Business | Articoli

Un’ora di buio il 25 marzo: è l’Ora della Terra

25 Marzo 2017
Un’ora di buio il 25 marzo: è l’Ora della Terra

Domani 25 marzo luci spente in tutti i continenti per un’ora: un evento globale contro i cambiamenti climatici.

Il 25 marzo per un’ora, alle 20.00 italiane, si spegneranno le luci in tutti i continenti: è l’Earth Hour, l’ora della terra. Ecco di cosa si tratta.

Che cos’è l’ora della Terra?

Si tratta del più grande evento globale dedicato ai cambiamenti climatici ed esiste dal 2007, ma non è mai stato così partecipato. Lanciato nel 2007 a Sydney dal Wwf, il movimento coinvolge oggi milioni di persone  e governi che sollecitano una risposta urgente e concreta da parte dei governi avverso i cambiamenti climatici ed il surriscaldamento globale.

In cosa consiste l’evento?

L’evento prevede di spegnere per un’ora diverse icone mondiali, a simboleggiare lo “spegnersi” del nostro pianeta. Si spegneranno la Torre Eiffel, il Taipei 101 a Taiwan, l’Empire State Building, l’Acropoli, la Moschea blu, il Big Ben e tanti altri monumenti dal nord al sud, dall’est all’ovest.

Aderisce anche l’Italia

Anche l’Italia aderisce al gesto simbolico: si spegneranno San Pietro ed il Colosseo.

L’occasione per lanciare un messaggio

Si tratta naturalmente di un gesto, un simbolo, ma anche di un messaggio di stimolo al risparmio energetico, per ricordare che ogni piccolo gesto può salvare una parte, anche minima, del pianeta.

Siddarth Das, direttore esecutivo dell’Earth Hour, evidenzia come «In dieci anni, Earth Hour ha contribuito a proteggere i mari in Russia e Argentina, ha raccolto fondi per i progetti di conservazione nel Sud-Est asiatico e per l’Amazzonia e ha creato una foresta in Uganda […] tutto questo non sarebbe stato possibile senza la forza che ci lega tutti insieme, la determinazione collettiva per proteggere l’unico pianeta che tutti condividiamo».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube