Diritto e Fisco | Articoli

Esami di stato e tasse universitarie. Tempi duri per gli studenti

2 Novembre 2011
Esami di stato e tasse universitarie. Tempi duri per gli studenti

Novità dal Ministero: regole più rigide per l’accesso degli studenti agli esami di stato.

Il Ministero dell’Istruzione, con la circolare [1] dello scorso 24 ottobre, ha confermato la linea del rigore per l’ammissione degli studenti agli esami di stato. Da quest’anno potranno accedere solo gli alunni con la sufficienza in tutte le materie (compresa la condotta) che abbiano frequentato almeno il 75% dell’orario curriculare.

Inoltre, potranno essere ammessi agli esami anche gli alunni che frequentano la penultima classe, in caso di “abbreviazione per merito”.

Gli aspiranti maturandi, dunque, potranno essere coloro i quali abbiano riportato nella valutazione finale non meno di otto decimi in ciascuna disciplina e, nelle valutazioni degli ultimi due anni, almeno sette decimi in tutte le materie (condotta compresa) senza essere stati rimandati.

Gli alunni dell’ultimo anno dovranno aver frequentato il 75% delle lezioni. La percentuale va calcolata sull’ammontare orario di tutte le discipline complessivamente considerate e non con riferimento a ciascuna di esse.

Saranno concesse deroghe per gravi motivi di salute, per terapie o cure programmate, per donazioni di sangue, per le assenze dovute alla partecipazione ad attività sportive e agonistiche organizzate da federazioni riconosciute dal Coni e per adesione a confessioni religiose che considerino il sabato come giorno di riposo.

Una circolare che sicuramente farà discutere per la sua severità.

Altrettanto amareggiati lascia gli studenti il recente rincaro delle tasse universitarie degli ultimi anni, per via del taglio dei fondi agli atenei.

Negli ultimi cinque anni le tasse universitarie sono salite di circa del 15%, facendo registrare contemporaneamente una riduzione dei contributi per il diritto allo studio. Tanto per fare un esempio, nel 2006 il contributo per immatricolarsi all’università della Calabria era di 283 euro circa. Nel 2011 è salito a 345 euro. All’università Sapienza di Roma nel 2006 bisognava versare 327 euro circa, a fronte dei 453 di quest’anno.

Situazione analoga in Sicilia e nella stragrande maggioranza degli atenei italiani. Un malessere generale dei conti pubblici del nostro paese che si ripercuote inevitabilmente anche su un settore importante come l’istruzione.

di GIANMARIO PERRELLI


note

[1] C.M. n. 95 del 24 Ottobre 2011.

[2] Art. 14, co. 7 del Dpr. N. 122/09.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube