Diritto e Fisco | Articoli

Risarcimento danni veicolo: i testimoni


> Diritto e Fisco Pubblicato il 23 dicembre 2017



In caso d’incidente stradale con danni al veicolo, i testimoni devono essere comunicati tempestivamente. In mancanza non sono ammessi: le conseguenze.

Avete subito un incidente ed a causa dello stesso il vostro veicolo è stata danneggiato. Siete convinti che la responsabilità è dell’altro conducente, ma non è d’accordo con voi. Per questi motivi, non viene sottoscritta alcuna constatazione amichevole e siete pertanto costretti ad avviare la procedura di legge, necessaria per avere il risarcimento dei danni subito. Ebbene sappiate che per raggiungere l’obiettivo finale, la figura dei testimoni dell’accaduto sarà fondamentale. Ed allora è altrettanto importante sapere che vanno indicati tempestivamente, altrimenti la loro testimonianza sarà inammissibile. In altri termini, rischiate di rimanere con un pugno di mosche in mano, poiché senza testimoni non siete in grado di dimostrare le vostre ragioni. In sostanza, per un risarcimento danni al vostro veicolo, quale ruolo hanno i testimoni e quando vanno comunicati? Scopriamolo insieme.

Risarcimento danni veicoli: cosa fare per prima.

Se avete subito un incidente e la vostra auto si è danneggiata, in assenza della cosiddetta constatazione amichevole, cioè l’accordo con la controparte sulla responsabilità dell’incidente, sarete inevitabilmente costretti ad avviare la procedura per l’ottenimento del risarcimento del danno. Pertanto, dovrete inviare, magari tramite il vostro legale, un richiesta formale di risarcimento alla vostra compagnia assicuratrice (cosiddetto indennizzo diretto) corredata da tutti gli elementi necessari (data, ora, luogo, descrizione dei fatti, targhe e modelli dei veicoli, dati dei proprietari e dei conducenti, ecc). A seguito di una recente modifica legislativa, dovrete anche comunicare i dati degli eventuali testimoni dell’accaduto: ad affermarlo è il codice delle assicurazioni [1].

Risarcimento danni veicoli: quando indicare i testimoni.

Abbiamo appena visto che nella richiesta di risarcimento devono essere indicati anche i possibili testimoni del vostro incidente. Se non lo fate, l’impresa di assicurazione deve chiederveli entro sessanta giorni dal ricevimento della vostra comunicazione, mediante l’invio di una raccomandata con ricevuta di ritorno. Appena riceverete questa lettera, avrete altri sessanta giorni di tempo per rispondere alla compagnia assicuratrice, comunicandole i dati identificativi dei vostri testimoni. Se non lo fate, gli eventuali testimoni comunicati successivamente, ad esempio nel corso della causa per il risarcimento, non saranno ammessi dal giudice. Questi, infatti, potrà ammettere soltanto le testimonianze di quegli individui che, per obiettive difficoltà, non è stato possibile identificare precedentemente e secondo le disposizioni di legge appena citate.

Risarcimento danni veicoli: e se il testimone non è ammesso?

Nelle cause dirette all’ottenimento di un risarcimento danni, il ruolo del testimone è fondamentale. Questi dovrò confermare il fatto storico, cioè l’accadimento del sinistro, ma soprattutto chiarire la dinamica dell’incidente. Con la testimonianza sarà, quindi possibile verificare il comportamento alla guida dei due conducenti e giudicarne la responsabilità secondo i criteri di legge. Senza testimoni, sarà molto difficile ottenere questo risultato, con la conseguenza che, con molta probabilità, il vostro risarcimento sarà ridimensionato o addirittura non riconosciuto. Pertanto è fondamentale rispettare le regole per l’identificazione dei testimoni e per la loro tempestiva comunicazione: in questo modo la loro testimonianza sarà ammessa e potrà essere utilizzata, in corso di causa, per dimostrare le vostre ragioni.

note

[1]  Art. 135, co. 3bis Dlvo 209/2005.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI