Diritto e Fisco | Articoli

Vendere oggetti su facebook è legale?

7 gennaio 2018 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 7 gennaio 2018



Come creare la vetrina per vendere oggetti usati e nuovi su Facebook: come guadagnare e aprire un conto Paypal.

Il noto social network Facebook consente di vendere prodotti attraverso le pagine che mette a disposizione. Vendere su Facebook è estremamente vantaggioso, visto che il social vanta centinaia di milioni di iscritti in tutto il mondo. Una platea immensa. Vediamo se è legale vendere oggetti su Facebook e come fare.

Vendere oggetti su Facebook: come fare?

Vendere oggetti su Facebook è davvero semplice: basta creare una pagina dedicata alla propria attività. Facebook, infatti, consente di aprire una vera e propria vetrina da destinare interamente alla vendita di oggetti.

Per fare ciò basta cliccare sul pulsante Aggiungi una vetrina e compilare il modulo con tutti i dati relativi all’attività (oggetto, dati fatturazione, ecc.).

Una volta creata la Vetrina, occorre aggiungere i prodotti che si intende vendere. Farlo è semplicissimo: basta cliccare su Aggiungi Prodotti e compilare un altro form con foto, informazioni e prezzo.

La Vetrina è uno strumento assolutamente gratuito: Facebook non trattiene nessuna percentuale sui ricavi delle vendite.

Vendere oggetti su facebook, però, non è completamente gratuito. Al momento della configurazione della vetrina è necessario creare un account Stripe o un conto PayPal o effettuare l’accesso a un account esistente, se si è già in possesso di uno. Questa operazione è fondamentale: PayPal e Stripe, infatti, garantiscono la trasparenza dell’acquisto, oltre che rappresentare una modalità di pagamento sicura.

Una volta contrassegnato un ordine come spedito, Paypal o Stripe depositano i pagamenti sul conto corrente che l’utente ha collegato al proprio account facebook. Stripe, ad esempio, addebita l’ 1,4 % del prezzo d’acquisto più venticinque centesimi per ogni addebito effettuato.

Vendere oggetti su facebook: Blomming

Un altro modo per poter vendere oggetti su Facebook è quello di integrare la propria pagina con il servizio offerto da altri siti internet. Ad esempio, è possibile registrarsi a Blomming: si tratta di un servizio che consente di aprire un negozio online e integrarlo su blog, siti e, ovviamente, social network come facebook. L’utilizzo del servizio è semplice e intuitivo: è sufficiente collegarsi al sito internet ufficiale e registrarsi con il proprio account facebook.

Il servizio offerto da Blomming è a pagamento: si va dai dieci euro al mese, che consentono di vendere fino a dieci prodotti, ai venticinque mensili, con facoltà di vendere un numero illimitato di articoli su un dominio personalizzato, oltre che su facebook. Il menu è ricco: l’utente ha solo l’imbarazzo della scelta.

Fatto ciò, bisogna caricare sullo store i prodotti che si intende vendere. Si aprirà un modulo in cui inserire tutte le informazioni sull’articolo: nome, prezzo, foto, spese di spedizione ecc.

Infine, cliccando su Vendi su Facebook, Blomming rinvierà direttamente alla pagina del social creata per la vendita. D’ora in avanti, ogni modifica apportata su Blomming si rifletterà anche sulla pagina di facebook dedicata alla vendita.

Vendere oggetti su facebook è legale?

Prima che il noto social network integrasse le sue funzioni consentendo anche la vendita di prodotti, l’attività di commercio poteva essere svolta solo sotto forma di sponsorizzazione. In altre parole, la creazione di una pagina personalizzata serviva solamente a pubblicizzare la propria attività o, al più, a mettere in contatto venditore e acquirente, non a vendere direttamente i prodotti.

Per certi versi, ancora oggi è così, in quanto, come visto, è possibile integrare la pagina creata su facebook con un servizio tipo quello di Blomming. Vendere oggetti su Facebook è, pertanto, legale, purché chiaramente la transazione venga fatta in piena regola, rispettando le norme fiscali. In altre parole, la vendita deve sempre essere fatturata. Da questo punto di vista, il conto PayPal garantisce una tracciabilità sicura della cessione del bene.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI