Diritto e Fisco | Articoli

Naspi e lavoro occasionale, sono compatibili?

16 gennaio 2018 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 16 gennaio 2018



L’indennità di disoccupazione è compatibile col contratto di prestazione occasionale e col lavoro autonomo occasionale?

Chi percepisce l’indennità di disoccupazione può lavorare saltuariamente, sia nella forma del lavoro autonomo occasionale, che col contratto di prestazione occasionale, che sostituisce i vecchi voucher. Ci sono, però, dei limiti di reddito annui che non possono essere mai superati, pena la perdita dell’indennità. Vediamo, nel dettaglio, quali sono le soglie di reddito da non superare e che cosa deve fare il disoccupato che sta iniziando una di queste attività.

Naspi e contratto di prestazione occasionale

Se il disoccupato deve svolgere un’attività lavorativa attraverso il contratto di prestazione occasionale o il libretto famiglia, cioè con i cosiddetti nuovi voucher, può farlo senza perdere lo stato e l’indennità di disoccupazione, sino a un limite pari a 5mila euro annui.

Questo limite, tra l’altro, rappresenta comunque la soglia di reddito massima che il lavoratore può incassare annualmente svolgendo lavoro occasionale, dalla totalità dei committenti.

I compensi percepiti per il lavoro occasionale sono esenti da imposizione fiscale e non incidono sullo stato di disoccupazione [1]: in buona sostanza, il disoccupato che percepisce la Naspi può pienamente cumulare il sussidio con i compensi derivanti dallo svolgimento di lavoro occasionale e non è tenuto a comunicare all’Inps il compenso derivante dall’attività.

L’Inps, però, sottrae dai contributi figurativi accreditati sull’indennità di disoccupazione i contributi derivanti dalle prestazioni di lavoro occasionali (diversamente il lavoratore occasionale disoccupato avrebbe un accredito di contributi doppio).

Naspi e lavoro autonomo occasionale

Il lavoro autonomo occasionale si configura quando un’attività viene prestata in completa autonomia, ma in modo non continuativo: rispetto a un’attività di lavoro autonomo professionale mancano, in pratica, i requisiti dell’abitualità e della professionalità.

Per svolgere un’attività di lavoro autonomo occasionale non è necessario aprire la partita Iva, ma ci si deve iscrivere alla gestione separata dell’Inps se i compensi superano i 5mila euro annui.

Questo tipo di attività, anche se non dà luogo all’apertura della partita Iva, è compatibile con l’indennità di disoccupazione sino a 4.800 euro annui, alla pari dell’attività professionale o di impresa.

Al di sotto di 4.800 euro di reddito da lavoro autonomo occasionale, la Naspi è ridotta in misura pari all’80% del reddito: ciò vuol dire che, se nell’anno l’indennità di disoccupazione complessiva è pari a 5mila euro al mese ed il reddito da lavoro autonomo occasionale ammonta a 3mila euro, alla Naspi sono sottratti 2.400 euro (il tutto è riproporzionato su base mensile).

Comunicazione Naspi Com

Il reddito presunto deve essere comunicato attraverso il modello Naspi Com, che può essere compilato direttamente dal sito dell’Inps, per chi possiede il codice Pin o l’identità Spid, oppure può essere presentato tramite patronato. In mancanza di comunicazione la Naspi viene sospesa. Se l’indennità è percepita “a cavaliere” di due anni (ad esempio 2017 e 2018) la comunicazione Naspi Come deve essere ripresentata entro il 31 gennaio.

note

[1] D.L. 50/2017.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. buonasera , purtroppo sto vivendo una serie di rimpallamenti nei vari uffici il centro impiego mi manda al patronato il patronato all inps nessuno mi da una risposta se non per dirmi che devo fare una segnalazione ma l inps non puo farla devo farla io….il mio caso è il seguente:percepisco la naspi dal 8 gennaio 2018 e ho diritto a altri 9 mesi , mi si presenta l occasione di poter lavorare 1 massimo 2 volte a settimana per 4 ore quindi totale 8 ore a settimana in un ristorante a gestione familiare come supporto . come va fatta questa segnalazione?? sul sito dell inps non vedo niente

    1. Buongiorno,scusa se mi permetto ma io ho il tuo stesso dilemma e non so a chi rivolgermi, tu hai avuto risposte in merito poi?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI