Business | Articoli

Whatsapp: lo “stato” non piace, si torna alle origini

19 Marzo 2017
Whatsapp: lo “stato” non piace, si torna alle origini

Lo stato in modalità foto-video non piace agli utenti Whatsapp. La società registra le critiche ed annuncia il ritorno alle origini.

WhatsApp aveva tentato l’innovazione. A quanto pare le grandi società di comunicazione si divertono non poco a scombussolare i piani delle utenti e le loro abitudini, con cambiamenti improvvisi e aggiornamenti spesso indesiderati. Spesso le modifiche sono state seguite da lamentele da parte degli utenti pigri al cambiamento ed altrettanto spesso non si è dato conto alle lamentele, lasciando loro il tempo di abituarsi. Questa volta, però, non ha funzionato. L’azienda torna sui suoi passi, uno a zero per gli utenti, palla al centro.

L’aggiornamento Whatsapp: foto e video come status

Qualche settimana fa Whatsapp aveva sostituito gli stati testuali (per la verità già poco usati) sostituendoli con foto e video che si autoeliminano dopo le 24 ore. Il modello è quello delle Storie di Snapchat, introdotto sotto altra forma anche da Facebook. La tendenza, insomma, è quella di sostituire stati testuali e foto con la dinamicità.

L’aggiornamento ha portato con sé anche cambiamenti grafici nell’app, sostituendo la voce “gruppi”, particolarmente utile nella ricerca delle conversazioni multiple.

Si ritorna alle funzioni precedenti

Il cambiamento, stavolta, non piace. E non sembra questione di tempi. Dalla prossima settimana, quindi, sui telefoni Android, e in seguito anche sugli iPhone, verrà ripristinata la funzione precedente, con la possibilità di inserire frasi a piacimento, oltre che i preimpostati “occupato”, “non disponibile” etc. Lo stato “foto-video” non scomparirà, comunque. Resterà a disposizione degli utenti anche dopo il ripristino dello status testuale.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube