Diritto e Fisco | Articoli

Vendere oggetti su facebook è legale?

7 Gennaio 2018 | Autore:
Vendere oggetti su facebook è legale?

Come creare la vetrina per vendere oggetti usati e nuovi su Facebook: come guadagnare e aprire un conto Paypal.

Il noto social network Facebook consente di vendere prodotti attraverso le pagine che mette a disposizione. Vendere su Facebook è estremamente vantaggioso, visto che il social vanta centinaia di milioni di iscritti in tutto il mondo. Una platea immensa. Vediamo se è legale vendere oggetti su Facebook e come fare.

Vendere oggetti su Facebook: come fare?

Vendere oggetti su Facebook è davvero semplice: basta creare una pagina dedicata alla propria attività. Facebook, infatti, consente di aprire una vera e propria vetrina da destinare interamente alla vendita di oggetti.

Per fare ciò basta cliccare sul pulsante Aggiungi una vetrina e compilare il modulo con tutti i dati relativi all’attività (oggetto, dati fatturazione, ecc.).

Una volta creata la Vetrina, occorre aggiungere i prodotti che si intende vendere. Farlo è semplicissimo: basta cliccare su Aggiungi Prodotti e compilare un altro form con foto, informazioni e prezzo.

La Vetrina è uno strumento assolutamente gratuito: Facebook non trattiene nessuna percentuale sui ricavi delle vendite.

Vendere oggetti su facebook, però, non è completamente gratuito. Al momento della configurazione della vetrina è necessario creare un account Stripe o un conto PayPal o effettuare l’accesso a un account esistente, se si è già in possesso di uno. Questa operazione è fondamentale: PayPal e Stripe, infatti, garantiscono la trasparenza dell’acquisto, oltre che rappresentare una modalità di pagamento sicura.

Una volta contrassegnato un ordine come spedito, Paypal o Stripe depositano i pagamenti sul conto corrente che l’utente ha collegato al proprio account facebook. Stripe, ad esempio, addebita l’ 1,4 % del prezzo d’acquisto più venticinque centesimi per ogni addebito effettuato.

Vendere oggetti su facebook: Blomming

Un altro modo per poter vendere oggetti su Facebook è quello di integrare la propria pagina con il servizio offerto da altri siti internet. Ad esempio, è possibile registrarsi a Blomming: si tratta di un servizio che consente di aprire un negozio online e integrarlo su blog, siti e, ovviamente, social network come facebook. L’utilizzo del servizio è semplice e intuitivo: è sufficiente collegarsi al sito internet ufficiale e registrarsi con il proprio account facebook.

Il servizio offerto da Blomming è a pagamento: si va dai dieci euro al mese, che consentono di vendere fino a dieci prodotti, ai venticinque mensili, con facoltà di vendere un numero illimitato di articoli su un dominio personalizzato, oltre che su facebook. Il menu è ricco: l’utente ha solo l’imbarazzo della scelta.

Fatto ciò, bisogna caricare sullo store i prodotti che si intende vendere. Si aprirà un modulo in cui inserire tutte le informazioni sull’articolo: nome, prezzo, foto, spese di spedizione ecc.

Infine, cliccando su Vendi su Facebook, Blomming rinvierà direttamente alla pagina del social creata per la vendita. D’ora in avanti, ogni modifica apportata su Blomming si rifletterà anche sulla pagina di facebook dedicata alla vendita.

Vendere oggetti su facebook è legale?

Prima che il noto social network integrasse le sue funzioni consentendo anche la vendita di prodotti, l’attività di commercio poteva essere svolta solo sotto forma di sponsorizzazione. In altre parole, la creazione di una pagina personalizzata serviva solamente a pubblicizzare la propria attività o, al più, a mettere in contatto venditore e acquirente, non a vendere direttamente i prodotti.

Per certi versi, ancora oggi è così, in quanto, come visto, è possibile integrare la pagina creata su facebook con un servizio tipo quello di Blomming. Vendere oggetti su Facebook è, pertanto, legale, purché chiaramente la transazione venga fatta in piena regola, rispettando le norme fiscali. In altre parole, la vendita deve sempre essere fatturata. Da questo punto di vista, il conto PayPal garantisce una tracciabilità sicura della cessione del bene.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

5 Commenti

  1. per me e tutto illegale vedere comprare anche nei supermercati sia che si trattasse di cibo vestiti giocattoli per l’igene personale e tutto illegale quindi chiunque compra in negozio viene arrestato fucilato e torturato

  2. Grazie per la spiegazione, tuttavia non mi è chiara una cosa: è necessaria P.I. per vendere su Facebook/Blomming oppure è sufficiente la tracciabilità su PayPal?
    A me risulta che non si possa aprire alcun business continuativo (vedi pagina Facebook con prodotti in vendita) essendo privi di P.I.
    Grazie

  3. anch’io vorrei sapere come possa un privato vendere su pagina FB regolarmente merce che acquista all’estero, e con incassi tracciabili visto che utilizza bonifico bancario,paypal ecc e non mi risulta essere in possesso di P.I
    Grazie
    Lory

    1. In questo articolo https://www.laleggepertutti.it/238999_come-aprire-un-negozio-su-facebook-e-guadagnare-online puoi scoprire come aprire un negozio su Facebook, guadagnare online e vendere con un e-commerce senza pagare commissioni o creare siti apposta. Puoi decidere di vendere oggetti di seconda mano che hai a casa o che realizzi tu stessa. Può trattarsi, ad esempio, di barattoli di marmellata o di altri prodotti alimentari realizzati a livello artigianale, di collane o braccialetti, di stampe di fotografie, di magliette con scritte ironiche, ecc. Non hai neanche bisogno di creare un tuo sito di e-commerce e pagare un programmatore perché la piattaforma te la mette a disposizione Facebook stesso. In più, avrai la possibilità di far conoscere i tuoi prodotti a tutti i tuoi contatti pubblicando link e contenuti di vario genere.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube