Business | Articoli

Appalti: la rateizzazione del debito fiscale con Equitalia consente la partecipazione alla gara

28 Giugno 2013 | Autore:
Appalti: la rateizzazione del debito fiscale con Equitalia consente la partecipazione alla gara

La rateizzazione del debito con Equitalia non pregiudica all’azienda la partecipazione alle gare di appalti pubblici, ma la richiesta di pagamento frazionato deve essere stata accettata prima della scadenza dei termini per la presentazione della domanda di partecipazione alla gara.

 

Con una recente sentenza [1], il Consiglio di Stato ha stabilito che l’imprenditore può concorrere agli appalti pubblici anche se ha un debito con il fisco, qualora abbia ottenuto la rateizzazione. La richiesta di rateizzazione deve però essere stata accolta dall’amministrazione finanziaria prima della scadenza dei termini per la presentazione della domanda di partecipazione alla gara.

La legge [2] esclude dalla possibilità di partecipare all’affidamento di appalti pubblici o di subappalti coloro che hanno commesso violazioni gravi, accertate in via definitiva, in merito al pagamento di imposte e tasse [2].

Tuttavia, secondo il Consiglio di Stato, l’impresa può considerarsi in regola col fisco anche quando – prima della scadenza del termine per la presentazione della domanda di partecipazione alla gara – abbia visto accogliere da Equitalia una propria istanza di rateizzazione o di dilazione del debito tributario [3].

Sarà quindi in regola con il fisco unicamente il contribuente cui sia stata accordata la rateizzazione. Invece la sola presentazione dell’istanza di rateazione o dilazione di pagamento non attesta la regolarità fiscale dell’azienda e pertanto non consente di partecipare alle gare d’appalto.

 


note

[1] Cons. Stato in adunanza plenaria, sent. n. 15 del 5.06.2013.

[2] Art. 38, c. 1, lett. g del d.lgs. n. 163/2006. Il termine “violazioni gravi” è piuttosto generico ed ha necessità di essere quantificato. Proprio a questo scopo il d.l. 13.05.2011, n. 70, convertito nella l. 106 del 12.07.2011, ha individuato un valore da cui partire per identificare cosa si intenda per violazione grave: “si intendono gravi le violazioni che comportano un omesso pagamento di imposte e tasse per un importo superiore all’importo di cui all’articolo 48-bis, c. 1 (importo superiore a 10.000 euro) e 2-bis (importo superiore al doppio di quello previsto dal c.1, ossia 20.000 euro), del D.P.R. 29.09.1973, n. 602”.

[3] Ai sensi dell’art. 19 del d.P.R. n. 602 del 29.09.1973.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube