Diritto e Fisco | Articoli

Droga: l’uso di gruppo non è uso personale e pertanto è reato

27 Novembre 2012
Droga: l’uso di gruppo non è uso personale e pertanto è reato

Secondo la Cassazione l’uso di gruppo della droga, in quanto non costituisce uso esclusivamente personale, è reato.

Costituisce reato l’uso di gruppo della droga, in quanto, dovendosi applicare alla lettera la norma [1], l’acquisto per il gruppo presuppone che la droga non venga destinata ad un uso esclusivamente personale.

La Cassazione [2] è tornata su un tema assai controverso, che ha spesso segnato precedenti di segno opposto. Con l’entrata in vigore della riforma Fini-Giovanardi [1], si è stabilito che è punito chiunque detenga sostanze stupefacenti e psicotrope che, per quantità o per modalità di presentazione, avuto riguardo al peso lordo complessivo o al confezionamento frazionato o per altre circostanze dell’azione, appaiano destinate a un uso non esclusivamente personale. Al contrario, non costituisce reato (e pertanto si applicano solo delle semplici sanzioni amministrative) il detenere sostanze stupefacenti o psicotrope per uso esclusivamente personale.

Prima della norma in questione, la Cassazione [3] aveva stabilito che rientra nel semplice illecito amministrativo l’acquisto e detenzione di droga destinata all’uso personale che avvenga, sin dall’inizio, per conto e nell’interesse anche di soggetti diversi dall’agente, quando è certa, sin dall’inizio, l’identità dei medesimi, nonché sia manifesta la loro volontà di procurarsi tali sostanze per il proprio consumo.

Ma la riforma sembra aver cambiato l’approccio. Così la Suprema Corte è tornata sui suoi passi, sanzionando oggi anche l’acquisto e la detenzione per l’uso di gruppo. Il “gruppo”, insomma, esclude l’uso personale e quindi costituisce reato.

Secondo i giudici della cassazione, affinché l’uso di gruppo non costituisca reato (ma semplice illecito amministrativo) è necessario:

– che sia certa sin dall’inizio l’identità dei componenti il gruppo;

– deve essere chiara sin dall’inizio la comune e condivisa volontà di procurarsi la sostanza destinata al paritario consumo personale;

– il gruppo deve aver raggiunto un’intesa sul luogo e tempi del relativo consumo;

– gli effetti dell’acquisizione devono traslare direttamente in capo agli interessati senza passaggi intermedi.

 

 


note

[1] Art. 73, comma 1 bis, legge 49/2006, cosiddetta “Fini-Giovanardi”.

[2] Cass. sent. n. 45912 del 26.11.2012.

[3] Cass. S.U. sent. n. 4/1997.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube