HOME Articoli

Lo sai che? Durc Inail: come fare la richiesta

Lo sai che? Pubblicato il 13 gennaio 2018

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 13 gennaio 2018

Ci viene chiesto di certificare la nostra regolarità previdenziale e assicurativa, ecco che ci tocca richiedere il rilascio del Durc: vediamo come

Le traversate nelle oceaniche acque della burocrazia per un’impresa non finiscono mai. Pile di richieste, documenti, assolvimenti, pagamenti, sono sempre presenti sulla scrivania di imprenditori, liberi professionisti e artigiani. Oltre a tutto ciò, se abbiamo un’azienda e vogliamo accedere ai pagamenti delle fatture, se vogliamo partecipare a una gara d’appalto, se vogliamo avviare un cantiere per costruire o se vogliamo accedere a particolari agevolazioni che vengono messe a disposizione delle aziende, dobbiamo presentare un documento specifico che attesti la nostra regolarità dal punto di vista dei versamenti previdenziali e assistenziali: è il Durc, documento unico di regolarità contributiva. Vediamo ora in questo articolo cos’è nello specifico, chi può chiedercelo e perché. Analizziamo quindi il Durc Inail: come fare la richiesta.

Cos’è il Durc Inail?

Ogni azienda ha i propri obblighi di iscrizione a specifici enti pubblici: Inps, Inail, casse edili ecc. E dopo essersi iscritta, deve gestire correttamente tutti gli adempimenti, compresi i versamenti di contributi previdenziali, assistenziali e assicurativi. E deve sempre essere in regola con ogni singolo versamento.

Come si fa però a provare – carte alla mano – di essere in regola con tutto ciò? Serve il Durc (documento unico di regolarità contributiva), un documento importantissimo perché certifica appunto che l’azienda in questione ha assolto a tutti gli obblighi di pagamento previdenziale, assistenziale e assicurativo. Almeno fino al momento di rilascio del certificato.

Perché mi serve il Durc Inail?

Senza Durc un’azienda va poco lontano. Viene richiesto ogniqualvolta si vogliano compiere atti importanti relativi alla propria attività imprenditoriale. Siamo un’impresa edile e vogliamo l’autorizzazione a costruire? Ci viene richiesto il Durc. Siamo un’impresa e vogliamo partecipare a un bando di gara per ottenere un appalto? Ci viene richiesto il Durc. Siamo liberi professionisti e vogliamo approfittare dell’opportunità di agevolazione fiscale e contributiva introdotte dal governo? Ci viene sempre e comunque richiesto il Durc.

In particolare, il Durc Inail viene rilasciato all’azienda che lo richiede solo se questa è regolare sotto questi profili:

  • Regolarità negli adempimenti periodici
  • Effettiva corrispondenza tra i versamenti dovuti e quelli effettuati
  • Adempimento a tutti gli obblighi di denuncia
  • Nessun inadempimento in atto da parte dell’azienda
  • Piena corrispondenza tra il rischio assicurato e quello dell’appalto dal momento in cui comincia l’esecuzione dei lavori

La regolarità contributiva è obbligatoria per tutti i soggetti e imprese che vogliono quindi avere rapporti con la pubblica amministrazione, in particolare:

  • Per appalti pubblici di servizi e fornitura
  • Per gestione di attività in convenzione
  • Per iscriversi agli albi dei fornitori
  • Per il rilascio dell’attestazione Soa
  • Per lavori legati all’edilizia
  • Per beneficiare di sgravi e agevolazioni contributive

Chi mi può richiedere il Durc Inail?

Alla luce di ciò, sono autorizzati a chiederci il Durc:

  • le amministrazioni pubbliche,
  • i soggetti anche privati appaltanti,
  • le società di attestazione e qualificazione delle aziende (Soa),
  • l’impresa stessa in relazione alla propria posizione contributiva
  • le banche e gli intermediari finanziari

Durc: chi è obbligato a presentarlo?

Devono essere in possesso del Durc Inail:

  • i datori di lavoro
  • i lavoratori autonomi

Durc Inail: come fare la richiesta

Ci è stato richiesto di certificare la nostra regolarità contributiva. Vediamo allora come fare richiesta del Durc Inail.

Oggi è tutto molto semplificato fortunatamente, perché il Durc può essere richiesto in modo veloce tramite internet. È sufficiente avere un computer e una connessione. Può essere richiesto online e, una volta rilasciato, vale 120 giorni [1].

Innanzitutto, dal 2015 è possibile verificare la nostra regolarità contributiva verso Inps, Inail e casse edili, attraverso una sola e unica richiesta in tempo reale. È sufficiente seguire la procedura di rilascio Durc Online, inserita nei portali dell’Inps e dell’Inail.

Ecco come fare la richiesta del Durc Inail. La domanda può essere fatta accedendo ai siti web di Inps e Inail. Prima però bisogna essere in possesso delle credenziali di accesso ai servizi online dei relativi portali (username e password):

  • entra in www.inps.it, accedi alla sezione ‘servizi’ e clicca su ‘Durc Online’
  • entra in www.inail.it, accedi alla sezione ‘accedi ai servizi online’

Una volta eseguito l’accesso, è sufficiente inserire il codice fiscale del soggetto da verificare e l’indirizzo di posta certificata (Pec) a cui inviare il responso.

La richiesta viene subito elaborata e dopo poco, se l’esito è positivo, viene rilasciato il Durc Inail in formato Pdf, che possiamo stampare. Questo Durc Inail in pdf ha validità 120 giorni dalla data di rilascio.

Se invece non siamo regolari con alcuni adempimenti e pagamenti, il sistema lo capisce e non ci rilascia il Durc, anzi ci invia una comunicazione sull’indirizzo Pec che abbiamo comunicato per invitarci a regolarizzare la nostra posizione. In questo caso dobbiamo provvedere a regolarizzarla il prima possibile. Se lo facciamo entro 15 giorni, il sistema Inail riconsidera la nostra domanda e ci rilascia il Durc.

note

[1] D.l. n. 34 del 20 marzo 2014


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI