Diritto e Fisco | Articoli

Come ritrovare l’auto rubata

8 Gennaio 2018 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 8 Gennaio 2018



Forze dell’ordine, localizzatore Gps, Internet: quali sono gli strumenti migliori per rintracciare la macchina rubata.

Il naso appoggiato alla vetrina della concessionaria mentre si ammira la macchina che si vuol comprare, la trattativa con il venditore, la firma sul contratto di acquisto, le chiavi in mano, il primo rombo che fa ci sentire quell’auto, finalmente, nostra. E poi…? E poi succede che quella maledetta sera, fuori dalla pizzeria dove abbiamo portato la ragazza a bordo del nuovo fiammante bolide, l’auto viene rubata da qualche disgraziato.

Figuraccia con la ragazza, spesa immane per il taxi che ci riporta a casa. E, durante il tragitto, uno pensa: e ora, come ritrovare l’auto rubata? È possibile sapere dov’è stata portata o, chissà, magari già «piazzata» a qualcuno?

Mai disperare. Gli strumenti per rintracciare l’auto rubata sono, sostanzialmente, due: le forze dell’ordine e la tecnologia. Le prime, metteranno in moto le loro indagini per tentare di capire chi opera nel territorio in questo tipo di crimini. La seconda può avvisarci dal cielo, cioè da un satellite, dove si trova il nostro adorato gioiello su quattro ruote.

Ritrovare l’auto rubata tramite le forze dell’ordine

Prima di passare al fai-da-te, per tentare di ritrovare l’auto rubata conviene sempre, come prima cosa, fare una denuncia alle forze dell’ordine: alla stazione dei Carabinieri più vicina o alla Polizia di Stato. Nessuno meglio di loro sa come muoversi per cercare di rintracciare un ladro con la passione delle macchine altrui.

Nel frattempo, è importante mandare una copia della denuncia alla compagnia di assicurazioni. Qualsiasi reato commesso con quell’auto (un incidente mortale, una rapina, ecc.) non dev’essere addebitata al proprietario della macchina.

Ritrovare l’auto rubata con il Gps

Molte delle auto in circolazione sono dotate di un rilevatore (o localizzatore) di posizione Gps. Consente di ritrovare l’auto rubata avvisando la compagnia di assicurazioni e le forze dell’ordine.

Come funziona? Il sistema si basa su due moduli:

  • il ricevitore satellitare in grado di localizzare un’auto grazie alla combinazione di segnali da vari satelliti;
  • il trasmettitore che invia ad un altro dispositivo le coordinate e i dati della posizione in cui si trova il veicolo (ad esempio ad un telefono cellulare via sms in modo da permettere a chi lo riceve di collegarsi a Internet, inserire le coordinate e scoprire dove si trova l’auto rubata).

Ritrovare l’auto rubata grazie a Internet

Forse perché chiunque è vulnerabile e può essere vittima di un furto della macchina, il problema è molto sentito sulla Rete e ci sono diversi modi di tentare (almeno) di ritrovare l’auto rubata. Alcuni più efficaci, altri meno. Ma, piuttosto che stare con le mani in mano, tanto vale provarci.

Forse non c’è da sperarci molto ma, ad esempio, sul sito www.targhe.org è possibile pubblicare la targa dell’auto rubata, augurandosi che qualcuno ci faccia una visita per verificare la targa di quel veicolo abbandonato da tempo sotto casa e segnalarlo alle forze dell’ordine.

Sempre sul web, il Dipartimento di Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno ha lanciato uno strumento grazie al quale è possibile inserire il numero di targa o del telaio di un’auto per sapere se un veicolo sospetto è inserito nell’elenco delle auto rubate. In altri Paesi esiste un’app simile (la più nota è la brasiliana ChekPlaca), ma questo servizio è sempre meglio di niente. Al servizio si accede da qui.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI