnalando immediatamente al giudice quelli mancanti o inidonei.

L’esperto, terminata la relazione, ne invia copia ai creditori procedenti o intervenuti e al debitore, anche se non costituito, almeno trenta giorni prima dell’udienza fissata dal giudice per la comparizione delle parti, a mezzo posta elettronica certificata o, quando ciò non è possibile, a mezzo telefax o a mezzo posta ordinaria.

Le parti possono depositare all’udienza note alla relazione del ctu purché abbiano provveduto, almeno quindici giorni prima, ad inviare le predette note al perito; in tale caso l’esperto interviene all’udienza per rendere i chiarimenti.

note

[1] Art 173 bis disp. att. cod. proc. civ.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI