HOME Articoli

Lo sai che? Cercare con il metal detector è legale?

Lo sai che? Pubblicato il 15 febbraio 2018

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 15 febbraio 2018

Cercare oggetti con il metal detector è legale, tranne quando…

Tutti sanno cos’è un metal detector, e c’è da scommetterci che questa conoscenza non è diretta, ma derivata dalla visione di film americani che mostrano ragazzini sulla spiaggia intenti alla ricerca del tesoro nascosto dei pirati. Poiché «La Legge per Tutti» vuol bene ai suoi lettori, ma non così tanto da indicare l’esatto punto in cui è sotterrato il forziere, fornirà loro un valido aiuto spiegando se cercare con il metal detector è legale.

Metal detector: cosa sono?

I metal detector (in italiano, cercametalli) sono strumenti che, attraverso l’induzione elettromagnetica, segnalano la presenza di metalli. I metal detector sono utilizzati in tantissimi settori: si pensi a quelli posti negli  aeroporti, volti principalmente ad individuare armi o attrezzature pericolose; oppure a quelli utilizzati dai militari per scovare le mine antiuomo.

Metal detector: sono legali?

I metal detector manuali, cioè quelli trasportabili, sono di libera vendita e sono spesso utilizzati dagli appassionati di oggetti antichi allo scopo di rinvenire quelli nascosti sotto terra. Il problema è che i beni di particolare valore storico (di cui l’Italia è piena) appartengono allo Stato e, pertanto, non possono essere tenuti per sé. Possiamo quindi dire che i metal detector sono legali, ma bisogna fare attenzione a quello che si trova.

È legale cercare con il metal detector?

Secondo la legge, le cose di interesse archeologico, da chiunque ed in qualunque modo ritrovate, nel sottosuolo o sui fondali marini, appartengono allo Stato [1].

I beni archeologici rinvenuti attraverso l’utilizzo dei metal detector vanno consegnati entro ventiquattro ore all’Ufficio della Soprintendenza territorialmente competente, al Comune o all’autorità di pubblica sicurezza. Il ritrovatore deve provvedere alla loro conservazione; le spese eventualmente affrontate per la custodia e la rimozione sono rimborsate dal Ministero.

La stessa legge ha cura di precisare che allo scopritore ed al proprietario del terreno dove è stato effettuato il rinvenimento spetta per legge un premio, da valutarsi in percentuale sul valore attribuito ai reperti ritrovati. La valutazione è svolta dalla Soprintendenza, la quale propone anche la somma che, se accettata, viene erogata dopo che lo scopritore abbia dimostrato i propri diritti, come per esempio la proprietà del terreno al momento del ritrovamento o l’autorizzazione del proprietario ad introdursi nello stesso. La liquidazione del premio, invece, è a cura della Direzione generale beni archeologici.

Ma come è possibile stabilire se un oggetto ritrovato è un bene da consegnare o meno? La legge dice che ogni oggetto che ha più di cinquanta anni dovrebbe essere consegnato.

La legge, inoltre, stabilisce il divieto assoluto di utilizzare metal detector nei pressi delle aree archeologiche. Non solo: per evitare che l’apprendista Indiana Jones possa fare delle buche e deturpare il territorio, è vietata la ricerca anche nelle zone con vincoli paesaggistici, come ad esempio i boschi o i parchi nazionali.

È legale cercare con il metal detector in spiaggia?

Okay, va bene il divieto nei luoghi di interesse storico. Ma la spiaggia? Il tesoro di Long John Silver aspetta!

La spiaggia fa parte del demanio marittimo dello Stato [2]: in teoria, perciò, si potrebbero effettuare le ricerche senza alcun problema. Ma ci sono anche qui delle cose da valutare: anche alcune spiagge potrebbero essere soggette a vincoli archeologici o paesaggistici. A tacere del fatto che spesso, soprattutto nella stagione estiva, alcuni tratti di spiaggia vengono dati in concessione a terzi, i quali ben potrebbero proibire l’utilizzo del metal detector.

Cercare con il metal detector, quindi, in teoria, è legale, purché la ricerca sia fatta nel rispetto dei limiti della legge. Si consiglia sempre di verificare, prima di cominciare le ricerche, che il luogo prescelto non sia soggetto a particolari vincoli, così da non andare incontro a sanzioni.

Infine, vanno ricordate le normali regole sulla restituzione degli oggetti smarriti, per le quali ogni bene rinvenuto e di proprietà di altri va consegnato alle autorità competenti.

note

[1] D. lgs. n. 137/2002 del 06.07.2002.

[2] Art. 822 cod. civ.

Autore immagine: Pixabay.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

9 Commenti

  1. Praticamente in Italia non appena c’è da guadagnare qualcosa senza pagare il giusto pizzo(legale) non si può fare, quindi si deve fare per forza maggiore abusivamente, non c’è niente da fare purtroppo.
    In parole povere quando vediamo documentari, che alcuni ricercatori non su territori italiani, e meglio non farsi illusioni.

    1. In generale le leggi non sono scritte in base al buon senso e pertanto non possono essere criticate per mancanza di buon senso. Molto spesso non sono chiare e hanno bisogno di essere interpretate perché scritte da inesperti del diritto che non hanno mai neppure frequentato la facoltà di giurisprudenza. Nel caso particolare non vedo errori nelle leggi citate che mi sembrano corrette.

  2. Per me è scattato l’arresto in flagranza di reato di detenzione illegale di munizionamento bellico per dei bossoli e qualche ugiva762 dopo una perquisizione nella mia abitazione, oltre al ritiro del metal detector 70gg di arresti domiciliari, più pagamento delle spese processuali.

    1. .. ricordiamoci alle prossime elezioni…. proviamo a cambiare l’equipaggio di questa nave che si chiama Italia ,., e che sta andando a …..

    2. Questa è una vera e propria dittatura .Non credo nella giustizi aitaliana , poi se ammazzi qualcuno sei più tutelato di uno che si diverte a cercare metalli.

  3. In generale le leggi non sono scritte in base al buon senso e pertanto non possono essere criticate per mancanza di buon senso. Molto spesso non sono chiare e hanno bisogno di essere interpretate perché scritte da inesperti del diritto che non hanno mai neppure frequentato la facoltà di giurisprudenza. Nel caso particolare non vedo errori nelle leggi citate che mi sembrano corrette.

  4. posso capire frugare tra le piramidi egizie…dentro il colosseo…ma denunciare il ritrovamento di una moneta che ha oltre i 50 anni rende ricolo di ha approvato sta cosa…. d’altronde cosa non e’ piu’ ridicolo e nauseante in italia.ma se poi sono di cosi’ valore storico e fanno parte dello stato …perche’ le monete vengono vendute nei negozi di numismatica? allora ..fanno parte dello stato o lo stato vuole sempre e come al solito leccare il portafogli agli italiani?

    1. IO POSSO CAPIRE TUTTO CARA ITALIA PUOI METTERE DEI PALETTI PER QUANTO RIGUARDA ZONE PROTETTE , PUOI FARMI PAGARE UNA LEGGERA TASSA ANNUALE MA NON PUOI NEGARE QUEST’HOBBI A PERSONE CHE COMUNQUE NON DISTURBANO NESSUNO E CHE COMUNQUE HAN SPESO DEI SOLDI E NE SPENDERANNO ANCORA ,DOVE PROBABILMENTE POTRANNO NON TROVARE NULLA. SOLO SPESE!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI