Tech | News

Aria inquinata, per saperlo basta un tatuaggio

7 Dicembre 2017 | Autore:
Aria inquinata, per saperlo basta un tatuaggio

I ricercatori del MIT hanno inventato un inchiostro vivente capace di reagire alle sostanze presenti nell’aria.

L’esposizione a determinate sostanze può essere molto pericolosa per la nostra salute. A volte ci sentiamo male e ci accorgiamo solo quando è troppo tardi che nell’aria c’era qualcosa di nocivo o cui eravamo allergici. Sapendolo in modo tempestivo possiamo evitare disturbi e rischi peggiori.

Nel prossimo futuro per sapere se c’è qualcosa di pericoloso nell’aria basterà un tatuaggio. I ricercatori del MIT (Massachusetts Institute of Technology) hanno inventato un inchiostro vivente capace di reagire all’ambiente. In pratica si tratta di un idrogel contenente dei batteri programmati geneticamente per illuminarsi quando entrano a contatto con determinate sostante.

Utilizzando una nuova tecnica di stampa 3D, i ricercatori del MIT hanno stampato un modello di albero utilizzando appunto l’idrogel, con i vari rami contenenti batteri sensibili a diversi tipi di sostanze chimiche.

L’albero creato con l’idrogel è stato poi attaccato sulla pelle di una persona come se fosse un tatuaggio vivente. A seconda dei rami che si illuminano, la persona è in grado di sapere quali sostanze sono nell’aria.

Si tratta per ora di una ricerca e quindi occorrerà ancora un po’ per vederne una vera realizzazione commerciale. I campi di applicazione, però, sono diversi e non ristretti solo alla possibilità di rilevare sostanze inquinanti. Nel prossimo futuro i tatuaggi, oltre ad essere un qualcosa di estetico, potranno anche diventare qualcosa di utile alla nostra salute.


note

Fonte: http://news.mit.edu/2017/engineers-3-d-print-living-tattoo-1205


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube