HOME Articoli

Lo sai che? Naspi e stage, la disoccupazione è compatibile col tirocinio?

Lo sai che? Pubblicato il 6 gennaio 2018

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 6 gennaio 2018

I tirocinanti e gli stagisti retribuiti, i beneficiari di borse di studio e i lavoratori sportivi possono cumulare i compensi con l’indennità di disoccupazione?

Stai percependo l’indennità di disoccupazione Naspi e ti hanno proposto di svolgere uno stage? Oppure hai vinto una borsa di studio o, ancora, devi lavorare per un’associazione sportiva dilettantistica e hai paura di perdere la Naspi? Non in tutti i casi perdi l’indennità: questo dipende dal tipo di attività svolta in concreto. Vediamo, caso per caso, quando l’indennità di disoccupazione si riduce, quando si perde e quando, invece, si può cumulare interamente con i compensi.

Naspi e compensi derivanti da stage e borse di lavoro

I compensi derivanti da borse di studio, borse lavoro, stage e tirocini professionali, sono generalmente assimilati ai redditi da lavoro dipendente, a meno che, ovviamente, il beneficiario non sia legato a chi versa i compensi da rapporti di lavoro dipendente.

Bisogna però considerare che non si svolge attività lavorativa nelle seguenti ipotesi:

  • tirocini professionali e stage;
  • attività connessa alle borse lavoro;
  • attività retribuite con premi o sussidi per fini di studio o addestramento.

In questi casi, le remunerazioni derivanti dall’attività, sia che si tratti compensi, che di premi o di sussidi, sono interamente cumulabili con l’indennità Naspi: pertanto, il beneficiario della prestazione non è tenuto ad effettuare all’Inps le comunicazioni relative all’avvio dell’attività e al reddito derivante, attraverso il modello Naspi Com.

Naspi e compensi derivanti da borse di studio e assegni di ricerca

Se il beneficiario della Naspi è titolare di una borsa di studio o di un assegno di ricerca (assegnisti e dottorandi di ricerca con borsa di studio), è considerato alla pari di un lavoratore subordinato e parasubordinato. Bisogna infatti sapere che l’attività di assegnisti e dottorandi di ricerca è ricondotta all’attività lavorativa: prova ne sia il fatto che, una volta terminata l’attività, viene riconosciuta la prestazione di disoccupazione Dis-Coll, un indennizzo per gli eventi di disoccupazione involontaria.

Di conseguenza, l’attività connessa alla borsa di studio e all’assegno di ricerca è cumulabile limitatamente con la Naspi: in particolare, è possibile percepire, su base annua, un reddito non superiore a 8mila euro. Se la soglia viene superata, si decade dalla Naspi.

Se la soglia non viene superata, la Naspi è ridotta in misura pari all’80% dei compensi percepiti.

In questi casi, il beneficiario della prestazione deve, a pena di decadenza,  informare l’Inps, attraverso il modello Naspi Com:

  • entro 30 giorni dall’inizio dell’attività cui si riferiscono i compensi;
  • contestualmente alla presentazione della domanda di Naspi, nel caso in cui l’attività risulti preesistente.

Si deve sempre dichiarare il reddito annuo presunto, anche se pari a zero.

Naspi e compensi derivanti da attività sportiva dilettantistica

Il Testo unico imposte sui redditi [1] qualifica come redditi diversi, tra gli altri, i premi ed i compensi erogati nell’esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche:

  • dal Coni;
  • dalle Federazioni sportive nazionali;
  • dall’Unire;
  • dagli enti di promozione sportiva;
  • da qualunque organismo, comunque denominato, che persegua finalità sportive dilettantistiche e che da essi sia riconosciuto.

Nonostante siano qualificati come redditi diversi, i premi e i compensi conseguiti per lo svolgimento di attività sportiva dilettantistica sono interamente cumulabili con l’indennità Naspi. In queste ipotesi, il beneficiario della prestazione non è tenuto ad effettuare  all’Inps comunicazioni relative all’attività e ai relativi compensi e ai premi.

note

[1] Art.67, lett. m), T.U.I.R.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Attualmente lavoro, ma siccome ho vinto una borsa di studio Erasmus, a termine contratto andrò a studiare un semestre negli Stati Uniti. Potrò percepire comunque la NASPI? Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI