Diritto e Fisco | Articoli

Mutui legati ad assicurazioni sulla vita: obbligo di più preventivi

29 Novembre 2012
Mutui legati ad assicurazioni sulla vita: obbligo di più preventivi

I recenti decreti “Liberalizzazioni” e “Salva Italia” hanno dettato nuove regole per quanto riguarda il mercato delle polizze assicurative e, in particolare, quelle riguardanti le assicurazioni sulla vita.

Col “decreto liberalizzazioni[1], la banche che subordinino l’erogazione di un mutuo alla stipula di un contratto di assicurazione sulla vita sono obbligate a proporre al cliente almeno due preventivi di due diversi gruppi assicurativi che non facciano capo al proprio gruppo.

In ogni caso, il cliente deve essere lasciato libero di scegliere sul mercato una polizza più conveniente.

Il decreto “Salva Italia” ha dichiarato illegittimo, perché considerato una pratica commerciale scorretta, il comportamento di quelle banche e intermediari finanziari i quali, ai fini della stipula di un contratto di mutuo, obblighino i propri clienti a sottoscrivere una polizza assicurativa erogata dal medesimo soggetto col quale il mutuo è stipulato [2].

Gli intermediari assicurativi, ivi incluse le banche e altri intermediari finanziari, non possono ricoprire simultaneamente il ruolo di distributori di polizze e di beneficiari delle stesse; tale pratica viene crea un insanabile conflitto d’interesse penalizzante per i consumatori [3].

Il cliente ha 10 giorni lavorativi dalla consegna del preventivo per cercare contratti che abbiano condizioni migliori. Le imprese di assicurazione che commercializzano i contratti “vita” devono fornire sul proprio sito internet il servizio gratuito di rilascio del preventivo personalizzato.

 

 

 


note

[1] D.L. n. 1/2012.

[2] D.L. 201/2011.

[3] Provvedimento 2946 del 6 dicembre 2011 dell’ISVAP.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube