HOME Articoli

Lo sai che? Cosa significa reati contro il patrimonio

Lo sai che? Pubblicato il 2 febbraio 2018

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 2 febbraio 2018

I reati contro il patrimonio sono quelli che aggrediscono gli averi della vittima.

I reati sono quelle condotte che l’ordinamento giuridico decide di punire con una sanzione che, nel diritto penale, viene definita pena. La pena per eccellenza è la reclusione, cioè il carcere, da scontare a tempo determinato o indeterminato (ergastolo). La pena, però, può anche essere pecuniaria, cioè può consistere in una somma di denaro da pagare allo Stato (multa o ammenda). Anche in quest’ultimo caso, però, il reo si trova davanti ad un procedimento penale a tutti gli effetti, con tanto di fedina penale macchiata nel caso di condanna.

I reati si distinguono in delitti e contravvenzioni. I delitti e le contravvenzioni si differenziano a seconda della specie di pena prevista dal codice penale: i delitti sono quei reati per cui è prevista la pena dell’ergastolo, della reclusione o della multa, mentre le contravvenzioni sono quei reati per cui è prevista la pena dell’arresto e/o dell’ammenda.

Quindi, delitti e contravvenzioni sono entrambi reati, soltanto che tra le due specie esistono delle differenze apprezzabili soprattutto sul piano processuale: ad esempio, le contravvenzioni si prescrivono, di solito, in quattro anni, mentre per i delitti ne occorrono almeno sei; nelle contravvenzioni è indifferente l’elemento psicologico della condotta (cioè, il dolo o la colpa), mentre nei delitti questa distinzione è molto importante (infatti il delitto è, di regola, doloso).

Detto ciò, scorrendo il codice penale è possibile individuare una lunga serie di delitti suddivisi per categorie: tra questi, vi sono anche i reati contro il patrimonio. Cosa significa? Vediamolo insieme.

Reati contro il patrimonio e bene giuridico

Per capire cosa significa reati contro il patrimonio bisogna fare una necessaria premessa. Il codice penale italiano è strutturato in modo tale da raggruppare in maniera (più o meno) ordinata le diverse tipologie di reati a seconda del bene giuridico tutelato.

Cos’è il bene giuridico? Per tale si intende l’oggetto tutelato dal diritto penale; si tratta, in altre parole, dell’interesse che il diritto vuole proteggere dall’azione criminosa.

Reati contro il patrimonio: cosa significa?

Da quanto appena detto si capisce cosa significa reati contro il patrimonio: si tratta di tutti quei delitti che offendono il patrimonio altrui, cioè l’insieme dei rapporti giuridici di natura economica della vittima. Nel codice penale italiano, i reati contro il patrimonio sono inseriti alla fine di tutti gli altri, cioè soltanto dopo aver trattato quelli contro la pubblica amministrazione, l’amministrazione della giustizia, l’incolumità pubblica, contro la famiglia e la persona, ecc. Questo non significa, però, che siano meno importanti degli altri; al contrario, negli ultimi anni i delitti contro il patrimonio sono stati più volte oggetto di importanti modifiche legislative.

Reati contro il patrimonio: quali sono i più importanti?

I reati contro il patrimonio sono numerosi; tra i più importanti ricordiamo:

  • il furto;
  • la rapina;
  • l’estorsione;
  • il sequestro di persona a scopo estorsivo;
  • il danneggiamento;
  • la truffa;
  • l’usura;
  • la ricettazione;
  • il riciclaggio.

Ognuno di questi reati aggredisce, con modalità diverse, il patrimonio altrui, con l’obiettivo di pervenire ad un illecito arricchimento a danno della vittima. Ad esempio, mentre il furto [1] comporta il semplice impossessamento della cosa mobile altrui al fine di trarne profitto, la rapina [2] implica anche l’utilizzo della violenza o della minaccia. Molto diversa è la truffa [3]: in questo caso l’arricchimento avviene mediante l’utilizzo di artifici o raggiri che, traendo in inganno la povera vittima, la inducono a consegnare il proprio denaro di spontanea volontà.

L’elemento comune dei reati contro il patrimonio resta, ad ogni modo, l’interesse aggredito, cioè le sostanze della persona offesa.

note

[1] Art. 624 cod. pen.

[2] Art. 628 cod. pen.

[3] Art. 640 cod. pen.

Autore immagine: Pixabay.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI