Diritto e Fisco | Articoli

Se la banca non ti eroga il mutuo ci pensa il Prefetto con l’arbitrato

30 Novembre 2012
Se la banca non ti eroga il mutuo ci pensa il Prefetto con l’arbitrato

Da oggi il cittadino, in caso di diniego del mutuo da parte del’istituto di credito, potrà rivolgersi al Prefetto per verificarne le ragioni e segnalare eventuali abusi.

Mutui negati: il Decreto Legge “Commissioni bancarie” ha concesso uno strumento di tutela in più ai clienti degli Istituti di Credito che riscontrino problemi di accesso al credito non giustificati o altre problematiche relative ad operazione e servizi (per esempio revoca di finanziamenti, inasprimento delle condizioni, diniego di erogazione, ecc.) [1]; essi possono da oggi rivolgersi al Prefetto e denunciare, in forma riservata, le anomalie riscontrate.

Il Prefetto, a sua volta, invita la banca incriminata a fornire, entro 30 giorni, una risposta argomentata sulla meritevolezza del credito e sulle recriminazioni avanzate ddl cliente. Raccolte queste informazioni, il Prefetto segnala l’abuso all’Arbitro Bancario Finanziario (ABF [2]). Si realizza così un sistema di risoluzione stragiudiziale della controversia sul finanziamento.

Istituito nel 2009, l’ABF si occupa delle controversie relative a operazioni e servizi bancari e finanziari di valore non superiore a 100.000 euro su mutui, carte revolving, cessione del quinto dello stipendio, iscrizioni nella Centrale rischi. L’ABF è un organismo indipendente e imparziale che si articola sul territorio nei collegi di Roma, Milano e Napoli. Espleta attività stragiudiziale perché offre un’alternativa più semplice, rapida ed economica rispetto al ricorso al giudice, che spesso comporta procedure complesse e di notevole durata. Per la regione Umbria è competente il collegio arbitrale di Roma.

La procedura

Per riassumere ed essere più schematici, la procedura di ricorso all’Arbitro Bancario Finanziario, avviata dal Prefetto, si articola nelle seguenti fasi:

– l’interessato presenta al Prefetto l’istanza a carattere riservato, attraverso la posta

certificata e senza alcun contributo alle spese di procedura;

– il Prefetto invita la banca a fornire una risposta argomentata sulla meritevolezza del credito, entro 30 giorni o entro diverso termine fissato dallo stesso Prefetto;

– la banca presenta le proprie risposte con le proprie osservazioni, anche sugli eventuali rilievi formulati dal cliente o dal Prefetto;

– il Prefetto invia, nel termine massimo di 60 giorni dalla ricezione della domanda, alla Segreteria tecnica ABF del Collegio arbitrale di Roma, all’interessato e alla banca, una relazione contenente l’oggetto del ricorso nonché l’esposizione delle ragioni per le quali ritiene necessario sottoporre la controversia all’ABF.

Nei 30 giorni successivi alla ricezione, la Segreteria tecnica dell’ABF, sottopone la segnalazione all’esame del Collegio, per l’adozione della decisione, salvo eventuali sospensioni che, comunque, non potranno superare complessivamente i 30 giorni.

La decisione sarà, infine, comunicata alle parti e, per conoscenza, al Prefetto.

Ciascun interessato può trasmettere la propria istanza, utilizzando la modulistica presente sul sito della Prefettura, da inviare esclusivamente al seguente indirizzo di posta elettronica certificata: protocollo.preftr@pec.interno.it


note

[1] Art. 27-bis, comma 1-quinquies, del D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla L. 24 marzo 2012, n. 27, e modificato dal D.L. 24 marzo 2012, n. 29, convertito, con modificazioni, dalla L. 18 maggio 2012, n. 62.

[2] Istituito ai sensi dell’art. 128-bis del Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube