Business | Articoli

Multa: se fingi che guidava un altro è reato

17 Marzo 2017 | Autore:
Multa: se fingi che guidava un altro è reato

Se il proprietario del mezzo mente e afferma che non era lui a guidare, incolpando un’ altra persona, fa falso. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione. 

Se ti hanno fatto una multa e affermi falsamente che stava guidando un altro commetti reato di falso ideologico in atto pubblico. La Corte di Cassazione è intervenuta con una sentenza pubblicata lo scorso 16 marzo[1].

Che cos’è il falso ideologico?

A norma del codice penale  [2] «Chiunque attesta falsamente al pubblico ufficiale, in un atto pubblico, fatti dei quali l’atto è destinato a provare la verità, è punito con la reclusione fino a due anni. Se si tratta di false attestazioni in atti dello stato civile, la reclusione non può essere inferiore a tre mesi.». La norma è tesa a punire le condotte che compromettono la fiducia dei consociati nei riguardi degli atti pubblici, anche se commesso da privato cittadino.

Il caso di specie

Nel caso di specie la guidatrice e proprietaria dell’auto, fermata perché alla guida con il telefono in mano, aveva precedenti penali; per evitare la decurtazione dei punti sulla patente e la sospensione della stessa, dovuto al suo comportamento sfrontato e pericoloso, aveva affermato che non era lei alla guida.

L’agente che aveva accertato l’infrazione era stato però particolarmente scrupoloso nel redigere il verbale indicando il sesso della conducente.

La decisione della Corte di Cassazione

La Suprema Corte ha confermato la configurabilità del reato di falso ideologico in atto pubblico commesso da privati. Il reato c’è quando «la dichiarazione del privato sia trasfusa in un atto pubblico destinato a provare la verità dei fatti attestati». La dichiarazione delle generalità di chi guida al momento dell’infrazione, infatti, «produce l’effetto di individuare il soggetto destinatario della sanzione amministrativa concludendo correttamente il relativo procedimento».


note

[1] Cass. n.12779 del 16 marzo 2017

[2] Art.483 cod.pen.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube