Diritto e Fisco | Articoli

Antenna cellulari vicino casa: che fare?

7 dicembre 2017


Antenna cellulari vicino casa: che fare?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 7 dicembre 2017



Non spetta al Comune intervenire a tutela della salute dei cittadini contrari alla grossa antenna per cellulari.

Vicino a casa tua c’è una grossa antenna. Hai scoperto che si tratta di un ripetitore per cellulari che, una compagnia telefonica, ha deciso di piazzare proprio lì, in mezzo al verde, ma vicino al centro abitato. La presenza di questo campo elettromagnetico ti preoccupa non poco. Si sa che un piccolo cellulare può essere pericoloso per i suoi effetti sulla salute, figuriamoci una antenna di proporzioni ciclopiche. Quale rischio per te e per la tua famiglia? Chi mai acquisterà la tua casa ora che si trova sotto l’ombrello di copertura del ripetitore? Magari il cellulare prenderà alla meraviglia, ma chi può dire cosa si scoprirà di lì a qualche anno! È così tua intenzione vederci chiaro, verificare se è stato fatto un controllo preventivo sui rischi per i cittadini, quanto la presenza del ripetitore potrebbe interferire sulla salute di chi vive nelle adiacenze e a chi rivolgersi, eventualmente, per farlo spostare. La risposta ai tuoi problemi è stata data da una recente sentenza del Tar Molise [1] che ha spiegato che fare se c’è un’antenna per cellulari vicino casa.

Chi è competente a decidere l’antenna per cellulari?

La prima questione che devi affrontare se, vicino casa tua, c’è un’antenna per cellulari è individuare l’autorità a cui rivolgerti. E qui viene in soccorso proprio la pronuncia citata poco fa. Secondo i giudici, non è competente il Comune ma la Regione. Non spetta la sindaco infatti tutelare la salute dei cittadini limitando l’esposizione ai campo magnetici. L’ente locale deve occuparsi solo del rispetto della normativa urbanistica (e quindi della corretta collocazione con riferimento al piano regolatore, al rispetto delle aree verdi, delle zone di interesse storico, artistico o archeologico). Le valutazioni invece relative alla sicurezza degli abitanti spettano alla Regione che ha, in materia, potere di dettare leggi insieme allo Stato.

Né ci si può lamentare con il sindaco se il ripetitore è troppo vicino a scuole, ospedali, chiede e abitazioni: il regolamento comunale non può ridurre l’esposizione della popolazione ai campi magnetici.

Le autorizzazioni per l’antenna cellulari

Individuata nella Regione l’autorità responsabile per l’installazione della mega antenna per cellulari, la seconda cosa da fare è verificare se vi è effettivo rischio per la salute dei cittadini. Prima di impiantare nel terreno o sul tetto il ripetitore, la società telefonica deve procurarsi un contratto di affitto del terrazzo dell’abitazione o del terreno occupato. In caso di condominio serve l’unanimità. In caso di terreno comunale serve una delibera.

A chi rivolgersi per valutare i rischi dell’antenna per cellulari?

Di solito, prima dell’installazione dell’antenna, le autorità delegano l’Arpa (Agenzia Regionale per la prevenzione ambientale) di effettuare una verifica dell’impatto sull’habitat esterno. Ed è anche all’Arpa che può rivolgersi il cittadino se ritiene, successivamente, che vi sia un grave pericolo per la salute. Nulla vieta, peraltro, di dotarsi di una perizia redatta da un tecnico di parte per contestare eventuali valutazioni errate emesse dall’Arpa stessa.

Indennizzo per la perdita di valore della casa

Un’altra strada che può percorrere il cittadino è chiedere l’indennizzo per la perdita di valore dell’immobile. Anche in questo caso, la richiesta può essere fatta alla Regione e alla compagnia telefonica.

Schermare la casa

Le mura domestiche filtrano solo il 10% delle onde. Tuttavia è possibile mettere in opera delle vere e proprie schermature del palazzo contro le radiazioni ad alta frequenza che ne dissipano il 60-70% della forza. Gli interventi però sono sempre costosi. Esistono anche dei vetri speciali per attenuare le onde.

note

[1] Tar Molise, sent. n. 473/17.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI