Diritto e Fisco | Articoli

Tasse universitarie: cosa si scarica?

27 Gennaio 2018 | Autore:
Tasse universitarie: cosa si scarica?

Scaricare le tasse universitarie è possibile. Vediamo come. 

Non è facile districarsi tra le voci e le percentuali delle detrazioni fiscali. Il fisco ha delle normative contorte, non sempre comprensibili per chi non è un tecnico del settore e, soprattutto, spesso mutevoli. Sicché bisognerebbe aggiornarsi periodicamente per avere contezza delle ultime novità. Chi poi ha una famiglia con figli deve fare i conti con una serie di detrazioni e conteggi che rendono necessario rivolgersi a un commercialista o a un Caf.  Ad esempio in materia di tasse universitarie, spesso ci si chiede cosa si scarica? Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza sul punto e proviamo a dare le informazioni generali per sapere a quanto ammontano gli “sconti fiscali”.

Prima però di capire cosa si scarica delle tasse universitarie, è necessario comprendere che cosa si intende per detrazione fiscale e qual è la differenza rispetto alle deduzioni fiscali.

Cos’è la detrazione fiscale e come si distingue dalla deduzione

Mentre la deduzione comporta una riduzione del reddito imponibile – ossia del valore monetario sul quale, attraverso l’applicazione di un’aliquota variabile caso per caso, viene calcolata l’imposta da pagare (per esempio l’Irpef) – la detrazione riduce l’imposta. Ecco un esempio.

Se il tuo reddito imponibile è pari a 20.000 euro, si applicherà l’aliquota Irpef del 27%, relativa allo scaglione di reddito compreso tra 15.001 euro e 28.000 euro.

L’imposta da pagare risulterà dunque dalla seguente operazione: 20.000 x 27/100 = 5.400.

Se c’è la possibilità di scaricare in detrazione una spesa sostenuta pari a 2.000 euro, tale importo andrà sottratto all’imposta da pagare. Dunque si avrà 5.400 – 2.000 = 3.400.

La detrazione delle tasse universitarie

Sono detraibili, per il 19%, le spese relative alla frequenza di corsi di laurea presso università statali e non statali (comprese le università telematiche) nonché di corsi di perfezionamento e/o di specializzazione universitaria presso università pubbliche o private, italiane o straniere [1].

Non possono essere detratte le spese di iscrizione a istituti musicali privati [2].

In particolare, sono detraibili:

  • le tasse di immatricolazione ed iscrizione (anche con riferimento agli studenti fuori corso)
  • le soprattasse relative agli esami di profitto e di laurea
  • i contributi legati alle prove preselettive per l’accesso ai corsi di laurea (naturalmente, quando tali test siano previsti dalla singola facoltà)
  • le tasse di frequenza dei Tirocini formativi attivi (Tfa) per la formazione dei docenti
  • le spese di frequenza di master universitari (tenuti da istituti universitari, pubblici o privati che, per struttura e durata del corso, possano essere assimilati a corsi universitari o di specializzazione) nonché quelle relative a scuole di specializzazione e dottorati di ricerca.

Non sono invece detraibili i contributi versati a una università pubblica italiana per ottenere il riconoscimento della laurea conseguita all’estero.

Soggetti che beneficiano della detrazione

La detrazione del 19% spetta a chi ha effettivamente sostenuto la spesa.

Di solito si tratta dei genitori dello studente, ma non è detto che sia sempre così.

Infatti, se lo studente ha un reddito superiore a 2.840,51 euro viene fiscalmente considerato come non a carico dei genitori, pertanto sarà lui personalmente a usufruire della detrazione.

Limiti alla detrazione

L’importo massimo detraibile varia a seconda dell’area disciplinare di appartenenza del corso universitario e della regione nella quale ha sede la facoltà. Tale importo viene stabilito entro il 31 dicembre di ogni anno con decreto del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca (Miur).

Per l’anno 2016, il decreto del Miur ha previsto i seguenti limiti:

area medica: 3.700 euro per il Nord, 2.900 euro per il Centro, 1.800 euro per il Sud;

area sanitaria: 2.600 euro per il Nord, 2.200 euro per il Centro, 1.600 euro per il Sud;

area scientifico-tecnologica: 3.500 euro per il Nord, 2.400 euro per il Centro, 1.600 euro per il Sud;

area umanistico-sociale: 2.800 euro per il Nord, 2.300 euro per il Centro, 1.500 euro per il Sud [3].

note

[1] Art. 15, comma 1, lett. e) del Testo unico delle imposte sui redditi (Tuir)

[2] Circolare dell’Agenzia delle entrate del 13.05.2011 n. 20, risposta 5.3

[3] Decreto ministeriale 23 dicembre 2016 n. 993.


2 Commenti

  1. A cosa è dovuta questa enorme differenza tra la cifra delle tasse universitarie detraibile al Sud e quella al Nord?

    1. L’unica motivazione che posso ipotizzare è quella legata al diverso costo della vita nelle tre aree del paese. Meno verosimile è l’ipotesi di una sorta di compensazione dei costi sostenuti dagli studenti per iscriversi all’università, visto che, in media, le tasse pagate in molti atenei statali del centro e del meridione sono più alte rispetto al nord.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA