HOME Articoli

Lo sai che? Donazione di chi vive all’estero: come fare e quali tasse?

Lo sai che? Pubblicato il 24 dicembre 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 24 dicembre 2017

Vorrei donare ad un mio amico svedese una somma di denaro pari a 30.000 euro. Quali sono le modalità corrette per farlo? A chi spetterebbe pagare le tasse, dal momento che in Svezia non si devono pagare tasse per questi casi.

Innanzitutto è bene precisare che per la donazione non sono previste forme solenni se la stessa ha ad oggetto somme di modico valore.

Tuttavia la legge non dice quando una donazione possa considerarsi di modico valore. A tal fine, per stabilirlo, bisogna prendere in considerazione il patrimonio e le condizioni economiche sia del donante che del donatario.

Infatti, il concetto di “modico valore” non è assoluto ed uguale per tutti: lo stesso importo può essere considerato modico per alcuni e non modico per altri.

Per dare una risposta precisa al quesito si dovrebbe conoscere la situazione patrimoniale complessiva sia del lettore che del suo amico beneficiario.

In ogni caso si cercherà di offrire, per quanto possibile, un chiarimento che tenga conto di tutte le varie ipotesi.

1) Donazione di una somma di modico valore.

Se, nel caso di specie, sulla scorta delle ragioni sopra dette la donazione si rivelasse di modico valore, per essa non sarebbero necessarie particolari forme. Basterebbe, infatti, una semplice dichiarazione verbale e la consegna in concreto del denaro.

Tuttavia, trattandosi di importo superiore ad € 3.000,00, non è possibile la consegna in contanti ma è necessario utilizzare strumenti di pagamento tracciabili quali il bonifico bancario, l’assegno bancario o l’assegno circolare non trasferibile.

2) Donazione di una somma di non modico valore.

Se, invece, la donazione dovesse avere ad oggetto una somma di valore non modico sarà necessario trasferirla mediante atto pubblico di donazione da concludersi dinanzi al notaio (alla presenza di due testimoni).

La conclusione di tale atto pubblico è prevista dalla legge a pena di nullità della donazione.

Tale regola si applica indipendentemente dalla nazionalità del beneficiario, poiché concernente un trasferimento patrimoniale posto in essere in territorio italiano da cittadino italiano.

La normativa italiana si applica altresì con riferimento alle imposte da pagare, il cui importo non è fisso ma varia in considerazione del valore dell’affare. In ordine a ciò va detto che l’aliquota da applicare per il calcolo dell’imposta prevista per la donazione varia in funzione del rapporto di parentela intercorrente tra donante e donatario.

In questo caso, quindi, essendo il beneficiario della donazione un amico del lettore e dunque un soggetto estraneo alla famiglia l’atto sconterà un’aliquota dell’8% da calcolare sulla base imponibile (€ 30.000,00). Inoltre, ai fini della determinazione del costo complessivo dell’atto, a quanto sopra esposto va aggiunto l’onorario del notaio, il cui importo non è dato conoscere ma che sicuramente varia e sarà proporzionato al valore dell’affare.

In proposito si rammenta al lettore che ha diritto di chiedere al notaio tutte le informazioni che gli interessano relativamente ad un eventuale preventivo di spesa.

In ogni caso, anche qualora non fosse necessaria la firma di un atto pubblico di donazione, si suggerisce comunque di sottoscrivere (il lettore ed il suo amico) una scrittura privata avente data certa contenente la specificazione che si tratta della donazione di una somma di denaro.

Inoltre, qualora detta somma venga trasferita mediante bonifico bancario, è importante indicare una precisa causale dalla quale si evinca l’esatta natura del versamento.

Ad esempio “donazione in favore dell’amico ….”.

Ed invero una corretta qualificazione del trasferimento di denaro è importante perché eviterà di far “insospettire” inutilmente il fisco, con la conseguenza che l’amico del lettore non sarà esposto – un domani – a fastidiosi problemi di accertamento da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Chiara Samperisi


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI