HOME Articoli

Le Guide Pensione per chi ha pochi contributi

Le Guide Pubblicato il 29 dicembre 2017

Articolo di




> Le Guide Pubblicato il 29 dicembre 2017

Pensione di vecchiaia con 5 o 15 anni di contributi: quando è possibile?

L’età pensionabile è sempre più lontana, ma nonostante questo c’è chi, arrivato a 67 anni, non riesce comunque a raggiungere il requisito minimo previsto per la pensione di vecchiaia, pari a 20 anni di contributi. Fortunatamente, esistono ancora delle eccezioni che permettono di ottenere la pensione per chi ha pochi contributi: da una parte le tre deroghe Amato e l’opzione contributiva, che consentono il pensionamento con 15 anni di contributi, dall’altra la pensione di vecchiaia contributiva, che permette di pensionarsi con soli 5 anni di contributi, ma a 71 anni (dal 2019, per il 2018 il requisito è pari a 70 anni e 7 mesi di età).

Vediamo allora, nel dettaglio, tutte le agevolazioni che consentono di arrivare alla pensione per chi ha pochi contributi.

Pensione con 15 anni di contributi: legge Amato

La possibilità di usufruire della pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi, nonostante sia stata prevista da una vecchia normativa, la cosiddetta legge Amato [1], è un’eccezione in vigore ancora oggi, come ha confermato l’Inps con una circolare [2] successiva all’entrata in vigore della legge Fornero di riforma delle pensioni [3]. Nel dettaglio, la legge Amato stabilisce la possibilità di usufruire del trattamento di vecchiaia con 15 anni di contribuzione se si rientra in una delle tre particolari categorie previste dalla norma, cioè in una delle cosiddette tre deroghe Amato.

Pensione con 15 anni di contributi: prima deroga Amato

Secondo la prima deroga Amato, è possibile pensionarsi con 15 anni di contribuzione se si possiedono 15 anni di contributi (780 settimane) accreditati prima del 31 dicembre 1992; sono utili, per accedere all’agevolazione, tutti i tipi di contributi: volontari, obbligatori, figurativi, da riscatto e ricongiunzione, nonché quelli versati all’estero, se si tratta di contribuzione versata in un Stato europeo o legato all’Italia da una convenzione o da un accordo in materia di sicurezza sociale.

Per beneficiare della deroga, però, è necessario poter far valere una posizione assicurativa nel Fondo lavoratori dipendenti (Fpld) o nelle gestioni speciali dei lavoratori autonomi dell’Inps, o in ambedue. La deroga si applica anche agli iscritti ex Inpdap, ex Enpals, ex Ipost.

Pensione con 15 anni di contributi: seconda deroga Amato

La seconda deroga Amato prevede la possibilità di pensionarsi con 15 anni di contribuzione, se si è ammessi al versamento dei contributi volontari con autorizzazione anteriore al 31 dicembre 1992. Questa deroga vale per i lavoratori dipendenti e autonomi iscritti all’assicurazione generale obbligatoria dell’Inps (Ago) e per gli iscritti ex Enpals: non vale, invece, per gli iscritti all’ex Inpdap ed all’ex Ipost.

Per pensionarsi con questo beneficio, è sufficiente che risulti l’autorizzazione al versamento della contribuzione volontaria anteriormente al 31 dicembre 1992, ma non è necessario che risultino versati dei contributi volontari. Per raggiungere i 15 anni di contribuzione, anche in questo caso, sono utili tutti i contributi: volontari, obbligatori, figurativi, da riscatto e ricongiunzione, nonché quelli versati all’estero, se si tratta di contribuzione versata in un Stato membro dell’Unione Europea o convenzionato con l’Italia.

Pensione con 15 anni di contributi: terza deroga Amato

La terza deroga Amato, infine, prevede la possibilità di pensionarsi con 15 anni di contributi, per i soli lavoratori dipendenti iscritti all’assicurazione generale obbligatoria o ad un fondo sostitutivo o esonerativo della medesima, se si possiedono:

  • 25 anni di anzianità assicurativa (vale a dire che il primo contributo deve essere versato almeno 25 anni prima della data di maturazione dei requisiti per la pensione: può essere contato qualsiasi contributo, anche derivante da attività di lavoro autonomo o da un’attività svolta all’estero in un Paese Ue o convenzionato);
  • 15 anni di contribuzione: nel computo dei 15 anni valgono i soli contributi da lavoro dipendente versati all’assicurazione generale obbligatoria o ad un fondo sostitutivo o esonerativo della stessa;
  • almeno 10 anni lavorati discontinuamente, cioè per periodi inferiori alle 52 settimane; non sono considerati tali gli anni lavorati interamente in cui risultano meno di 52 contributi settimanali, a causa della mancata copertura del minimale contributivo; al contrario, un’annualità può risultare interamente coperta da contribuzione, ma non interamente lavorata, ad esempio a causa di un periodo di disoccupazione indennizzato durante il quale sono accreditati i contributi figurativi. Sono utili a tal fine anche gli anni in cui il lavoratore risulta iscritto negli elenchi dei lavoratori agricoli a tempo determinato (cosiddetti Otd).

Esiste anche una quarta deroga Amato che, ormai, non consente più alcuna agevolazione, in quanto permette, a chi possiede almeno un contributo accreditato al 31 dicembre 1992, di ottenere la pensione con un ammontare di contributi pari:

  • alla somma delle settimane di contributi accreditate al 31 dicembre 1992;
  • con le settimane di calendario comprese tra il 1° gennaio 1993 e la fine del mese in cui il lavoratore compie l’età pensionabile, con un minimo di 15 anni.

Naturalmente, quando la somma supera i 20 anni, il requisito contributivo per il trattamento di vecchiaia è pari a 20 anni, come per la generalità dei lavoratori, quindi ad oggi non opera più alcuna agevolazione.

Pensione con 15 anni di contributi: opzione contributiva

Bastano 15 anni di contributi anche per chi sceglie il sistema integralmente contributivo di calcolo della pensione (meno vantaggioso rispetto al calcolo retributivo e misto): l’agevolazione in questione è conosciuta come opzione contributiva Dini [4].

È necessario, per poter beneficiare dell’opzione contributiva Dini, possedere i seguenti requisiti, oltre ovviamente ai 15 anni di contributi:

  • meno di 18 anni di contributi versati prima del 31 dicembre 1995;
  • almeno 1 contributo versato prima del 31 dicembre 1995;
  • almeno 5 anni di contributi versati dal primo gennaio 1996.

Pensione con 15 anni di contributi: età

Per tutte e tre le deroghe Amato e per l’opzione contributiva, in ogni caso, bisogna considerare la fondamentale questione del requisito di età per ottenere la pensione: secondo l’Inps [2], il requisito di età necessario per l’accesso alla pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi è l’ordinario requisito di età richiesto per la pensione di vecchiaia stabilito dalla legge Fornero, vale a dire:

  • 66 anni e 7 mesi di età per tutti, uomini e donne, dal 1° gennaio 2018 sino al 31 dicembre 2018;
  • 67 anni di età per tutti dal 1° gennaio 2019.

Successivamente il requisito dovrebbe aumentare di 3 mesi ogni biennio, salvo il riscontro di incrementi della speranza di vita media diversi da quelli attesi.

Non si applicano, dunque, i requisiti di età precedenti alla riforma Fornero.

L’età per la pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi è anticipata soltanto nel caso in cui sia riconosciuta un’invalidità pensionabile pari almeno all’80%, per i dipendenti del settore privato. In questo caso la pensione si raggiunge, previa l’attesa di una finestra di 12 mesi dalla maturazione dell’ultimo requisito, co 60 anni e 7 mesi di età per gli uomini e 55 anni e 7 mesi di età per le donne (dal 2019 con, rispettivamente, 61 anni e 56 anni di età).

Pensione con 5 anni di contributi

Coloro la cui pensione si calcola col sistema integralmente contributivo, cioè chi non possiede contributi accreditati alla data del 31 dicembre 1995, gli iscritti in via esclusiva alla gestione separata Inps o coloro che hanno optato per il computo nella gestione stessa, possono ottenere la pensione con soli 5 anni di contributi.

Tuttavia, non possono ottenere la pensione di vecchiaia a 66 anni e 7 mesi, ma a 70 anni e 7 mesi di età, 71 anni a partire dal 2019.

note

[1] D.lgs. 503/1992.

[2] Inps Circ. n.16/2013.

[3] D.L. 201/2011.

[4] L. 335/1995.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

4 Commenti

  1. possibile che una persona che prende la pensione sociale non abbia agitazioni di aiuto se chiedo 1500 euro o 2000 euro mi rifiutano non e’ giusto cercano solo di rovinare una persona e non di aiutare. prendono solo persone che prendono 700 euro in su

  2. Chi è nato nel 1953 deve morire é questo che state facendo. É veramente schifosa questa cosa siete senza vergogna.

  3. renzi gentiloni prodi bertinotti dalema tutta la sinistra e compani dovete ridare tutti i soldi che vi siete mangiati fino oggi e pagare i danni che avete fatto all’Italia fino ogggi

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI