Diritto e Fisco | Articoli

Pensione d’invalidità specifica, quando si riduce?

16 Gennaio 2018 | Autore:
Pensione d’invalidità specifica, quando si riduce?

Pensioni d’invalidità diverse dall’assegno ordinario: quali riduzioni devono essere applicate a chi possiede altri redditi.

La pensione d’invalidità, a differenza della generalità delle pensioni dirette (di vecchiaia, anticipata, di anzianità) non integrate, non può essere pienamente cumulata con ulteriori redditi. A questo proposito, però, bisogna fare attenzione: non esiste difatti una sola pensione d’invalidità, cioè una prestazione unica collegata alla riduzione della capacità lavorativa, ma il trattamento cambia a seconda della posizione assicurativa dell’interessato e delle sue condizioni di salute.

Innanzitutto, non bisogna confondere la pensione d’invalidità civile, o assegno di assistenza, e la pensione per invalidi civili totali, con le altre prestazioni collegate all’invalidità: la pensione d’invalidità civile, difatti, è una prestazione di assistenza non collegata ai contributi versati all’Inps o a diverse gestioni previdenziali dall’interessato.

Per quanto riguarda le prestazioni d’invalidità collegate al versamento di una contribuzione minima presso la gestione previdenziale di appartenenza, poi, è importante non fare confusione tra l’assegno ordinario d’invalidità e altre pensioni d’invalidità o inabilità specifiche, come la pensione per inabilità alle mansioni o a proficuo lavoro e altre pensioni d’invalidità differenti. Ad esempio, la pensione d’invalidità specifica per il Fondo Volo, rispetto all’assegno d’invalidità ordinario, richiede un maggiore requisito contributivo, la cessazione del rapporto di lavoro e una riduzione della capacità lavorativa specifica (il lavoratore deve risultare permanentemente inabile ad esercitare la professione autorizzata da un regolare brevetto aeronautico o da altro documento equipollente).

Alle pensioni d’invalidità specifica, poi, non si applicano le stesse riduzioni che si applicano all’assegno ordinario d’invalidità: vediamo allora, in questa breve guida, quando si riduce la pensione d’invalidità specifica e in quale misura.

Riduzione dell’assegno ordinario d’invalidità

Considerando che la pensione d’invalidità specifica è un trattamento diverso dall’assegno ordinario d’invalidità, non si deve applicare la cosiddetta prima riduzione prevista dalla Legge Dini [1], cioè il taglio del 25% o del 50% della pensione se il reddito conseguito è superiore, rispettivamente, a 4 volte o a 5 volte il trattamento minimo annuo, ossia a 26.385,32 euro e 32.981,65 euro, per l’anno 2018. Questa riduzione, difatti, è riferita al solo assegno ordinario d’invalidità.

Riduzione della pensione d’invalidità specifica

Alle pensioni d’invalidità previste per il pubblico impiego (inabilità alle mansioni, a proficuo lavoro, trattamenti privilegiati…) ed a quelle previste per i lavoratori del settore privato, diverse dall’assegno ordinario d’invalidità e dalla pensione per inabilità permanente ed assoluta a qualsiasi attività lavorativa, si applica soltanto la cosiddetta seconda riduzione prevista dalla Legge Amato [2].

La riduzione non va applicata nel caso in cui l’interessato raggiunga almeno 40 anni di contributi, come specificato dalla normativa e chiarito da una nota circolare Inps [3].

Nel dettaglio, la riduzione della pensione d’invalidità specifica è applicabile, qualora l’interessato svolga un’attività lavorativa, al rateo di pensione eccedente il trattamento minimo, quindi solo se la prestazione è superiore al trattamento minimo (507,41 euro al mese per il 2018).

La riduzione varia a seconda della provenienza del reddito:

  • se il reddito è da lavoro dipendente, il taglio della pensione è pari al 50% della quota eccedente il trattamento minimo, fermo restando che la decurtazione non può superare il reddito stesso;
  • se il reddito è da lavoro autonomo, la riduzione è pari al 30% della quota eccedente il trattamento minimo, e comunque non può essere superiore al 30% del reddito prodotto [4].

In ogni caso la riduzione non si applica [2] [3]:

  • se il reddito conseguito è inferiore al trattamento minimo Inps;
  • se il pensionato è impiegato in contratti di lavoro subordinato a termine la cui durata non superi le 50 giornate nell’anno solare;
  • se il reddito deriva da attività svolte nell’ambito di programmi di reinserimento degli anziani in attività socialmente utili, promosse da enti locali ed altre istituzioni pubbliche e private;
  • se il lavoratore è occupato in qualità di operaio agricolo;
  • se il pensionato è occupato in qualità di addetto ai servizi domestici e familiari;
  • se il reddito conseguito è un’indennità percepita per l’esercizio della funzione di giudice di pace;
  • se il reddito conseguito è un’indennità o un gettone di presenza percepiti dagli amministratori locali;
  • se il reddito conseguito è un’indennità comunque connessa a cariche pubbliche elettive;
  • se il reddito conseguito è un’indennità percepita dai giudici onorari aggregati per l’esercizio delle loro funzioni;
  • se il reddito conseguito è un’indennità percepita dai giudici tributari.

Pensione d’invalidità: chi risiede all’estero la perde?

La residenza all’estero non fa venir meno il diritto alla prestazione, in caso di assegno ordinario d’invalidità o di pensione d’invalidità specifica: viene negato invece il diritto alla pensione d’invalidità civile, in quanto si tratta di una prestazione puramente assistenziale non basata sui contributi versati.


note

[1] Art.1, Co.42, L. 335/1995.

[2] Art.10 D.lgs. 503/1992.

[3] Inps Circ. 197/2003.

[4] Art.72, Co.1 L. 388/2000.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube