Diritto e Fisco | Articoli

Se il condomino non paga le quote condominiali: la riforma cosa ha cambiato?

23 novembre 2012


Se il condomino non paga le quote condominiali: la riforma cosa ha cambiato?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 23 novembre 2012



Rate condominiali e condomini morosi: cosa deve fare l’amministratore per recuperare i crediti del condominio?

La recente riforma del condominio ha cambiato completamente tutte le regole per il caso di condomini morosi, che non abbiano pagato le quote condominiali.

Innanzitutto, l’amministratore, da oggi in poi, ha l’obbligo di attivarsi entro sei mesi (dalla chiusura dell’esercizio per il quale il credito si riferisce) per recuperare le quote condominiali non pagate. Egli quindi dovrà inviare eventualmente una raccomandata di sollecito e incaricare il legale perché agisca in giudizio con decreto ingiuntivo. Nel fare ciò, l’amministratore non deve chiedere l’autorizzazione all’assemblea.

Il decreto ingiuntivo sarà provvisoriamente esecutivo, anche se il condomino faccia opposizione.

In caso di ritardo nel pagamento dei contributi condominiali per oltre sei mesi, l’amministratore può sospendere il condomino moroso dalla fruizione dei servizi comuni suscettibili di godimento separato.

Nel caso in cui un creditore del condominio intenda agire per il recupero delle somme da questi vantate nei confronti del condominio medesimo, da oggi dovrà prima rivalersi nei confronti dei condomini morosi e poi nei confronti degli altri condomini in regola con le quote condominiali. È quello che si chiama “beneficio della preventiva escussione”.

In entrambi i casi, però, il creditore può agire solo “pro quota”, ossia nei limiti dei millesimi di ognuno. Pertanto, egli non potrà chiedere tutto il pagamento ad un solo condomino.

Solo se le azioni esecutive nei confronti dei condomini morosi si rileveranno infruttuose, i “virtuosi” dovranno rispondere delle obbligazioni condominiali.

Per rendere tutto ciò effettivo, l’amministratore di condominio è tenuto a fornire al creditore, con la massima trasparenza, ogni informazione utile perché questi possa agire. Dovrà quindi informarlo su chi sono i condomini morosi e sui rispettivi millesimi di proprietà.

L’obbligo per l’amministratore di agire entro tempi prefissati servirà a ridurre i casi in cui il creditore debba attivarsi per il recupero del credito, sobbarcandosi oneri e compiti propri dell’organizzazione condominiale.

  


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

12 Commenti

  1. Il condomino moroso ha il diritto di voto in assemblea? e se il condomino non paga perchè non vengono approvati i bilanci grazie al suo voto contrario che si fa? grazie.

    1. Il condomino moroso ha diritto di voto. Quanto alle spese, se si tratta di gestione ordinaria (e non spese straordinarie), non sarà certo il dissenso del socio a impedire la riscossione

  2. grazie per la immediata risposta,ma se il moroso ha a disposizione 500 millesimi su 700(cioè comanda lui) e non fa approvare il bilancio in assemblea per non pagare le quote condominiali,come si agisce nei suoi riguardi?l’amministratore è impotente?!

    1. La minoranza può rivolgersi al giudice nel caso di condominio incapace di funzionare. Un bilancio dovrà essere prima o poi approvato.

  3. In Torino, un condomino, rimasta vedova con pensine di 600 Euro mensili e una coda del mutua di 300 Euro mensili si trova nella imposizione dell’amministrazione di dover pagare la quota spese dei condomini morosi che, nel frattempo (circostanze documentate dimostrano) exstracomunitari, si permettono di acquistare la macchina nuova e vivere in modo abbastanza appariscente. Una di queste famiglie è assistita dai servizi sociali perche in famiglia c’è un minore, perche non interviengono i servizi sociali a coprire il mancato pagamento di dette spese?.
    L’Amministratore insiste che la condomina in oggetto deve pagare perche altrimenti…..
    E’ normale che si verifichino situazioni del genere?

  4. La legge prevede l’obbligo del condomino a pagere le spese di condominio dei morosi?. Quale sarebbe l’Art. di legge?. Se non esiste un articolo specifico si si riferisce a tale obbligo, perche gli amministratori persistono nel perseguitare le persone oneste?.

  5. se nei conti di spese cndominiali riscontro errore da parte dell’amministratore come mi dovrò comportare x farmi valere i miei diritti posso non proseguire il pagamento in corso

  6. In base alla nuova normativa sul condominio , il condomino gravemente moroso ha diritto al voto on assemblea nelle more dello sviluppo del decreto ingiuntivo? ?

  7. Si specifica in premessa che l’Amministratore ha l’obbligo di perseguire, entro sei mesi dalla chiusura dell’esercizio , il condomino moroso. Andrebbe specificato che i sei mesi decorrono dalla approvazione del consuntivo a cui si riferiscono le rate non pagate.

  8. Buongiorno, vorei chiedere una cosa, il amministratore può fare un decreto in ingiunzione per un condomino senza avergli mai mandato una lettera del sollecito del pagamento, ed avvisarlo a che cosa avrebbe andato in incontro e non devesse provedere al pagamento delle quote (nel mio caso 6mesi 211€),. Poi nel assemblea l’amministratore e stato nominato da noi in buona fede non ci e stato assegnato in modo alleatorio dallo stato credo che lui debba essere nell’interesse dei condomini per questo e pagato non per fargli causa. E poi il verbale del assemblea non e mai stato mandato ai condomini (15.04.2014). Come me ci sono anche altri condomini del palazzo.
    vorei fare oposizione al decreto in ingiunzione, perchè c’e scritto che lui mi ha fato il sollocito tante volte e non hanno avuto riscontro.
    Non risponde mai al telefono, alle mail io proprio non lo so che tipo di amministratore e prende soldi per fare causa ai condomini agli stessi che lui dovrebbe aiutargli.

  9. Abbiamo cambiato amministratore il quale mi chiede delle quote di spese ordinarie e straordinarie del 2012 2013 2014 . Il nuovo amministratore e tenuto a darmi spiegazioni !Mi ha risposto che non fa l’insegnante come posso regolarmi! Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI