Diritto e Fisco | Articoli

Corecom: cambia la conciliazione tra utenti e compagnie telefoniche

30 Novembre 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 30 Novembre 2017



Conciliazione on line più semplice e totalmente informatizzata per le controversie tra utenti e compagnie telefoniche o pay tv.

In cantiere la riforma del procedimento di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche e utenti dinanzi ai Comitati regionali per le Comunicazioni (Co.Re.Com).

L’Agcom ha avviato il procedimento di consultazione per riformare il regolamento sulle procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, con la finalità di semplificare e informatizzare definitivamente il procedimento e consentire alle parti di sfruttare tale fase per superare i disservizi e trovare un accordo senza doversi rivolgere al giudice.

ConciliaWeb: come cambiano i procedimenti al Co.Re.Com

Il nuovo sistema “ConciliaWeb”, dovrebbe essere strutturato secondo le seguenti linee direttrici:

a) L’accesso alle procedure di conciliazione avverrà tramite un punto di accesso unico, ovvero il portale messo a disposizione dell’Agcom, per cui non sarà più possibile inviare le istanze in formato cartaceo o via email, ma andranno compilate tramite il web form (modulo on line). Questo eliminerà il dispendio di risorse utilizzate per la protocollazione e la registrazione dei dati relativi alle istanze; parte delle risorse umane recuperate potrà essere utilizzato, ove necessario, per l’attività di assistenza al pubblico per la compilazione dei formulari. Grazie alle sedi distaccate dei Corecom, inoltre, e mediante futuri accordi con enti territoriali e/o altri enti, sarà possibile creare una rete di “punti di accesso periferici”, per assicurare la maggior diffusione possibile di luoghi “fisici” onde indirizzare gli utenti non informatizzati;

b) Tutte le comunicazioni inerenti alla procedura, ivi inclusi i verbali di conciliazione, verranno scambiate tramite il sistema, che prevede anche l’invio agli utenti di notifiche alert tramite sms o email (a seconda della opzione scelta);

c) La fase di conciliazione sarà preceduta da un periodo durante il quale le parti avranno la possibilità di negoziare direttamente, scambiandosi proposte tramite il sistema; una volta decorso infruttuosamente il periodo predefinito, si passerà alla conciliazione vera e propria, con la partecipazione del conciliatore del Corecom;

d) In fase di conciliazione, il sistema opererà una distinzione a seconda delle materie:

  • per quelle riconosciute come particolarmente favorevoli alla risoluzione in via transattiva, si istaurerà una procedura di conciliazione asincrona, operata tramite lo scambio di messaggi tra le parti e il conciliatore (c.d. flusso A);
  • per quelle più complesse, il sistema notificherà alle parti la convocazione per l’incontro di conciliazione, che avverrà in web conference all’interno di una “virtual room”, mediante l’utilizzo, anche combinato, di strumenti di videoconferenza, audio-conferenza, chat (c.d. flusso B);

e) In ogni caso, l’utente che non dovesse avere la possibilità di accedere tramite web, nemmeno mediante soggetto delegato, potrà partecipare alla conciliazione presentandosi personalmente presso il Corecom, o presso un punto di accesso periferico, nella data stabilita per l’incontro di conciliazione, prescindendo dalla fase di negoziazione diretta (c.d. flusso C);

f) Anche la fase di definizione della controversia – così come quella relativa all’adozione di provvedimenti di urgenza – sarà gestita interamente tramite il sistema, con una scansione precisa della tempistica procedimentale, fino alla trasmissione della proposta di provvedimento al soggetto deputato ad adottarlo;

g) La unicità del sistema di gestione renderà possibile, per l’Agcom e per i Corecom, una visione aggiornata sull’andamento della gestione delle procedure, consentendo di intervenire tempestivamente in caso di disfunzioni.

h) La necessaria semplificazione delle procedure, conseguente alla completa informatizzazione della procedura, rende possibile stabilire una generale riduzione dei termini per gli incombenti procedimentali, nonché del termine decadenziale per la proposizione dell’istanza di definizione della controversia una volta conclusa la fase di conciliazione.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

1 Commento

  1. Direi che e’ un’ottima notizia!!
    Gli uffici del Co.re.com da me sono aperti per il pubblico due volte la settimana, e solo di mattina, rendendo impossibile per chi lavora la mattina andarci!!
    Non ha alcun senso tenere un’ufficio cosi’ importante aperto esclusivamente due volte la settimana per di piu’ solo la mattina quando gran parte delle persone lavorano.
    Sono molto soddisfatto se vi sara’ questo cambiamento.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI