Diritto e Fisco | Articoli

Rifiuto di fare l’alcool test: è resistenza a pubblico ufficiale?

26 Novembre 2017
Rifiuto di fare l’alcool test: è resistenza a pubblico ufficiale?

Etilometro: cosa si rischia se non ci si vuole sottoporre al test del palloncino per la guida in stato di ebbrezza.

Sei stato fermato da una pattuglia della polizia che ti vuole fare l’alcol test per verificare se stai guidando ubriaco. In verità ti senti pienamente padrone delle tue azioni, ma quel drink preso proprio pochi minuti prima potrebbe far saltare l’asticella dell’etilometro oltre la soglia di tolleranza. Un vero rischio per te che con l’auto ci lavori e non vuoi che ti venga sospesa la patente. Saresti disposto anche a pagare una multa in più pur di non dover rinunciare alla macchina. Certo però non vuoi neanche rischiare un’incriminazione: il penale, infatti, sarebbe ancora peggio. E sottrarsi ai comandi della polizia – hai sentito dire – costituisce un reato: quello di resistenza a pubblico ufficiale. Così ti interroghi su quali possano essere le conseguenze di un eventuale rifiuto a soffiare nel “palloncino”: se gli agenti della polizia non riuscissero a valutare quanto alcol hai nel sangue, rischieresti ugualmente di perdere la patente o saresti incriminabile per il reato di resistenza a pubblico ufficiale? La risposta è scritta nella stessa legge e in numerose sentenze della Cassazione.

La resistenza a pubblico ufficiale non può mai scattare in caso di comportamento passivo del cittadino, come il rifiuto a ottemperare a un ordine o un comando degli agenti (ad esempio: scendere dall’auto, soffiare nel palloncino, seguire la volante in questura, ecc.). È invece necessario un comportamento attivo, come l’uso della forza e della violenza per divincolarsi e neutralizzare l’atto del pubblico ufficiale. Se, ad esempio, una pattuglia intima lo stop a una macchina che sta guidando e questa non si ferma, non c’è reato. L’illecito penale però scatta se, per evitare di essere raggiunto, il conducente inizia una manovra pericolosa mettendo in pericolo la circolazione (ad esempio una guida a zig zag o il passaggio col semaforo rosso).

A questo punto, il comportamento di chi non intende sottoporsi all’alcol test non è incriminabile come resistenza a pubblico ufficiale.

Questo però non vuol dire che non si possa ugualmente parlare di reato. Per evitare che chiunque, dinanzi all’incertezza di essere multato, faccia resistenza, la legge stabilisce che chi si rifiuta di sottoporsi all’alcoltest subisce una sanzione (penale) pari a quella di chi viene trovato con il più alto tasso di alcol nel sangue (le sanzioni variano a seconda del livello di alcol per come indicato nello schema qui sotto). Come dire che il rifiuto è una sorta di tacita ammissione di responsabilità. Qual è questa la pena? L’arresto da 6 mesi a 1 anno, la sospensione della patente da 1 a 2 anni, la confisca del veicolo (salvo che lo stesso appartenga ad altra persona).

Quantità di alcol
Pena principale
Sanzione accessoria
da 0,51 a 0,8 g/lSanzione amministrativa di 531 €– decurtazione di 10 punti dalla patente- sospensione patente da 3 a 6 mesi
da 0,81 a 1,5 g/l
Sanzione penale lieve: ammenda da 800 a 3.200 €– decurtazione di 10 punti dalla patente- sospensione patente da 6 a 12 mesi
da 1,5 g/l in su
Sanzione penale più grave:ammenda da 1.500 a 6.000 €– decurtazione di 10 punti dalla patente- sospensione della patente da 1 a 2 anni

– confisca dell’auto

 Ora questo concetto va però coordinato con un orientamento della Cassa che rischia di rendere del tutto inutile tale sanzione e, anzi, può comportare un trattamento di favore per chi rifiuta di fare l’alcoltest. Vediamo perché. Secondo la Corte, il reato di guida in stato di ebbrezza, anche quello che scatta in caso di rifiuto dell’alcol test, è tutto sommato un «fatto tenue» che non crea particolari danni sociali. E quindi può essere perdonato grazie a un meccanismo del codice penale che consente l’archiviazione diretta del procedimento penale e la non applicazione delle sanzioni. Incredibile, vero? Ne abbiamo parlato qui Chi si rifiuta di fare il testo dell’alcol non rischia multe e nel video qui sotto.


note

Autore immagine 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube