Diritto e Fisco | Articoli

Auto con agevolazioni 104 per familiari di disabili

14 Gennaio 2018
Auto con agevolazioni 104 per familiari di disabili

Anche un familiare, benché non convivente, può avere i benefici fiscali sull’auto spettanti all’invalido purché quest’ultimo sia a suo carico.

Nella tua famiglia c’è una persona anziana che non può più guidare, ma che ha tutti i requisiti per poter acquistare un’auto con la legge 104, usufruendo cioè delle agevolazioni fiscali previste per i portatori di handicap. Poiché sei tu a prenderti sempre cura dello sfortunato parente, accompagnandolo nelle incombenze quotidiane e alle visite mediche, vorresti essere tu, al posto suo, ad utilizzare il bonus visto che, comunque, il beneficio si riverserebbe indirettamente su quest’ultimo. In tal modo potresti acquistare un’auto nuova con un notevole sconto, potresti smettere di pagare il bollo auto e avere anche il pass invalidi che ti consenta di parcheggiare sulle strisce gialle o di entrare nelle zone a traffico limitato. Prima però di procedere all’acquisto e contattare il rivenditore della concessionaria, vorresti essere sicuro dei tuoi diritti (un accertamento fiscale è l’ultima cosa che vorresti!) e sapere quindi se ti spetta l’auto con agevolazioni 104 per familiari di disabili.

Al tuo più che legittimo dubbio daremo risposta in questo articolo: ti spiegheremo non solo chi può avere l’agevolazione fiscale per l’acquisto dell’auto per disabili, ma anche a quali condizioni e a chi il bonus può essere esteso.

Chi può avere l’agevolazione per l’acquisto dell’auto con la 104?

Come abbiamo già detto nella guida Come funziona la legge 104 per acquisto auto? può ottenere le agevolazioni sull’auto chi ha la “104”, la legge cioè che prevede una serie di benefici per i disabili e gli invalidi. In particolare, gli aventi diritto sono:

  • coloro che hanno ottenuto dall’Asl la certificazione di un grave handicap. È la condizione tipica di chi ottiene la 104 ossia: «persona con minorazione (singola o plurima) che abbia ridotto l’autonomia personale, correlata all’età, in modo da rendere necessario un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sfera individuale o in quella di relazione, la situazione assume connotazione di gravità»;
  • disabili con handicap grave derivante da patologie (comprese le pluriamputazioni) che comportano una limitazione permanente della capacità di deambulazione;
  • disabili con ridotte o impedite capacità motorie: solo per questa categoria di disabili, le agevolazioni sono subordinate all’adattamento dell’auto alle limitate capacità del conducente beneficiario.

In cosa consiste l’agevolazione per disabili per l’acquisto dell’auto con la 104?

Fermi restando i maggiori chiarimenti indicati nella guida Come funziona la legge 104 per acquisto auto?, si può brevemente dire che i bonus consistono in:

  • Iva al 4% piuttosto che al 22%. Su un’auto di 10mila euro si paga quindi non l’Iva di 2.200 euro ma di 400 euro. Si risparmiano circa 1.800 euro;
  • detrazione Irpef del 19% del prezzo di acquisto dell’auto fino a una spesa massima di 18.075,99 euro (questo non significa che non si possano acquistare auto più costose, ma sull’eventuale eccesso di prezzo non si applica la detrazione). Di conseguenza, il vantaggio fiscale massimo che si può ottenere è di 3.434,43 euro (il 19% di 18.075,99). La detrazione fiscale funziona in questo modo: l’importo delle detrazioni viene scomputato dalle tasse che si devono pagare annualmente allo Stato. Il contribuente può decidere di spalmare la detrazione in quattro anni di fila (cosa conveniente quando la detrazione è superiore all’importo delle imposte da versare all’erario). La detrazione spetta anche sulle successive spese di riparazione, ma in tal caso la detrazione è fino a un tetto massimo di spesa di 18.075,99 euro;
  • esenzione dal bollo auto.

L’agevolazione spetta una sola volta. Quindi non la si può ottenere sulla seconda auto. Inoltre, l’agevolazione non può essere ottenuta più di una volta ogni 4 anni. Questo significa che, se prima della scadenza di detto termine Si vuol acquistare una seconda auto, l’agevolazione non spetta, salvo però che quest’ultima venga rottamata e radiata. Dopo i 4 anni invece si può vendere la precedente auto e acquistarne una nuova con lo stesso bonus.

I familiari del disabile possono avere le agevolazioni per l’acquisto auto?

La legge stabilisce che l’agevolazione per l’acquisto dell’auto spetta solo a condizione che il veicolo sia usato, unicamente o in via prevalente, a beneficio del disabile. Questa precisazione è molto importante perché lascia intendere che:

  • non è necessario che l’auto sia intestata a un disabile, ben potendo essere acquistata e quindi intestata a un’altra persona
  • non è necessario che l’auto sia guidata dal disabile, ben potendo essere condotta da un’altra persona
  • non è necessario che l’intestatario dell’auto utilizzi l’auto solo e unicamente a beneficio del disabile, ma può anche impiegarla per scopi propri, purché non prevalenti.

In sintesi, a poter utilizzare il bonus sull’acquisto dell’auto non è solo il portatore di handicap ma anche un suo parente o un familiare che si prende cura di lui e lo assiste. Di seguito vedremo a quali condizioni il familiare del disabile può acquistare l’auto con le agevolazioni fiscali.

A quali condizioni il familiare del disabile può acquistare l’auto con la 104?

Affinché il familiare di un disabile con la 104 possa acquistare un’auto con i benefici fiscali di cui abbiamo appena parlato è necessario che quest’ultimo sia fiscalmente a carico del primo. Non si può quindi acquistare un’auto al posto del portatore di handicap che non è a proprio carico o che è a carico di un’altra persona.

Ricordiamo che, per essere fiscalmente a carico di un’altra persona è necessario che la persona “a carico” abbia un reddito annuo non superiore a 2.840,51 euro al lordo degli oneri deducibili.

Per il raggiungimento di questo limite non va tenuto conto dei redditi esenti, come, per esempio, le pensioni sociali, le indennità (comprese quelle di accompagnamento), le pensioni e gli assegni erogati ai ciechi civili, ai sordi e agli invalidi civili.

In pratica, al posto del disabile, può beneficiare delle agevolazioni sopra descritte (Irpef, Iva, bollo, imposta di trascrizione) il familiare che ne sostiene la spesa, a condizione che il portatore di handicap sia a suo carico ai fini fiscali.

In questo caso, il documento comprovante la spesa può essere intestato indifferentemente alla persona disabile o al familiare del quale egli risulti a carico.

Il familiare fiscalmente a carico deve essere anche convivente?

Non è necessario che il portatore dell’handicap sia anche convivente per essere fiscalmente a carico del proprio familiare se quest’ultimo (chi cioè sostiene la spesa) è il coniuge o il genitore.

Invece, è necessaria la convivenza se colui che sostiene la spesa è:

  • il coniuge legalmente ed effettivamente separato;
  • i nipoti;
  • i genitori (compresi quelli adottivi);
  • i generi e le nuore;
  • il suocero e la suocera;
  • i fratelli e le sorelle (anche unilaterali);
  • i nonni e le nonne.

Che succede se il portatore di handicap ha un reddito elevato?

Se il portatore di handicap ha un reddito superiore a 2.840,51 euro non può essere considerato “fiscalmente a carico”. Di conseguenza, per ottenere il bonus sull’acquisto dell’auto è necessario che sia lui stesso ad acquistare e a intestarsi l’automobile.

Se ci sono più disabili a carico che succede?

Se più disabili sono fiscalmente a carico di una stessa persona, quest’ultima può fruire, nel corso dello stesso quadriennio, dei benefici fiscali previsti per l’acquisto di autovetture per ognuno dei portatori di handicap a suo carico. 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

14 Commenti

  1. sono in possesso del certificato legge 104 articolo 3 comma 1, posso ottenere i benefici del 19% delle spesa di acquisto dell’autovettura e l’IVA ridotta al 4% sull’acquisto, e l’esenzione del bollo auto,
    ringrazio per l’eventuale risposta Carlo

    1. No articolo 3 comma 3 altrimenti patente speciale e se la macchina necessita di adattamenti speciali. Chiedi al caf della tua città auguri

  2. mio marito con legge 104 La moglie puo’ acquistare un auto ed usufruire delle agevolazioni x la trascizione passaggio di propieta’ Ho un reddito di 3090 euro annuali Completamente a carico di mio marito Sono stata assegnata come care giver mio marito percepisce pensione sociale più accompagnamento.Posso richiedere esenzione tassa trascrizione più bollo Grazie

    1. Solo se ha ottenuto art. 3 comma 3. O se patente Bs con auto con speciali apparecchi x guida comunque chiedi al
      C A F. Loro ti aiutano.

  3. Buongiorno Vi chiedo un’informazione, non essendo un famigliare di una persona che ha la 104, ma ho la necessità di guidare l auto prima dello scadere dei 4 anni , che successivamente comprerò, posso guidarla?
    grazie
    Grazia

    1. Nessuna norma vieta ai familiari del disabile di utilizzare e quindi guidare il veicolo, anche se da soli. Con l’unico limite, ovviamente, di non esporre il contrassegno invalidi (beneficiando così di parcheggi e accesso alle zone ztl) laddove non vi sia, all’interno del veicolo, il portatore di handicap.L’inversione del pedale acceleratore a sinistra, installato per compensare la perdita di funzionalità del piede destro, non costituisce un vincolo per le altre persone che volessero guidare l’auto. Solitamente, nei dispositivi installati a bordo dell’auto, è possibile ripristinare la posizione originale dei pedali con una semplice manovra di sgancio dei pedali stessi. Se il possesso dell’auto da parte del familiare si estende per più di 30 giorni, tale circostanza va fatta annotare sulla carta di circolazione dalla Motorizzazione. Detto adempimento, obbligatorio ogni qual volta una persona che non è il proprietario del mezzo utilizzi il veicolo per più di un mese di seguito in via esclusiva, non scatta però se il possessore è convivente con il titolare. Così, chi convive con il disabile non deve far annotare sulla carta di circolazione il proprio utilizzo.

    2. Salve, mia figlia di 15 anni studentessa e fiscalmente a carico al 100%, per via di una patologia cardiaca congenita permanente per cui devo necessariamente portarla più volte a Roma presso il Bambin Gesù, dove dall’età di 2 anni le è stata impiantato un pace-maker all’addome e nel settembre scorso un secondo defintivo, percepisce una iindennità di accompagnamento per gravità al 100% art. 3 co.3, dal 2006. Considerata la situazione per cui sebbene deambula non è autonoma nelle complete azioni quotidiane per possibili malori soprattutto nelle azioni da sforzo, l’auto che sto per acquistare può essere ricoperto da pass per handicap ed inoltre se è usata ed ha una cilindrata diesel di 320/350 cm3, posso usufruire oltre alla detrazione del 19% fino ad una soesa di acquisto di € 18.075,99, anche dellesenzione del bollo auto, considerato che lauto oramai in disuso lo acquistata nel lontano 2003 e che comunque devo venderla o rottamarla? Grazie in anticipo.

      1. Ti suggeriamo la lettura dei seguenti articoli:
        -Come funziona legge 104 per acquisto auto? https://www.laleggepertutti.it/147436_come-funziona-legge-104-per-acquisto-auto
        -Si può vendere l’auto acquistata con legge 104? https://www.laleggepertutti.it/191049_si-puo-vendere-lauto-acquistata-con-legge-104
        -Disabile: esenzione bollo auto e IVA https://www.laleggepertutti.it/388761_disabile-esenzione-bollo-auto-e-iva
        -Agevolazioni fiscali Legge 104: spettano per l’auto cointestata? https://www.laleggepertutti.it/108583_agevolazioni-fiscali-legge-104-spettano-per-lauto-cointestata
        -Legge 104, acquisto auto per disabili https://www.laleggepertutti.it/197287_legge-104-acquisto-auto-per-disabili

  4. buona sera mia figlia gia’maggiorenne ha la sindrome di down, vorrei acquistare un auto con le agevolazioni della legge 104 e fiscalmente a nostro carico posso farlo anche se non ho la nomina di tutore legale da parte del tribunale? grazie mille

    1. Ti suggeriamo la lettura dei seguenti articoli:
      -Disabile: esenzione bollo auto e IVA https://www.laleggepertutti.it/388761_disabile-esenzione-bollo-auto-e-iva
      -Auto consigliate per trasporto disabili https://www.laleggepertutti.it/359986_auto-consigliate-per-trasporto-disabili
      -Come funziona legge 104 per acquisto auto? https://www.laleggepertutti.it/147436_come-funziona-legge-104-per-acquisto-auto
      -Si può guidare un’auto intestata a disabile? https://www.laleggepertutti.it/346702_si-puo-guidare-unauto-intestata-a-disabile

  5. Buonasera, mio padre (88 anni) ha il riconoscimento legge 104 per grave handicap art 3 comma 3 con assegno di accompagnamento. Non ha più la patente da qualche anno ma non è fiscalmente a mio carico. Posso acquistare l’auto con i benefici previsti in queste situazioni intestando a lui il mezzo? Chiaro che sarei poi io a usufruirne in maniera esclusiva sicuramente per le necessità del familiare (come sempre fatto con la mia autovettura) ma anche per uso privato. Cosa vuol dire uso esclusivo o prevalente? Non mi è chiaro il distinguo, non sarebbe nelle mie intenzione avere un secondo mezzo a me intestato per gli usi inerenti la mia persona. Grazie in anticipo per l’attenzione. Cordialmente.

  6. Buongiorno, vorrei acquistare un auto per mia madre che ha la 104, lei ha solo la pensione di invalidità quindi non supera il redito di 2.840,51 euro .
    Premetto che non vivo con mia madre, esattamente quali documenti ho bisogno per comprovare che è fiscalmente a mio carico ?
    Grazie,cordiali saluti

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube