Diritto e Fisco | Articoli

Affidamento esclusivo: vanno concordate anche le spese straordinarie


> Diritto e Fisco Pubblicato il 28 novembre 2012



Le spese straordinarie per i figli devono essere decise da entrambe i coniugi, anche in caso di affidamento esclusivo.

Le spese straordinarie per la prole (come quelle relative al dentista, i viaggi e le attività sportive) devono essere concordate tra gli ex coniugi anche in caso di affidamento esclusivo.

È questo l’orientamento seguito dal Tribunale di Roma [1] che ha condannato un disoccupato a versare, nei confronti della propria ex moglie, un assegno di 500 euro mensili che, peraltro, gli verranno decurtati dalla pensione di invalidità.

Ogni genitore ha diritto di “dire la sua” relativamente alle spese straordinarie per i figli. Si tratta delle spese concernenti eventi eccezionali e imprevedibili, come, per esempio, spese per interventi chirurgici, odontoiatrici, attività sportive a livello agonistico, viaggi studio (per un maggior approfondimento, confronta a fine articolo la sezione “approfondimenti”).

Le spese straordinarie devono essere previamente concordate tra i coniugi anche in caso di affidamento esclusivo.

Non vanno invece concordate le spese obbligatorie o urgenti (per es. le tasse scolastiche e universitarie, per libri di testo , le spese mediche e di degenza per interventi indifferibili presso strutture pubbliche o private convenzionate).

 

 

note

[1] Trib. Roma, sent. n. 19067 dell’11.10.2012.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI