HOME Articoli

Le Guide Pensione di vecchiaia, come inviare la domanda

Le Guide Pubblicato il 1 dicembre 2017

Articolo di




> Le Guide Pubblicato il 1 dicembre 2017

Guida completa all’invio, attraverso il portale Inps, della domanda di pensione di vecchiaia.

Sei finalmente arrivato al traguardo della pensione di vecchiaia, ma non sai da che parte cominciare per inviare la domanda? Se non vuoi inviarla attraverso un patronato, in questa guida ti spieghiamo come procedere, passaggio per passaggio, attraverso il sito dell’Inps.

Requisiti pensione di vecchiaia

Innanzitutto ricordiamo che la pensione di vecchiaia può essere ottenuta, sino al 31 dicembre 2018, da chi matura i seguenti requisiti:

  • 66 anni e 7 mesi di età (requisito uguale per tutti, dal 1° gennaio 2018);
  • 20 anni di contributi (ma se benefici di una delle tre deroghe Amato [1] ne bastano 15);
  • un assegno superiore a 1,5 volte l’assegno sociale, se sei assoggettato al calcolo interamente contributivo della pensione (in pratica, salvo alcune eccezioni, se non possiedi contributi al 31 dicembre 1995).

Se sei assoggettato al  calcolo interamente contributivo della pensione puoi ottenere il trattamento di vecchiaia anche con 70 anni e 7 mesi di età e soli 5 anni di contributi.

Se ti viene riconosciuta un’invalidità pensionabile dell’80% [2] puoi chiedere la riduzione del requisito di età per invalidità: si tratta della cosiddetta pensione di vecchiaia anticipata, ottenibile con gli stessi requisiti contributivi della pensione di vecchiaia e con 55 anni e 7 mesi di età per le donne e 60 anni e 7 mesi per gli uomini, previa attesa di una finestra pari a 12 mesi dalla maturazione dell’ultimo requisito. Puoi chiedere questo beneficio, direttamente nella domanda di pensione di vecchiaia, se sei un lavoratore dipendente del settore privato non assoggettato al calcolo interamente contributivo della pensione.

Credenziali per accedere al sito Inps

Veniamo ora alla procedura da seguire, all’interno del portale web dell’Inps, per domandare la pensione di vecchiaia.

Innanzitutto, è necessario essere in possesso delle credenziali per l’accesso ai servizi online dell’Inps:

  • pin dispositivo cittadino (per ottenere il pin dispositivo si deve eseguire la procedura di identificazione, che può essere fatta anche tramite lo stesso sito Inps, attraverso la funzione di conversione del pin online in pin dispositivo; è necessario stampare, firmare e scansionare l’apposito modulo che viene proposto dall’Inps durante la procedura, assieme a un documento d’identità); il pin assegnato è già dispositivo se lo si richiede presso gli sportelli dell’Inps;
  • identità unica digitale Spid di secondo livello;
  • Cns, Carta nazionale dei servizi.

Domanda di pensione

Una volta effettuato l’accesso all’interno del portale Inps, la pensione di vecchiaia può essere richiesta attraverso il servizio “Domanda Pensione, Ricostituzione, Ratei, Ecocert, Ape Sociale e Beneficio precoci”.

Con questo servizio l’interessato in possesso dei requisiti previsti dalla legge può compilare e inviare online la domanda di prestazione alla quale ha diritto. Le prestazioni che possono essere richieste attraverso questo servizio, nel dettaglio, sono:

  • pensione di vecchiaia (anche per gli iscritti alle gestioni pubbliche); questa è la prestazione da richiedere anche per il diritto alla pensione di vecchiaia anticipata per invalidità;
  • pensione anticipata (anche per gli iscritti alle gestioni pubbliche);
  • pensione di inabilità;
  • assegno di invalidità;
  • assegno sociale;
  • pensione ai superstiti (reversibilità/indirette);
  • pensione di anzianità (anche per gli iscritti alle gestioni pubbliche);
  • ricostituzione della pensione;
  • ratei maturati e non riscossi (anche per gli iscritti alle gestioni pubbliche);
  • estratto conto certificativo (anche per gli iscritti alle gestioni pubbliche);
  • ape sociale;
  • beneficio per i lavoratori precoci.

Una volta entrati nell’applicazione, “Domanda Pensione, Ricostituzione, Ratei, ECOCERT, APE Sociale e Beneficio precoci”, apparirà la home page nella quale si dovrà cliccare il link, presente in un menu sulla sinistra, in basso: “Cerca/Compila domanda”.

Se è la prima volta che accedi all’invio di una domanda di pensione, si proporrà solo il pulsante “Inserimento domanda”.

Procedura guidata domanda di pensione di vecchiaia

Cliccando il pulsante, si entrerà nella procedura guidata relativa alla domanda di pensione.

Scegliendo l’inserimento di una nuova domanda, viene visualizzata una pagina riepilogativa con i pulsanti relativi ai diversi quadri di acquisizione:

  • anagrafica,
  • dichiarazioni,
  • eredi,
  • detrazioni d’imposta,
  • redditi,
  • modalità di riscossione,
  • tutele giuridiche,
  • documenti,
  • convenzioni internazionali (compare solo se la domanda riguarda una pensione in convenzione internazionale).

Dati anagrafici per la domanda di pensione di vecchiaia

L’unico pulsante/quadro selezionabile nella prima fase è quello relativo all’anagrafica.

Solo dopo l’acquisizione di questa sezione sarà possibile procedere con le altre sezioni.

Si dovrà dunque cliccare il pulsante Anagrafica per aprire il relativo quadro e proseguire con l’acquisizione della domanda.

I dati dell’utente vengono ricercati sulla banca dati Arca (anagrafica dell’Inps) e, se non risultano presenti negli archivi dell’Inps, la ricerca viene effettuata anche su Anagrafe Tributaria. Nel caso in cui i dati non fossero presenti neanche negli archivi del fisco, non è consentito proseguire con l’acquisizione della domanda e l’utente dovrà rivolgersi direttamente all’Inps. Nel caso in cui l’indirizzo visualizzato non fosse corretto, l’utente potrà cliccare l’opzione “Variazione Indirizzo‟ e procedere all’inserimento dei dati corretti; in tal modo verrà aggiornata la banca dati Arca.

Potrebbe capitare che le anagrafiche non siano accessibili per svariati motivi, in tal caso verrà visualizzato il seguente messaggio: “sistema momentaneamente non disponibile”.

Se vi è collegamento alla banca dati Arca, i dati anagrafici verranno precompilati e l’utente dovrà inserire i soli dati mancanti: i propri recapiti, il documento d’identità (anche se rilasciato da Stato estero) e i dati del coniuge (se non mostrati automaticamente dal sistema).

Per quanto riguarda i dati del coniuge, inserendo il codice fiscale e cliccando su “Varia Coniuge”, verrà effettuata una ricerca sugli archivi Arca o su Anagrafe Tributaria, come visto in precedenza per il titolare.

Se, per il coniuge, si vogliono indicare gli stessi dati di residenza del titolare, basta cliccare sul pulsante “Uguali al Titolare”.

Una volta inseriti tutti i dati, è possibile scegliere l’operazione da effettuare attraverso i seguenti pulsanti:

  • salva: vengono eseguiti tutti i controlli previsti. Se mancano alcuni dati obbligatori verrà presentato un messaggio di errore, altrimenti i dati saranno salvati e verrà generato un ‘numero domanda’.
  • elimina: con questo pulsante è possibile eliminare una domanda dal database (questo pulsante compare soltanto dopo aver salvata le informazioni anagrafiche inserite).
  • indietro: si torna alla pagina precedente, i dati non vengono salvati e non viene generato alcun numero di domanda.

Se i dati sono salvati senza errori, il quadro anagrafica presenterà il semaforo verde e si potrà passare ai quadri successivi.

Quadro Dichiarazioni per la domanda di pensione di vecchiaia

Si presenta poi il quadro Dichiarazioni, che viene precompilato con i dati restituiti dal servizio estratto conto.

Le dichiarazioni cambiano a seconda della prestazione richiesta:

  • anzianità/anticipata/vecchiaia,
  • inabilità/invalidità,
  • superstiti,
  • prestazioni assistenziali,
  • certificazione,
  • altre prestazioni,

Tra le dichiarazioni è, inoltre, presente la sezione “Delega per la riscossione dei contributi associativi sindacali”.

A questo punto, cliccando il pulsante “Nuova Domanda”, verranno proposte, attraverso un menu a tendina, le possibili tipologie di prestazioni e di pensioni che l’Inps può liquidare al richiedente:

  • anzianità/anticipata/vecchiaia,
  • inabilità/invalidità,
  • superstiti,
  • prestazioni assistenziali (Assegno Sociale),
  • certificazione,
  • altre prestazioni,
  • ratei

Compilazione della domanda di pensione di vecchiaia

L’utente deve:

  • impostare i 4 menu a tendina proposti, in maniera tale da individuare la specifica prestazione/pensione che intende richiedere (le varie combinazioni sono indicate nella tabella riassuntiva): Gruppo, Prodotto, Tipo, Tipologia (l’utente deve scegliere la modalità «automatica» di trattazione della domanda; mentre la modalità «manuale» è riservata all’Inps per gestire anomalie sul conto assicurativo);
  • selezionare la gestione previdenziale e il fondo (a volte queste informazioni sono preimpostate);
  • cliccare il pulsante “Continua”.

Per quanto riguarda la pensione di vecchiaia:

  • gruppo: anzianità/anticipata/vecchiaia
  • prodotto: pensione di vecchiaia;
  • tipo: ordinario

Si deve poi indicare la gestione presso cui possiede la contribuzione (per la generalità dei lavoratori dipendenti del settore privato, Fpld).

Appare a questo punto schermata con diversi campi da compilare.

Nel primo si deve specificare se la pensione di vecchiaia è richiesta dal primo giorno del mese successivo al raggiungimento dei requisiti di età o dal primo giorno del mese successivo alla presentazione della domanda.

Si deve poi dichiarare:

  • il tipo di attività lavorativa svolta (dipendente, artigiano, commerciante…);
  • la data di cessazione (anche quella prevista) dell’attività lavorativa dipendente;
  • l’eventuale possesso di altre pensioni, anche estere;
  • l’eventuale possesso di contributi esteri;
  • l’eventuale presentazione di domanda di riscatto o ricongiunzione;
  • l’eventuale versamento di contributi volontari;
  • l’eventuale trasmissione da parte del medico curante del certificato SS3, con numero di protocollo (per i casi di invalidità o relativamente all’accertamento di particolari requisiti sanitari).

È possibile, poi, chiedere:

  • il riconoscimento dei contributi figurativi per gravidanza, puerperio e malattia superiore ai 7 giorni;
  • l’accredito del servizio militare;
  • la riduzione dell’età pensionabile (nel caso della pensione di vecchiaia anticipata per invalidità)
  • il trattamento minimo, le maggiorazioni sociali, i trattamenti di famiglia;
  • gli incrementi dell’anzianità contributiva (ad esempio per invalidità superiore al 74%).

Compilati i campi utili, bisogna infine cliccare il pulsante Salva.

Il sistema confermerà l’acquisizione della domanda di pensione di Vecchiaia.

Invio domanda pensione di vecchiaia

Tornati alla schermata principale, bisogna poi compilare i quadri relativi alle detrazioni d’imposta, ai redditi, alle modalità di riscossione della pensione, e allegare la documentazione utile nel quadro Documenti.

Al termine, una volta che i quadri appariranno contrassegnati dal semaforo verde, bisogna cliccare sul pulsante Invia.

note

[1] D.lgs. 503/1992.

[2] L. 222/1984.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI