Tech L’iPhone è impermeabile?

Tech Pubblicato il 11 dicembre 2017

Articolo di




> Tech | Cos'è Tech? Pubblicato il 11 dicembre 2017

Come faccio a sapere se posso scattare foto sott’acqua col mio smartphone o corro il rischio di danneggiarlo?

Molti smartphone sono resistenti all’acqua ma questo non vuol dire che possiamo usarli per scattare foto al mare o in piscina. L’ultimo iPhone è impermeabile secondo lo standard IP67, ma cosa vuol dire esattamente?

La sigla IP serve a identificare lo standard internazionale che definisce i gradi di protezione dei dispositivi contro liquidi, polvere e oggetti solidi. Nel caso dell’impermeabilità, la sigla IP viene seguita da un numero. In genere gli smartphone impermeabili hanno la certificazione IP67 o IP68.

Cosa è lo standard IP?

Le lettere IP stanno per ingress protection, ovvero servono per indicare la facilità con cui la polvere e l’acqua possono penetrare all’interno del dispositivo. I due numeri successivi, invece, indicano il grado di protezione relativamente ai solidi e ai liquidi.

Il primo numero ci dice quanto è probabile che possa entrare polvere o sabbia. Il numero 6 indica che il dispositivo è protetto contro possibili penetrazioni di sostanze solide. In pratica se ci cade in spiaggia, la sabbia e la polvere non possono entrare al suo interno.

Il secondo numero, invece, indica quanto è probabile che possa entrare acqua nel dispositivo. Il numero 5 indica che lo smartphone è protetto contro un getto d’acqua proiettato con una bassa pressione da qualsiasi direzione. Il numero 6, invece, indica un grado di protezione maggiore, ovvero contro un gettito d’acqua ad alta pressione da qualsiasi direzione.

Per essere veramente impermeabile uno smartphone deve avere almeno un grado di protezione 7, che indica che il dispositivo può essere immerso in acqua fino 1 metro di profondità per un tempo limitato (massimo 30 minuti) senza che subisca alcun danneggiamento. Il grado di protezione 8, invece, indica che il dispositivo può essere immerso anche oltre 1 metro di profondità (fono a 1,5 o 2 metri massimo) per un tempo continuato.

Cosa vuol dire IP67 e IP68?

Per semplificare le cose possiamo dire che uno smartphone che ha la certificazione IP67 è protetto contro gli schizzi d’acqua, può essere usato sotto la pioggia e non si danneggia se cade in una pozzanghera. Non è adatto però all’uso in immersione. Potremmo anche usarlo per scattare qualche foto in piscina o in riva al mare, ma a nostro rischio e pericolo.

La certificazione IP68, invece, ci garantisce una protezione maggiore e ci permette di usare lo smartphone anche in acqua, a patto di non immergerlo a profondità elevate (non più di 1,5 o 2 metri).

Quindi l’iPhone è impermeabile?

Gli ultimi smartphone di Apple sono impermeabili secondo lo standard IP67, ovvero sono resistenti agli schizzi, alle gocce e alla polvere. Secondo quanto riportato da Apple:

La resistenza agli schizzi, alle gocce e alla polvere non è una caratteristica permanente e potrebbe diminuire con la normale usura. Non tentare di ricaricare il tuo iPhone quando è bagnato; consulta il manuale per pulirlo e asciugarlo. La garanzia non copre i danni provocati da liquidi.

In altre parole non possiamo scattare foto sott’acqua con l’iPhone anche se ha la certificazione IP67.

Quali smartphone hanno la certificazione IP67?

Oltre agli ultimi iPhone, ci sono diversi smartphone che sono impermeabili secondo lo standard IP67. Tra questi ci sono: iPhone X, iPhone 8, iPhone 7, Huawei Mate 10 Pro, Google Pixel 2, Google Pixel XL 2 e HTC U11.

Quali smartphone hanno la certificazione IP68?

Gli smartphone che hanno la certificazione IP68 e che quindi possono essere usati anche immersi nell’acqua, sono: Samsung Galaxy Note 8, Galaxy S8, Galaxy S8 Plus, Galaxy S7, LG V30, LG G6, Sony Xperia XZ1, Sony Xperia XZ Premium e altri ancora. Per il reale grado di impermeabilità dello smartphone fare comunque sempre riferimento a quanto dichiarato dal produttore.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI