Diritto e Fisco | Articoli

Quali sono i paradisi fiscali nella black list

6 Dicembre 2017


Quali sono i paradisi fiscali nella black list

> Diritto e Fisco Pubblicato il 6 Dicembre 2017



Aggiornato l’elenco dei Paradisi fiscali inseriti nella lista nera dell’Unione Europea secondo l’Ecofin. A questi si aggiungono i paesi della black list secondo l’Agenzia delle Entrate.

Ieri l’Unione Europea ha aggiornato l’elenco dei Paesi che entrano nella black list dei paradisi fiscali. Si tratta di 17 Stati che non applicano standard internazionali minimi di trasparenza fiscale. Oltre alla lista nera sono indicati anche i Paesi della cosiddetta lista grigia che hanno fin qui promesso misure di trasparenza, ma che al momento non le hanno adottate. La selezione dei paradisi fiscali è avvenuta sulla base di tre criteri: trasparenza fiscale, tassazione equilibrata e applicazione delle norme Ocse sul trasferimento dei profitti da un paese all’altro.

L’elenco stilato dall’Ecofin sui paradisi fiscali da inserire nella black list dell’Unione Europea è stato il frutto di lunghe trattative: quando si tratta di additare un Paese come possibile centro dell’evasione fiscale si finisce sempre per contrastare gli interessi nazionali di qualche governo. Ed ecco perché la lista nera è anche il frutto di un compromesso tra i vari Stati membri dell’Ue. La selezione dei paradisi fiscali è avvenuta sulla base di tre criteri: trasparenza fiscale, tassazione equilibrata e applicazione delle norme Ocse sul trasferimento dei profitti da un paese all’altro.

Ma vediamo più da vicino quali sono i paradisi fiscali inseriti nella black list dell’Ue.

I Paradisi fiscali inseriti nella lista nera dell’Unione Europea

  1. Bahrein
  2. Barbados
  3. Corea del Sud
  4. Emirati Arabi Uniti
  5. Grenada
  6. Guam
  7. Isole Marshall
  8. Mongolia
  9. Macao
  10. Namibia
  11. Palau
  12. Panama
  13. Saint Lucia
  14. Samoa
  15. Samoa Americane
  16. Trinidad e Tobago
  17. Tunisia

I Paradisi fiscali inseriti nella lista grigia dell’Unione Europea

Come anticipato la lista grigia comprende un elenco di paradisi fiscali che al momento hanno promesso misure di trasparenza secondo criteri minimi. Essi sono:

  1. Albania
  2. Andorra
  3. Armenia
  4. Aruba
  5. Belize
  6. Bermuda
  7. Bosnia
  8. Botswana
  9. Capo Verde
  10. Curacao
  11. Fiji
  12. Giordania
  13. Groenlandia
  14. Guernesey
  15. Hong Kong
  16. Isole Cayman
  17. Isole Cook
  18. Isole Faroe
  19. Isole di Man
  20. Liechtenstein
  21. Jamaica
  22. Jersey
  23. Maldive
  24. Macedonia
  25. Lamaysia
  26. Labuan
  27. Marocco
  28. Mauritius
  29. Montenegro
  30. Nauru
  31. Niue
  32. Nuova Caledonia
  33. Oman
  34. Perà
  35. Qatar
  36. Saint Vincent e Grenadine
  37. San Marino
  38. Serbia
  39. Seychelles
  40. Svizzera
  41. Swaziland
  42. Taiwan
  43. Thailandia
  44. Turchia
  45. Vanuatu
  46. Vietnam
  47. Uruguay

I Paradisi fiscali inseriti nella lista nera dell’Italia

Oltre ai Paradisi fiscali secondo l’Ecofin ci sono quelli inseriti nella black list italiana dall’Agenzia delle Entrate. In Italia sono in vigore anche la white list degli investimenti e la black list delle indeducibilità delle spese.

Nel nostro paese la Black List viene aggiornata annualmente dall’Agenzia delle Entrate ed è utilizzata per tassare il 95% dei dividendi da società nei paesi che ne fanno parte. I paesi che invece non sono inseriti nella Black List pagano le imposte solamente sul 40%.

Inoltre, le imprese italiane hanno l’obbligo di comunicare le operazioni intercorse con i paesi facenti parte della Black List, come previsto dalla legge 448/98 modificata con la legge 22 del maggio 2010.

I Paesi inseriti della black list italiana vengono divisi in due categorie:

Black list dei paradisi per le persone fisiche

  1. Costa Rica
  2. Cipro
  3. Dominica
  4. Ecuador
  5. Filippine
  6. Malaysia
  7. Mauritius
  8. Panama
  9. Singapore
  10. Svizzera
  11. Taiwan
  12. Uruguay

Black list dei paradisi fiscali per le persone giuridiche

  1. Guatemala
  2. Isole Vergini Statunitensi
  3. Isole Salmone
  4. Kiribati
  5. Nuova Caledonia
  6. Sant’Elena

Paradisi fiscali in entrambe le categorie

  1. Alderney (Aurigny)
  2. Andorra (Principato d’Andorra)
  3. Anguilla
  4. Antigua e Barbuda (Antigua and Barbuda)
  5. Antille Olandesi (Nederlandse Antillen)
  6. Aruba
  7. Bahama (Bahamas)
  8. Bahrein (Dawlat al-Bahrain)
  9. Barbados
  10. Belize
  11. Bermuda
  12. Brunei (Negara Brunei Darussalam)
  13. Costa Rica (Republica de Costa Rica)
  14. Dominica
  15. Ecuador (Republica del Ecuador)
  16. Emirati Arabi Uniti (Al-Imarat al-‘Arabiya al Mullahida)
  17. Filippine (Pilipin)
  18. Gibilterra (Dominion of Gibraltar)
  19. Gibuti (Djibouti)
  20. Grenada
  21. Guernsey (Bailiwick of Guernsey) Hong Kong (Xianggang)
  22. Isola di Man (Isle of Man)
  23. Isole Cayman (The Cayman Islands)
  24. Isole Cook
  25. Isole Marshall (Republic of the Marshall Islands)
  26. Isole Vergini Britanniche (British Virgin Islands)
  27. Jersey
  28. Libano (Al-Jumhuriya al Lubnaniya)
  29. Liberia (Republic of Liberia)
  30. Liechtenstein (Furstentum Liechtenstein)
  31. Macao (Macau)
  32. Malaysia (Persekutuan Tanah Malaysia)
  33. Maldive (Dive hi)
  34. Maurizio (Republic of Mauritius)
  35. Monaco (Principauté de Monaco)
  36. Monserrat
  37. Nauru (Republic of Nauru)
  38. Niue
  39. Oman (Saltanat ‘Oman)
  40. Panama (Republica de Panamà) Polinesia Francese (Polynesie Française)
  41. Saint Kilts e Nevis (Federation of Saint Kilts and Nevis)
  42. Saint Lucia
  43. Saint Vincent e Grenadine (Saint Vincent and the Grenadines)
  44. Samoa (Indipendent State of Samoa)
  45. Sark (Sercq)
  46. Seicelle (Republic of Seychelles)
  47. Singapore (Republic of Singapore)
  48. Svizzera (Confederazione Svizzera)
  49. Taiwan (Chunghua MinKuo)
  50. Tonga (Puleanga Tonga)
  51. Turks e Caicos (The Turks and Caicos Islands)
  52. Tuvalu (The Tuvalu Islands)
  53. Uruguay (Republica Oriental del Uruguay)
  54. Vanuatu (Republic of Vanuatu)

Sanzioni per le mancate comunicazioni all’Agenzia Entrate

La legge prevede una sanzione per tutti quei soggetti che pur essendo obbligati a comunicare all’Agenzia delle Entrate il resoconto dei rapporti commerciali tenuti con un Paese della Black List non lo fanno entro il termine previsto.

Le sanzioni sono:

  • sanzione amministrativa da 258€ a 2065€: per omessa presentazione o trasmissione della comunicazione, oppure nel caso in cui questa sia incompleta o inesatta;
  • sanzione raddoppiata: per chi viola diverse disposizioni della Normativa;
  • sanzione aumentata da un quarto al doppio: in caso di ripetuta violazione dell’obbligo di comunicazione in esame.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI