Business | Articoli

Leciti i siti con link a film pirata: sentenza clamorosa

4 Aprile 2017 | Autore:
Leciti i siti con link a film pirata: sentenza clamorosa

Il tribunale di Frosinone con una sentenza, che è destinata a lasciare il segno, annulla una multa di 600mila euro ai gestori di alcuni siti. 

Il tribunale di Frosinone dà una nuova interpretazione in tema di pirateria e streaming.

Il caso di specie: il sito con i link

Nel caso specifico si doveva giudicare un sito che permetteva di vedere in streaming i film piratati: tuttavia, e il dettaglio non è irrilevante, il sito aveva solo i link, i collegamenti ai film, e non il film diretto. Insomma, reindirizzava ad altri siti. Quindi, il punto saliente della sentenza riguarda il rapporto tra il fornire un link a un contenuto ospitato su un’altra piattaforma e il generare profitto.

Streaming: senza prove il sito non può essere sanzionato

Finora i procedimenti giudiziari analoghi hanno sempre assunto che la sanzione fosse automatica. Nel caso di specie, invece, il giudice ha ritenuto che questo tipo di guadagno è classificabile come risparmio di spesa: «Finalmente un giudice ha riconosciuto che non è automatica la violazione del diritto d’autore se un sito ospita link a streaming di film e musica su internet, anche con banner pubblicitari, se non è chiaro il fine di lucro» ha dichiarato l’ avvocato Fulvio Sarzana, che ha difeso il gestore dei siti (filmakers.biz, filmaker.me, filmakerz.org, e cineteka.org).

Sempre sulla sentenza il Prof. Marco Scialdone, docente a contratto in Digital Copyright, presso la Link Campus University di Roma e responsabile del team legale dell’Associazione “Agorà Digitale” ha dichiarato: «Per la prima volta, è stato ristabilito lo stato di diritto nelle questioni di copyright. È il primo giudice che riconosce che se non ci sono prove sufficienti, un sito non può essere chiuso e il suo gestore sanzionato».

Streaming online: responsabile chi fornisce il link?

Il giudice ha evidenziato quanto in sé il file sharing, ovvero la condivisione di file protetti dal diritto d’autore, sia un risparmio di spesa e non una attività con finalità di lucro. E che quindi non si possano applicare, in quei casi, le disposizioni penali sul diritto d’autore e le conseguenti sanzioni amministrative.

Così per la prima volta è crollato l’assunto secondo cui i siti che danno accesso a streaming illegale sono oscurati (e il gestore sanzionato) in automatico dopo essere stati denunciati alle autorità.

Ricordiamo che i gestori di filmakers.biz, filmaker.me, filmakerz.org e cineteka.org erano stati condannati nel 2015 a una multa di 546.528,69 euro, più spese.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube