Business | Articoli

10mila dollari per recensire alberghi di lusso

26 Marzo 2017
10mila dollari per recensire alberghi di lusso

L’annuncio della società Third Home, per un contratto di tre mesi, fa sognare in tanti. Si cercano recensori di alberghi di lusso, naturalmente…ospitati gratis!

C’è chi lo ha definito il lavoro più bello del mondo: uno stipendio da 10mila dollari per soggiornare negli alberghi di lusso. Ecco i dettagli della proposta lavorativa annunciata su Facebook dalla Third Home.

Che cos’è la Third Home?

La Third Home è una società con sede negli Stati Uniti, vicino Nashville, specializzata in alberghi di extralusso. Solo una sede in Europa, a Londra.

In cosa consiste il lavoro?

Il lavoro offerto consiste nel recensire gli hotel extralusso, facendosi coccolare in tutto e per tutto, coprendo però le relative spese di viaggio da un capo all’altro della terra.

I requisiti richiesti

Da un punto di vista prettamente materiale, occorre avere un passaporto valido.

Ma il requisito principale è un altro: occorre essere uno storyteller, recensire e raccontare storie sulle varie residenze su blog, social network, instagram. Essere connesso costantemente, sapere usare i mezzi di comunicazione, e quindi conoscere l’inglese perfettamente.

Si tratta in realtà di un lavoro commerciale, in cui è necessaria una propensione alla promozione di un determinato brand: non si tratta infatti di criticare ma di far apprezzare ai lettori tutti gli aspetti positivi di una vacanza di lusso.

Come candidarsi

C’è tempo fino al 30 maggio. Per candirarsi bisognerà inviare un video di un minuto. Inoltre occorrerà dimostrare di avere una certa esperienza nei social media e con i blog.

Insomma, dopo quella del fashion blogger, professione sempre più in auge, nasce un altro lavoro, il recensore seriale su social network…ed a quanto pare, è un lavoro che può rendere molto.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube