Diritto e Fisco | Articoli

Medico di base: visite e certificati gratuiti e a pagamento

16 Gennaio 2018
Medico di base: visite e certificati gratuiti e a pagamento

Cosa fa il medico di famiglia o medico curante: le visite a domicilio, i certificati medici a pagamento e quelli gratuiti.

Capita spesso che, dinanzi alla richiesta di pagamento presentata dal medico di base, si rimanga spiazzati. Spesso infatti si cade nell’errore di ritenere che tutte le prestazioni che quest’ultimo eroga siano gratuite in quanto “convenzionato” con il Servizio Sanitario. Non è così. La legge infatti stabilisce che alcuni dei certificati rilasciati dal medico curante (comunemente detto anche «medico di famiglia») siano a pagamento. In questo articolo cercheremo di spiegare dunque chi è e cosa fa il medico di base, ma soprattutto quali sono i certificati medici a pagamento e gratuiti del medico di base.

Chi è il medico di base?

Sono tanti i modi con cui viene comunemente chiamato il medico di base: c’è chi lo chiama medico curante, chi ancora medico di famiglia, medico di fiducia, medico generico o ancora medico di medicina generale. La figura è però sempre la stessa: si tratta di un medico di assistenza primaria inserito nell’ambito del Servizio sanitario nazionale. Costituisce l’ufficiale sanitario di primo livello, ossia che presta il primo livello di assistenza sul territorio. Il suo scopo è tutelare la salute dei propri pazienti con attività di diagnosi, terapia e prevenzione, garantire livelli essenziali di assistenza, contribuire allo sviluppo e alla diffusione della cultura sanitaria. Al medico di base ci si rivolge ad esempio per:

  • ottenere i certificati medici da rilasciare al datore di lavoro o alle altre strutture pubbliche che ne facciano richiesta;
  • ottenere le prescrizioni per l’acquisto di farmaci che richiedono la ricetta;
  • occuparsi dei pazienti attraverso la visita a domicilio e ambulatoriale;
  • chiedere la consulenza a medici specialistici;
  • aggiornare la scheda sanitaria dei pazienti;
  • redigere certificazioni obbligatorie per legge ai fini della riammissione alla
  • scuola dell’obbligo, agli asili nido, alla scuola materna e alle scuole secondarie
  • superiori;
  • rilasciare certificazioni di idoneità allo svolgimento di attività sportive non
  • agonistiche.

Come si sceglie il medico di base?

Si può scegliere il proprio medico di base all’età di 14 anni. Se i genitori lo autorizzano la scelta può essere anticipata sin dal 6° anno di età.

Per scegliere il medico di base bisogna recarsi all’Ufficio anagrafe del Distretto sanitario di residenza per comunicare la scelta, munito del libretto sanitario, della Tessera sanitaria e di un documento di riconoscimento.

Per selezionarlo si può consultare l’elenco dei medici convenzionati che si trova negli uffici dell’Azienda sanitaria del territorio o sui siti internet; presso gli uffici è possibile inoltre richiedere il curriculum vitae del medico.

Quando è aperto il medico di base?

Il medico di base deve lasciare aperto il proprio studio per almeno 5 giorni alla settimana, preferibilmente da lunedì a venerdì, secondo un orario congruo stabilito in base al numero degli iscritti e comunque non inferiore a:

  • 5 ore settimanali fino a 500 assistiti,
  • 10 ore settimanali da 500 a 1.000 assistiti
  • 15 ore settimanali da 1.000 e 1.500 assistiti.

Durante il sabato il medico non è obbligato a svolgere attività ambulatoriale, però deve effettuare le visite domiciliari che ritiene opportuno.

 Visite a domicilio del medico di base

Le visite a domicilio vengono fatte dal medico di base solo se il malato è grave, urgente e non è trasportabile in studio. A valutare la sussistenza di tali presupposti è lo stesso medico di famiglia. Qualora reputi ingiustificata la richiesta di visita domiciliare, il medico può decidere di far pagare la visita.

Vediamo ora entro quanto tempo vanno fatte le visite domiciliari. Se il paziente telefona al medico entro le ore 10:00, la visita va fatta nello steso giorno; se telefona dopo la visita può essere fatta anche il giorno successivo ma entro le 12:00.

Il medico di base può rifiutarsi di ricevere un paziente?

Immaginiamo di fare la fila all’ambulatorio del medico e che, arrivato il nostro turno, il medico ci dica che non può più riceverci perché l’orario di visita è terminato. Può farlo? Il medico può fissare l’appuntamento ai suoi assistiti, però non può rifiutarsi di ricevere un paziente che si presenti in ambulatorio senza appuntamento per una richiesta d’urgenza.

Attività del medico di base a pagamento

Non sempre l’attività del medico di base è gratuita. Innanzitutto abbiamo già visto che, quando la visita domiciliare non è urgente, necessaria e il paziente risulta trasportabile, il medico può farsi pagare l’intervento.

Inoltre, per alcuni certificati medici il paziente è tenuto a pagare un corrispettivo secondo il tariffario esposto nell’ambulatorio. Il che coglie spesso impreparati i cittadini che, all’oscuro di ciò, ritengono invece che quanto fornito dal medico curante sia sempre gratis. Cerchiamo allora di capire quali sono le prestazioni e i certificati che il medico esegue gratuitamente e quelli per i quali invece può chiedere il pagamento.

Attività del medico di base gratuite

Il medico di famiglia assicura le seguenti prestazioni:

  • visita medica ambulatoriale e domiciliare;
  • prescrizione di farmaci, richieste di visite specialistiche e di accertamenti diagnostici sia strumentali sia di laboratorio;
  • proposta di ricovero alla struttura ospedaliera;
  • proposte di cure domiciliari alternative al ricovero;
  • rilascio gratuito dei seguenti certificati medici previsti dagli accordi nazionali: a) certificati di riammissione a scuola dopo malattia; b) certificazione di idoneità allo svolgimento di attività sportiva non agonistica solo in ambito scolastico; c) certificati di malattia per i lavoratori;
  • a sua discrezione, alcune prestazioni di particolare impegno professionale (ad es. suture di ferite superficiali, rimozione di punti di sutura, medicazioni, vaccini, ecc.). Se non lo ritiene, tuttavia, il medico di base può farsi pagare per tali prestazioni.

Attività del medico di base a pagamento

Alcuni certificati medici, come quelli sottoelencati, sono a pagamento e il tariffario è esposto nell’ambulatorio medico:

  • certificazioni di invalidità civile o di infortunio sul lavoro;
  • certificazioni di idoneità allo svolgimento di attività sportive non agonistiche;
  • prestazioni non comprese nei compiti e nelle attività previste dall’accordo
  • collettivo nazionale dei Medici di medicina generale ovvero le prestazioni
  • richieste e svolte in fasce orarie notturne prefestive e festive;
  • visite ambulatoriali e domiciliari occasionali effettuate da un medico di famiglia che non è il proprio.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

22 Commenti

  1. Il medico di base che ti segue da anni e conosce il tuo stato di salute, perchè deve essere pagato per attestarlo su un foglio precompilato dove basta sbarrare il si o no alle varie voci indicate? Non basta quello che gli eroga il servizio nazionale? (ho 80 anni , il rinnovo patente è x 2 anni e
    mi sono state richieste 50 euro per il minuto impiegato per apporre la firma ed il timbro sul documento)

    1. Perché per ‘’ sbarrare quelle caselle ‘’ devi essere un medico che si è fatto un mazzo…per sei anni… di studi universitari.

      1. Evidentemente chi ha risposto alla mia domanda è sicuramente un medico (CHE SI E’ FATTO UN MAZZO TANTO PER SEI ANNI). Ma forse questo medico non sa che tutti coloro che hanno conseguito una laurea si sono fatti un bel mazzo e per guadagnare 50 euro devono continuare a farsi il mazzo molto per più del tempo necessario per mettere quattro croci su un foglio prestampato.
        Questo medico deve anche pensare che chi richiede tale certificato è anche il pensionato ottantenne che vive vive con un reddito di gran lunga inferiore al medico del MAZZO.

        1. non si pagano le crocette ma,la responsabilitá che il medico si assume , che dura anche per anni e che lo possono portare a rispondere civilmente , penalmente e deontologicamente. In quanto alle tariffe di altri laureati, per responsabilitá ben minori, meglio non fare confronti

          1. Palle queste sono le solite chiacchiere per la massa che circolano. Un certificato era riferito al giorno e più precisamente ad un’ ora, oltre tale Data non c’è più una diretta responsabilità del medico certificatore.. Esempio,visita oculistica per patente di guida esito visus 10 decimi, E dopo due anni, se la vista cala il medico che ha lasciato certificato ne risponde se fai un incidente? Certificato anamnestico rilascio rinnovo di porto d’arma,, sono tre crocette da mettere alle voci fa uso di droghe (se sono nuovo come assistito da quel medico lo sa solamente se io gli dico che uso droghe), È psicologicamente stabile e non fa uso di farmaci particolari.. Non c’è nulla che possa identificare la persona con una patologia psicologica in piena lucidità (neanche una visita specialistica con uno psicologo), poi come è già capitato la persona si reca al poligono con il porto d’arma e si spara dopo otto mesi. Per cui la responsabilità del medico finisce alla firma del certificato (come risulta dalle indagini di PG della questura in merito al fatto).. In più nella pratica pare ci sia l’obbligo obbligo in caso certificato anamnestico che sia rilasciato dal medico curante il quale lo rilascia negli orari in cui è in servizio come pubblico ufficiale ho ufficiale sanitario di primo livello, E non come libera professione, per cui dovrebbe essere retribuito come previsto dal tariffario nazionale della sanità, Peccato che tale voce del tariffario non esista. Nella pratica il medico curante utilizza tariffe stabilite dalla sua associazione sindacale (ogni medico pu0 aderire a quella che vuole magari quella per lui la più conveniente) esempio a Milano € 50/60 ; il mio Sesto San Giovanni € 130 penso ci sia una grossa disparità per le tre crocette a cui non è consegue una responsabilità diretta del medico nel futuro come spiegato prima.

        2. Dunque: trattandosi di una prestazione che per legge è a pagamento ( poiché esula dalle attività necessarie per la salute) in pratica secondo lei si dovrebbero praticare tariffe individuali sulla base del reddito del richiedente o magari fare quel lavoro gratis ?

        3. Ogni cosa che firma un medico comporta una responsabilità. Se lie non sta bene il medico evidenzia
          Il problema per proteggere il paz è la società. Pensi alzheimer , vista, udito diabetici i tossicodipendenti, cardiopatici epilettici, osas ecc.se ognuno prima di parlare collegasse il cervello sarebbe meglio

      2. IL MAZZO SE LO FA’ CHI LAVORA 10 ORE AL GIORNO COME ARTIGIANO, NON UN DOTTORE GENERICO CHE SE NE STA TUTTO IL GIORNO SEDUTO A PRESCRIVERE MEDICINALI CHE GLI VENGONO PROPOSTI PERCHE’ HA LA PERCENTUALE.

      3. Non considerando che comunque si percepisce gia` un degno stipendio ben remunerato ma comunque esiste un`etica professionale ed una certa “umania`” nell`avere coraggio di chieder ben 30 euro (o addirittura 50 euro) per barrare delle voci su un foglio di carta. Conosco moltissimi medici dal volto umano e molto propfessionali che appunto sentono la missione di MEDICO e che si rifiutano di ricevere una tale indennizzo.

    2. Il certificato anamnestico per la patente NON rientra tra le prestazioni obbligatorie e necessarie per la salute.
      È una certificazione EXTRA, richiesta dall’assistito per finalità personali ( conseguire la patente non è mica un bisogno di salute necessario ) e la legge stabilisce che queste prestazioni siano soggette a pagamento.
      Per cui se non lo richiede, non paga nulla.

  2. salve il mio medico di famiglia mi deve fare il certificato per la malattia professionale da mandare a inail istituto al quale mi dice che per ogni patologia va fatto un certificato non so se sia cosi poi mi dicono che tali certificati non devo pagarli perche i medici sono convenzionati co inail posso avere notizie certe grazie

  3. salve vorrei sapere se e vero che per fare il certificato di malattia professionale ci vuole un certificato per ogni patologia e che al medico di famiglia non si deve pagare niente perche sono convenzionati con inail grazie

    1. Leggi i nostri articoli:
      -Rilascio certificato medico malattia: come fare? https://www.laleggepertutti.it/191616_rilascio-certificato-medico-malattia-come-fare
      -Come avere certificato medico per malattia https://www.laleggepertutti.it/168239_come-avere-certificato-medico-per-malattia
      -Modulo cartaceo denuncia malattia professionale https://www.laleggepertutti.it/277733_modulo-cartaceo-denuncia-malattia-professionale
      -Infortuni e malattia professionale: cambia il certificato medico https://www.laleggepertutti.it/115746_infortuni-e-malattia-professionale-cambia-il-certificato-medico
      -Dipendente in malattia: obbligo di comunicazione e certificato medico https://www.laleggepertutti.it/127089_dipendente-in-malattia-obbligo-di-comunicazione-e-certificato-medico

  4. Salve vorrei sapere se per il certificato medico non agonistico per la palestra che il mio medico fa pagare , è previsto che lui rilasci la ricevuta e se questa è possibile utilizzarla per la detrazione delle tasse grazie

    1. Ti suggeriamo di leggere i nostri articoli sull’argomento:
      -Il certificato medico sportivo: è sempre obbligatorio? Si deve pagare? https://www.laleggepertutti.it/246538_il-certificato-medico-sportivo-e-sempre-obbligatorio-si-deve-pagare
      -Certificato medico agonistico e non agonistico: quali differenze https://www.laleggepertutti.it/192046_certificato-medico-agonistico-e-non-agonistico-quali-differenze
      -Certificato medico ludico motorio https://www.laleggepertutti.it/287843_certificato-medico-ludico-motorio

  5. buonasera,

    settimana scorsa avevo la polmonite,mi serviva il foglio da presentare al datore di lavoro,il medico di base si è rifiutato di venire a casa mia per farmi questo certificato pregiudicando in primis la mia salute ed in secundis i pazienti di tale ambuloatorio. Volevo chiedere se il medico avesse realmente la possibilità di rifiutarsi di adempiere a tale richiesta. Grazie

    1. Si perché il certificato é telematico e va inviato tramite internet con collegamento all’Inps. Le ha fatto risparmiare di dover spedire una raccomandata che è a carico suo

  6. Buonasera
    gradirei sapere se il certificato medico per domanda d’invalidità e domanda SS3 la fattura del medico curante di famiglia per inserirla nella dichiarazione dei reddito 730 del 2021 va regolarizzata mediante pagamento tracciabile o anche in contante grazie.

  7. Per una richiesta visita geriatrica (ricetta rossa)N ai fini dell’invalidita’ civile per la mia mamma ha voluto 50 euro.
    Secondo me non e’ giusto

  8. Buona sera, il mio medico x togliermi 7 punti di sutura ha voluto 15 euro a punto +15 euro x un totale di 120 euro. Qualcuno sa dirmi se la spesa è regolare? Ho letto che farsi pagare x togliere i punti è a discrezione del medico, ma la cifra? Evidentemente il mio medico è appassionato di denaro, perché ho sentito molte persone ,che i loro medici non gli hanno preso niente. Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube