HOME Articoli

Editoriali Redditest: 1 italiano su 5 non è coerente. Alla faccia della segretezza!

Editoriali Pubblicato il 21 novembre 2012

Articolo di




> Editoriali Pubblicato il 21 novembre 2012

Già  pubblicate le prime statistiche sulle famiglie italiane relativamente alle simulazioni tramite il Redditest online.

Un milione di italiani ha reddito “zero”, ma spende lo stesso, mentre1 su 5 non è coerente: sono queste le stime diffuse dall’Agenzia delle Entrate all’alba del varo del nuovo Redditest (ne abbiamo parlato in questo articolo: “Arriva il Redditest scaricabile online: la tua dichiarazione redditi è conforme al redditometro?)

La notizia, apparsa sull’Ansa, fa pensare. Ma come? Non dovevano, i risultati del nuovo strumento online (messo a disposizione dei cittadini), rimanere segreti e conoscibili solo all’utente? Invece, a meno di ventiquattrore dal lancio, sono state già stilate le statistiche!

Da una simulazione sull’intera platea delle famiglie, risulterebbe che 4,3 milioni di nuclei (circa uno su cinque) sostengono spese non coerenti con i redditi dichiarati e circa un milione di persone, pur se abitualmente compie spese rilevanti, denuncia redditi “vicini allo zero”, ha affermato Befera.

Il tasso di irregolarità sarebbe maggiore nel reddito di impresa e nel reddito da lavoro autonomo. Sono anche emersi fenomeni riconducibili a locazioni omesse o parzialmente dichiarate, nonché a redditi in nero di lavoratori dipendenti.

 


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI