Diritto e Fisco | Articoli

Tassa fissa per i licenziamenti

1 Dicembre 2012
Tassa fissa per i licenziamenti

Dal prossimo anno licenziare un dipendente sarà un’attività tassata e costerà da un minimo di 459 ad un massimo di 1.377 euro.

Una delle più importanti disposizioni introdotte dalla riforma del lavoro voluta dal ministro Fornero prevede l’introduzione di un “ticket” per il licenziamento: qualora il datore di lavoro decida di licenziare un proprio dipendente, dovrà versare all’INPS una somma di importo variabile.

In particolare, della nuova tassa dipenderà

– dall’anzianità lavorativa del dipendente (che deve essere pari ad almeno 12 mesi);

– dalla retribuzione del lavoratore

– dalle condizioni del licenziamento.

A partire dal 01.01.2017, nel caso in cui il datore di lavoro avvii un licenziamento collettivo, qualora non vi sia accordo con le associazioni sindacali, l’importo del ticket viene triplicato.

Le somme derivanti dal pagamento del “ticket” sul licenziamento andranno a finanziare l’ASPI, ossia un nuovo ammortizzatore sociale. L’ASPI va a sostituire la classica indennità di disoccupazione ordinaria, normalmente versata a coloro che hanno perso il posto.

Si configura quindi un nuovo balzello a carico del datore di lavoro, introdotto per evitare il fenomeno della negoziazione dei licenziamenti tra lavoratore e datore di lavoro e per alleggerire i conti statali del costo degli ammortizzatori sociali.

Il nuovo maxiemendamento dei relatori al DDL di conversione del DL Sviluppo intende ora abbassare la misura della nuova tassa di licenziamento introdotta dalla riforma Fornero dal 50 al 41%, ma con riferimento non più all’indennità Aspi spettante al lavoratore, ma al suo massimale.

 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube