Diritto e Fisco | Editoriale

La legge è un diritto di tutti: la storia dello sciamano e del popolo credulone

25 Ottobre 2014 | Autore:
La legge è un diritto di tutti: la storia dello sciamano e del popolo credulone

Avvocati: si definiscono gli “intermediari tra il cittadino e la legge”,  ma la legge è nata proprio per il cittadino, suo destinatario diretto:  chiunque deve poter comprendere le norme in autonomia, in modo da  vivere la propria socialità in modo pieno e consapevole. Perché allora l’avvocato è “intermediario”?

In un paese indiano, alle falde di una montagna, lontano dal mondo civile, viveva uno stregone che aveva insinuato nel villaggio la credenza secondo cui nessuna malattia – qualsiasi essa fosse – potesse guarire da sola, se non con l’intervento della sua attività divinatoria. Attività che, ovviamente, avveniva dietro pagamento. Un pezzo di formaggio, una coppia di galline, un fagiano: tutto era utile per guarire una gengiva infiammata, un dito fratturato, un callo, una febbre improvvisa.

Avvenne però un giorno che un uomo povero prese un banale raffreddore. Le sue scarse finanze gli impedirono di ricorrere allo sciamano; così rimase chiuso in casa ad aspettare la morte che – così egli credeva – sarebbe prima o poi arrivata.

Ma la morte non venne. E anzi, l’uomo riprese salute ed energia.

Il villaggio cominciò a chiedersi come potesse essere accaduto ciò. Anche il sedicente santone accorse dalla sua capanna, incredulo, per vedere coi suoi occhi. Cominciò ad analizzare il corpo dell’ex malato: lo portò nella propria tenda, lo scrutò, gli tolse alcuni pezzi di pelle, convinto che dentro vi fosse il diavolo. Alla fine, gli applicò un salasso per studiare il suo sangue. Ne tirò fuori talmente tanto che l’uomo, dopo una notte, morì per davvero, dissanguato.

Così, la mattina dopo, lo stregone andò sul monte e, convocata la gente del villaggio, esibì il corpo dell’uomo: “Vedete!” disse. “Alla fine il raffreddore ha avuto la meglio su questo povero corpo! Non esistono malattie curabili senza il mio intervento”.

Il ruolo che il nostro ordinamento affida all’avvocato è quello di “intermediario” tra il cittadino e la Legge. Ma non si cada in equivoci: l’intermediazione è solo “processuale”, non “sostanziale”. La legge nasce, infatti, prima che per l’avvocato, per il cittadino. Il legale ha il compito della difesa giudiziale, ma non anche quello di informare e spiegare il contenuto delle norme. Ogni persona ha il diritto/dovere di conoscere da sé la legge, in quanto diretta destinataria di essa. Credere il contrario significa essere come la gente del villaggio che ritiene inguaribile la malattia senza l’intervento dello sciamano.

Alcuni giorni fa, “La Legge per Tutti” ha festeggiato il suo ingresso in Google News. Abbiamo una profonda stima dei social network come mezzo di condivisione delle informazioni e delle idee. Il villaggio globale è cresciuto solo da quando si è potuto condividere le reciproche conoscenze. È dal confronto che nascono le soluzioni migliori. Scrivere un libro, lasciando la barriera tra lettore e scrittore, ha un peso completamente diverso dall’istituire un forum dietro ogni articolo e mettere in contatto l’autore con il cittadino.

Quando cominciammo a scrivere i primi articoli su “La Legge per Tutti” ci animava l’intenzione di spiegare che si può guarire anche con una medicina naturale e preventiva.

Siamo tutti consapevoli che l’enorme produzione normativa e la complessità del testo delle leggi ha minato l’intellegibilità dei diritti e dei doveri, non consentendo più di predicare che “la legge non ammette ignoranza”. A fronte di ciò, quindi, era (ed è) nostra intenzione creare una semplificazione in chiave empirica.

Del resto, è noto che, in Italia, il cittadino non è abituato a rivolgersi all’avvocato per la consulenza preventiva. Il web però può supplire a questa lacuna “formativa” e, con democratico senso di appartenenza a un’unica popolazione – quella del villaggio indiano di montagna – parlare la lingua di tutti, seppur con le approssimazioni di chi non è un tecnico.

Il cittadino può guarire anche senza lo sciamano. La legge non ha bisogno di intermediari.

La Legge (è) per tutti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

4 Commenti

  1. Siete delle persone eccezionali e generate un grandissimo ed utilissimo servizio.
    Grazie…. grazie e e ancora grazie

    1. Grazie a te Riccardo e alle migliaia di persone che ci leggono ogni giorno. La vostra riconoscenza è la nostra forza.

Rispondi a Angelo Greco Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube