Diritto e Fisco | Articoli

Internet definitivamente spento in Siria: fatto senza precedenti!

29 Novembre 2012
Internet definitivamente spento in Siria: fatto senza precedenti!

Blocco totale di internet in Siria: violazione estrema della libertà di espressione e chiusura dei contatti con l’esterno.

Il Governo siriano ha spento internet in tutto il Paese a partire dalle 12.26 ore locali: il messaggio è stato battuto da due compagnie americane di monitoraggio del web. È un fatto senza precedenti, la morte della libertà di parola e di espressione. Non era mai successo, in tempi moderni, un fatto di simile gravità.

Dall’altro lato, il ministero dell’Informazione siriano ha scaricato la colpa sui ribelli: “Non è stato il governo” recita il comunicato ufficiale. “I terroristi hanno attaccato le linee e il web si è oscurato in alcune parti della Siria”.

In ogni caso, la notizia del totale isolamento del popolo arabo è ufficiale. E conferma quanto il potere mediatico del web venga stimato rispetto alle più tradizionali linee radiofoniche e televisive.

Save The Children ha lanciato un monito: “La morte di tanti bambini oggi ad Aleppo, che si vanno a sommare alle già numerose giovani vittime degli scorsi mesi, è inaccettabile e orribile (…). Questo eccidio indiscriminato deve cessare immediatamente. Il mondo non può stare a guardare mentre tutto questo sta accadendo. Sono mesi che i bambini continuano a soffrire per questo conflitto. È necessario consentire l’accesso umanitario al Paese, senza condizioni di sorta, in modo da riuscire a raggiungere le centinaia di migliaia di bambini terrorizzati, che hanno bisogno di aiuto e cure mediche”.

Di fatto, però, il blocco della rete internet renderà assai improbabile ogni contatto con l’esterno del Paese in tempo reale.

 

 



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube