Diritto e Fisco | Articoli

Sicurezza sul lavoro: responsabile il datore che non prepara i lavoratori all’utilizzo di macchinari pericolosi

10 Dicembre 2012
Sicurezza sul lavoro: responsabile il datore che non prepara i lavoratori all’utilizzo di macchinari pericolosi

Il datore di lavoro ha l’obbligo di formare i dipendenti sull’utilizzo di macchinari pericolosi, altrimenti risponde degli eventuali infortuni.

Se in azienda si adibiscono i dipendenti all’uso di macchinari pericolosi, il datore di lavoro deve predisporre una necessaria formazione per l’utilizzo degli stessi, altrimenti egli risponde per lesioni personali degli eventuali incidenti che si verifichino.

Lo ha sancito recentemente la Cassazione [1]. La corte ha confermato la condanna nei confronti di un proprietario di un supermercato che aveva adibito una dipendente all’uso di un macchinario da taglio nel reparto di macelleria, senza averle prima fornito una preventiva formazione.

Secondo i giudici, se il datore avesse preparato adeguatamente il lavoratore all’uso del macchinario,  l’evento non si sarebbe verificato.

 

Cosa fare

Il datore di lavoro, nel garantire la sicurezza delle condizioni di lavoro, deve tenere in considerazione anche la possibile disattenzione con la quale i dipendenti effettuino le prestazioni. Pertanto, prima di adibire i lavoratori a mansioni particolarmente rischiose o che implichino l’utilizzo di oggetti pericolosi, egli dovrà informarli e prepararli nel dettaglio, organizzando corsi di formazione sul corretto utilizzo dei macchinari pericolosi.

 

Esclusione della responsabilità

La responsabilità del datore di lavoro sarà esclusa solo in presenza di un comportamento del lavoratore del tutto imprevedibile, tale da essere risultato “eccezionale” (ossia assolutamente imprevedibile) rispetto al procedimento lavorativo.

di ANDREA BORSANI

 


note

[1] Cass. sent. n. 41191 del 22.10.12.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube